Negramaro Salento Rosso Igt 2010 | Voto 87/100 I Buongiorno

Letture: 407
Negroamaro Salento Rosso 2010 I Buongiorno

I Buongiorno

Uva: negroamaro
Fascia di prezzo: 10,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 30/35

Teodosio Buongiorno e sua moglie Teresa sono proprietari del ristorante stellato a Carovigno (Br), Già sotto l’Arco. Insieme formano una coppia perfetta: lei è un’eccellente e creativa cuoca e lui invece è un bravoo sommelier ed un eleganteo e misurato padrone di casa che sa accogliere con stile e garbo i clienti in sala.

Teodosio, da appassionato e competente enofilo, ha sempre accarezzato il sogno di poter produrre un giorno delle etichette di vino tutte sue. E finalmente il suo desiderio si è realizzato con una produzione, seppur minimalista, curata dalla professionale consulenza dell’enologo Vincenzo Laera.

Naturalmente si è pensato bene di privilegiare i vitigni locali, come il negroamaro, il primitivo, il minutolo e l’aleatico, allevati in parte col classico sistema ad alberello e vecchi di 40 anni.

Tra questi  il Negramaro Salento Rosso Igt 2010. Un vino rappresentativo che riflette fedelmente il territorio di appartenenza e che, dopo la fermentazione e la malolattica, trascorre alcuni mesi in acciaio e poi in legno per il completo affinamento. La gradazione alcolica, come vuole la prassi, è abbastanza elevata e si attesta a 15° C.

Negroamaro Salento Rosso 2010 I Buongiorno

Il colore  è ancora giovane e brillante, con un cromatismo rubino venato da brillanti sfumature purpuree. Al naso salgono profumi intensi e coinvolgenti che ricordano la frutta rossa, come la prugna, la marasca ed il melograno e accenni speziati di noce moscata e di chiodi di garofano, cui si aggiungono umori vanigliati, tostati e vegetali.

In bocca il vino esprime potenza, corposità, struttura e soprattutto mette in mostra una scia calda, per via dell’elevato tenore alcolico. Ma poi denota anche equilibrio, eleganza, sapidità, rotondità, morbidezza ed una spalla acida, che permette di refrigerare il palato, per finire poi con estratti fruttati già percepiti all’olfatto. Il tannino, infine, è già quasi risolto. Il retrogusto è persistente e godibile. Futuro roseo. Prezzo intrigante. Abbinamento ideale con carni rosse alla brace, capretto al forno e formaggi stagionati pugliesi. Prosit!

 

Questa scheda è di Enrico Malgi

 

Sede a Carovigno (Br) – Corso Vittorio Emanuele II, 71

Tel. 0831 996286

info@buongiorno.itwww.buongiorno.it

Enologo: Vincenzo Laera

Bottiglie prodotte: 30.000

Vitigni: negroamaro, primitivo, aleatico e minutolo