Negroamaro Salento Igp Brut Rosé Vino Spumante di Qualità – Azienda Santi Dimitri

13/8/2016 963
Santi Dimitri etichetta
Santi Dimitri spumante rosè

di Enrico Malgi

Quando si beve un vino spumante in generale  deve essere fresco, dissetante, invitante, vivace, leggero, poco alcolico, profumato, fruttato e floreale. E poi deve essere piacevole al palato, tanto da indurre a ripetere la beva. Deve anche sapere accompagnare un intero pasto composto da alimenti diversi di terra e di mare (a parte la carne rossa naturalmente), pulendo e sgrassando la bocca.  Ecco, così ho tracciato proprio l’identikit del Negroamaro Salento Igp Brut Rosé Vino Spumante di Qualità dell’azienda agricola Santi Dimitri di Galatina, che ho appena assaggiato a pranzo.

Santi dimitri spumante
Santi dimitri spumante

Solo negroamaro salentino, che si dimostra sempre di più un vitigno sorprendente e connotato da mille sfaccettature. Metodo Martinotti con permanenza sui lieviti di centoventi giorni (quindi subito pronto, immediato, approcciabile e beverino), vinificazione secondo il sistema della “lacrima” come usa nel Salento, tasso alcolico di appena undici e mezzo e prezzo finale di soli 11,00 euro.

Giova aggiungere ancora che come spumante Brut contiene un residuo zuccherino inferiore ai dodici grammi per litro. Il colore è di un rosa sbiadito, come si usa dire “a buccia di cipolla”. Le bollicine di anidride carbonica che si sviluppano nella flute sono numerose e persistenti. Insomma, è davvero un ottimo spumante da bere come aperitivo, oppure da abbinare a finger food, piatti di pesce crudo, molluschi e stuzzichini vari. Prosit!

Sede a Galatina (Le) – Via Guidano – Contrada Santi Dimitri

Tel. 0836 565866 – Fax 0836 565867

info@santidimitri.itwww.santidimitri.it 

Enologo: Andrea Boaretti

Agronomo: Filippo Giannone

Ettari di proprietà: 200, di cui 60 vitati

Bottiglie prodotte: 150.000

Vitigni: negroamaro, primitivo, aleatico, merlot, cabernet sauvignon, fiano, pinot bianco, chardonnay e sauvignon blanc

 

Foto di Enrico Malgi