Nerìo Rosso Riserva Nardò Doc 2012 Schola Sarmenti Vino |Radici del Sud 2016 e Top 1000 Wine Spectator 2015

30/12/2016 977
Nerio Rosso Riserva Nardo' Doc 2012 Schola Sarmenti
Nerio Rosso Riserva Nardo’ Doc 2012 Schola Sarmenti

di Enrico Malgi

Domanda molto semplice: quando un vino viene premiato costantemente da guide, riviste specializzate e panel di degustatori a livello nazionale ed internazionale si può considerare al top? Nella fattispecie mi limito solo a segnalare che il Nerìo Rosso Nardò Riserva Doc 2012 dell’azienda Terrulenta Schola Sarmenti di Nardò è stato inserito nella “Top 100” 2015 da Wine Spectator, che ha esaltato soltanto altre diciotto etichette italiane. E che poi l’annata 2013 ha conquistato il secondo posto ex aequo da parte della giuria dei Buyers all’edizione 2016 di Radici del Sud nella categoria del Negroamaro, replicando così i prestigiosi piazzamenti degli anni scorsi. Senza dimenticare poi che tutta la vasta produzione aziendale è spesso fatta oggetto di molteplici riconoscimenti.

Controetichetta Nerio Rosso Riserva Nardo' Doc 2012 Schola Sarmenti
Controetichetta Nerio Rosso Riserva Nardo’ Doc 2012 Schola Sarmenti

Al di là di questi giusti premi ricevuti, resta il fatto che la bottiglia in questione, metodo biologico, è indiscutibilmente una delle migliori di tutto il Salento, frutto di un blend di negroamaro all’80% e saldo di malvasia nera.

Classico il sistema di allevamento ad alberello, con piante vecchie di quasi cinquant’anni. Maturazione in acciaio e poi in tonneaux di quercia francese per otto mesi ed affinamento in vetro per ulteriori dieci mesi. Quattordici i gradi alcolici. Il prezzo finale si aggira intorno ai 15,00 euro, un vero regalo!

Sintomatico il bel colore rosso rubino luccicante nel bicchiere. Il profilo olfattivo è decisamente intenso ed intrigante, connotato da variegati profumi. In primis si evidenziano frutta rossa piccola e grande; e poi  violetta e di vegetali; ed ancora pezie orientali come i chiodi di garofano, la vaniglia e la noce moscata, accompagnate da un rivolo di leggero fumé. Impatto del sorso sulla lingua subito caldo, ma non troppo, e sicuramente morbido e carezzevole senza alcuna asperità tannica. Bocca ampia e voluminosa, tracimante di freschezza, dinamicità, asciuttezza, rotondità, equilibrio ed armonia. Il finale è di quelli epicurei per espansione e voluttà, con retrogusto lievemente amaricante come da copione. Da preferire su orecchiette al sugo di carne, capretto al forno e formaggio grana. Prosit!

Sede a Nardò (Le) – Via Generale Cantone, 37
Tel e Fax 0833 567247 – Cell 349 2333783
info@scholasarmenti.itwww.scholasarmenti.it
Enologo: Leonardo Pinto
Ettari vitati di proprietà: 41, più 13 in affitto
Bottiglie prodotte: 240.000
Vitigni: primitivo, negroamaro, malvasia nera, fiano e chardonnay