Nero al Tasso 2001 Beneventano igt

Letture: 53

DE ANGELIS

Uva: aglianico
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Con questo vino è partita la collaborazione tra Angelo Valentino, giovane enologo irpino protagonista di tanti piccoli capolavori tra cui il Kerres dei Pentri censito dal maestro Gianni Mura sul Venerdì e i prodotti della azien da Macchialupa di cui è socio, e la storica azienda De Angelis di Sorrento che ha deciso di svoltare passando dall’imbottigliamento tout court ad una vinificazione più attenta come è giusto che sia in quella zona dove la ristorazione deve essere messa in condizione di presentare i vini del territorio. Lo abbiamo riprovato di recente e dobbiamo dire che il Nero al Tasso, prodotto con aglianico di Torrecuso, si presenta in grande spolvero, a cominciare dal rosso rubino cupo dalal trama fitta e impenetrabile per proseguire con il naso intenso e persistente di frutta di bosco, spezie, liquirizie, cioccolato, ancora un po’ di vaniglia. La beva è ben sostenuta dalla spinta fresca che domina incontrastata bilanciata dalla morbidezza mentre l’alcol si avverte paradossalmente più al nasi che in bocca dove la beva è sostanzialmente ben equilibrata mantenendo le promesse olfattive. Finale lungo, asciutto, molto bello come solo l’Aglianico in genere è capace. Lo abbiniamo sicuramente a formaggi stagionati o un provolone del Monaco stagionato.

Sede a Sorrento. Via Marziale, 14. Tel. 081. 8781648. Enologo: Angelo Valentino. Ettari: 2 di proprietà. Bottiglie prodotte: 160.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, primitivo, sciascinoso, sangiovese, greco, falanghina,