Nestor 2006 Greco di Tufo docg

Letture: 41

TENUTA DEL CAVALIER PEPE

Uva: greco di Tufo
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Alla seconda vendemmia il Greco di Tufo prodotto dall’azienda gestita dalla simpatica Milena Pepe ha migliorato il suo già promettente esordio. L’annata 2006 l’avevamo provata qualche mese addietro (a maggio 2007) nel corso delle degustazioni per l’edizione 2008 della guida ‘Vini Buoni d’Italia’ del Touring Club Italiano. Ci era piaciuta subito anche se si avvertiva ancora qualche squilibrio nel calice rispetto all’armonia che contrassegnava in quel momento l’annata precedente. Sono bastati altri dieci mesi ed ecco che gli squilibri sono praticamente scomparsi grazie ad ulteriore riposo in vetro. Conferma di un giudizio oramai scontato ma ancora non compreso appieno dalla totalità degli addetti ai lavori: i bianchi campani iniziano a dare il meglio a due anni dalla vendemmia e spesso si contraddistinguono per una (per certi versi) imprevedibile longevità. Ad avallare quanto andiamo affermando da tempo ecco la serata in programma lunedì prossimo (18 febbraio) al ‘Sessantanove’ di Napoli, quando farà la sua prima comparsa una falanghina targata Fontanavecchia udite, udite, udite annata 2001. Ma ritorniamo in Irpinia per scrivere dell’interesse che suscita la versione 2006 del ‘Nestor’ che si presenta con stoffa di notevole pregio e struttura di particolare eleganza. La differenza più netta rispetto all’annata precedente sta forse proprio nella struttura che caratterizza questo vino di calda mineralità. Il buon tasso alcolico (13°) è bilanciato in maniera impeccabile da una bella nota fresca che si avverte soprattutto nel finale e capace di allungarsi fino al successivo sorso. Caldo e piacevole, dunque, questo bianco che al naso esprime una bel ventaglio di frutta, dalla mela bella matura fino agli agrumi. E poi, come già detto, l’armonia ben avvertita al palato dove, dopo tanta avvolgenza e pulizia, il finale lascia spazio a note più evolute, fini e persistenti. Un vino da non perdere da qui a qualche anno e  che noi amiamo spendere su una vellutata di funghi porcini, su saporite pietanze di pesce al forno con patate oppure su una classica pasta e patate con scamorza affumicata.

Questa scheda è di Pasquale Carlo

Sede a Sant’Angelo all’Esca, via Santa Vara – Tel. 0827.73766 – Fax 0827.78136 – info@tenutacavalierpepe.it – www.tenutacavalierpepe.it – Enologo: Milena Pepe con i consigli di Raffaele Inglese – Ettari: 35 di proprietà – Bottiglie prodotte:100.000 – Vitigni: fiano, greco di Tufo, coda di volpe, aglianico