Niko Romito a Castel di Sangro, Casadonna delle meraviglie

Letture: 714
Uno degli ingressi

di Albert Sapere

Non può che essere questo il titolo di questo post. Un posto meraviglioso, un progetto di vita per Niko Romito e la sorella Cristiana. Le sei stanze, gli spazi per gli eventi, il ristorante gourmet, il vigneto di pecorino a 860 meri di altezza, gli alveari, il frutteto, l’orto.  Poi la scuola di formazione che accoglie per sessioni di otto mesi dodici aspiranti chef provenienti dall’Italia e dall’estero, fortemente motivati e desiderosi di affrontare seriamente il primo passo del percorso che li separa dalla giacca da chef. La scuola è moderna, ottimamente attrezzata e con un programma di lezioni intenso e di alto livello qualitativo.

dettaglio Casadonna

 

il Reale

 

La scuola di formazione

 

la scuola

 

il vigneto a 860 mt

Casadonna ha un arredamento molto minimalista, pulito, tanto bianco, legno, antichi pavimenti di pietra e ferro impreziosiscono il tutto. In un momento così difficile per  l’Italia un progetto come questo è un inno all’ottimismo.

l’ingresso del ristorante

 

la vista da Casadonna

 

la vigna

Pane e grissini fatti in casa, il pane con la farina di solina.

i grissini

 

il pane

Un mix di assaggi tra materia e tecnica per iniziare. La tradizione contadina abruzzese esaltate da materie prime di grande qualità e la tecnica di Niko, rendono questi assaggi golosi e godibili, pensati, ma anche facilmente leggibili. Inizio Scoppiettante

La crostatina con le olive nere è un piccolo gioiello.

crostatina con olive nere
la vigna

Panino con scampi

Il pane croccante e sapido lo scampo dolce.

panino con scampi

Baccalà, patate, olive nere e basilico

Ingredienti classici, consistenze e temperature diverse.

baccalà, patate, olive nere e basilico

Acciughe, scampo, cime di rapa e patate

Intenso e delicato come un velluto.

acciughe, scampo, cime di rapa e patate

Emulsione fredda di manzo e olio con dragoncello e maionese di lamponi

La carne è dolce, setosa, ingentilita e sfibrata dall’emulsione con l’olio, la maionese con una spiccata acidità resetta il palato.

emulsione fredda di manzo e olio con dragoncello e maionese di lamponi

Gel di vitello, porcini secchi, mandorle, rosmarino e tartufo nero

Un piatto da mangiare con gli occhi chiusi, un sottobosco all’ennesima potenza, elegante, profondo, con diverse consistenze, una concentrazione di sapori.

gel di vitello, porcini secchi, mandorle, rosmarino e tartufo nero
la vigna

Assoluto di cipolla

Giocato su equilibri e sfumature molto sottili, la dolcezza dell’estratto di cipolle, la sapidità dei bottoncini di Parmigiano Reggiamo, i pistilli di zafferano allungano il piatto conferendogli un carattere molto deciso.

assoluto di cipolla

Ravioli carciofi e pecorino

Una sfoglia molto sottile,  l’amaro del carciofo appena accennato, il pecorino gli dona un tocco di rusticità che completa il piatto.

ravioli carciofi e pecorino
sfoglie

 

alice fritta

 

guanciale affumicato

 

crostatina con ricotta di pecora e pomodoro candito, polpettina di capretto con patate, crocchella di cicorietta e pecorino, battuto di salsiccia con arancia candita, chips di rape rosse con patè di fegato di coniglio

Anatra croccante con sciroppo di ciliegie e spinaci

Cottura dell’anatra perfetta. Godurioso

anatra croccante con sciroppo di ciliegie e spinaci

 

degustazione di formaggi

Il dolce è moderno con note acide cercate, le coccole finali terminano con la spugna al limone per chiudere il cerchio con un dolce non dolce.

meringa, lampone e mou

 

crostatina con pesche rosmarino e panna, bomba calda al cioccolato

 

croccante al caffè e cioccolato al latte

 

spugna al limone

L’idea di buono nella cucina di Niko tende alla pura concentrazione del gusto, alla creazione attraverso la tecnica di un perfetto equilibrio nel piatto in cui tutti gli ingredienti sono chiaramente identificabili e che insieme li scopri intensi come raramente prima ti era capitato.

Champagne Sadi Malot

 

Riesling Spätlese Von Schubert Maximin Grünhauser Herrenberg

 

Castel del Monte Rosso Parco Marano 2009

Un funambolo che corre spensierato tra le altezze, complesso, ma anche facilmente leggibile,  una cucina che non aggiunge mai il superfluo, una tecnica molto evoluta al servizio delle grandi tradizioni gastronomiche abruzzesi.

lounge

 

dettaglio

 

le camere

 

chiacchiere…

Cuoco moderno, forse il più bravo quando c’è da esaltare il mondo dei vegetali, esperienza da ripetere presto.

 

Reale CasaDonna

Località CasaDonna – Castel di Sangro (AQ)

info@casadonna.it –  0864/69382

 

3 commenti

  • marina di biase

    (15 marzo 2013 - 14:53)

    fiore all’occhiello per noi cittadini di castel di sangro .grazie cristiana, grazie nico !

  • Tina

    (15 marzo 2013 - 17:12)

    Eccellenza d’Abruzzo, Grande Niko

  • daniele

    (18 marzo 2013 - 18:25)

    ci sono stato una volta ma le posso dire che è stata l esperienza più bella che ho fatto.grande chef

I commenti sono chiusi.