Noi di Sala al Settembrini: cameriere è molto più bello di chef!

Letture: 218
la squadra di Noi di Sala
la squadra di Noi di Sala

di Albert Sapere

Un Settembrini ristrutturato ha ospitato l’evento che apre la stagione delle attività dell’associazione NOI DI SALA, un gruppo di professionisti che ha l’obiettivo di far riscoprire l’essere persone di “sala e di cantina”, gestire un cliente, farlo sentire a suo agio ed accompagnarlo in un momento che deve essere di piacere, anche e non solo per quello che si mangia.

Un pubblico attento e molto incuriosito ha avuto modo di concentrare tutta la sua attenzione sulle performance di servizio ed abbinamento che alcuni tra i migliori professionisti del settore dell’accoglienza d’Italia hanno offerto.

Noi di Sala
Noi di Sala

Così per una volta si sono spente le luci (ed i fuochi) della cucina lasciando spazio a camerieri e sommelier anche per spiegare e comprendere meglio il grande ed appassionato lavoro dietro le quinte.

Valerio Capriotti e Alessandro Pipero
Valerio Capriotti e Alessandro Pipero

Non un evento fine a se stesso e nessuna voglia di protagonismo, un momento prima di tutto di grande socializzazione e riflessione che ha l’obiettivo di far passare un messaggio fondamentale: il ruolo centrale della sala e dalla cantina nei ristoranti.

Noi di Sala
Noi di Sala

Senza ripercorrere i punti salienti di una storia recente che ha messo sempre più in secondo piano il ruolo del cameriere a discapito di quello dello chef, siamo consapevoli dell’importanza di un servizio accogliente e professionale, ma negli ultimi anni, tra le nuove generazioni è impresa ardua trovare persone che con passione e dedizione si dedichino in maniera seria a questo lavoro di servizio che può portare a riscuotere grandi soddisfazioni e compensi adeguati alla bravura ed alle responsabilità.

L’associazione NOI DI SALA con i suoi corsi e le attività di comunicazione si pone l’obiettivo di avvicinare i giovani a questo mestiere ed a diffondere in generale la cultura dell’accoglienza ed il suo ruolo strategico.

Ramona Ragaini
Ramona Ragaini

Grandi sorrisi, risate, discorsi seri e non seri, principalmente una festa, ben organizzata, che ha un valore simbolico molto forte e con un messaggio chiaro e preciso: portiamo avanti la grande tradizione dell’ospitalità italiana.

4 commenti

  • elena mastrosimone

    (15 settembre 2015 - 10:24)

    E’ obbligatorio sapere dov’è il Settembrini o non è ammessa alcuna ignoranza.Per saperlo bisognaSapere.

  • maria

    (15 settembre 2015 - 12:16)

    una serata bellissima, fatta di sorrisi e di lavoro, di squadra e di voglia di crescere insieme per fare sempre meglio e sempre di più. Tanta volontà, cuore e anima per comunicare e trasmettere la bellezza dell’arte dell’accoglienza, della convivialità che ha come grande scopo far stare bene le persone.
    un onore esserci stata.

  • Mondelli Francesco

    (15 settembre 2015 - 14:24)

    A Roma nell’omonima via.Parole sante.Mi auguro solo che non cadano nel vuoto.La mia personale esperienza insegna invece che ,nonostante mi sforzi di far capire ,sopratutto agli studenti degli istituti alberghieri, di prendere in considerazione quest’attività alla fine la conclusione è sempre sconfortante:tutti vogliono fare i cuochi o pasticcieri.A questo punto non resta che augurarsi ,al più presto,la messa a punto del robot perfetto cameriere.FM.

  • elena mastrosimone

    (16 settembre 2015 - 09:44)

    vivo a Roma e conosco perfettamente la strada,ma gli altri?

I commenti sono chiusi.