Nuova puntata di Report, la verità sui dolci napoletani:-)

Letture: 417
La vignetta che gira sui social

Dopo la puntata di Report sulla pizza napoletana in rete gira questa vignetta che rilanciamo.

Il buon Iovene avrebbe trovato le prove che la sfogliatella nasce da un furto in un convento, a conferma della vocazione partenopea alla truffa.

Facendo l’occhiolino da dietro la telecamera ha fatto dire a un pakistano che in realtà oggi sono tutte di importazione.

Inoltre un esperto valdostano svela che sono piene di zucchero, alzano il picco glicemico anche perché totalmente prive di fibre. Dunque sono potenzialmente cancerogene a meno che non siano cotte a vapore.

Attanasio ha potuto esporre le sue tesi la sua in ben 15 secondi sapientemente tagliate dai 50 minuti di conversazione.

Infine l’assaggiatore, in verità formatosi sui babà, ha sentenziato che la migliore sfogliatella  si mangia a Firenze.

 

7 commenti

  • Giustino Catalano

    (14 ottobre 2014 - 20:02)

    ahahahahahahahahhahahahahah sei un GRANDE!!!!!!

  • Giancarlo

    (14 ottobre 2014 - 22:37)
  • Giancarlo

    (14 ottobre 2014 - 22:37)

    Il top

  • peppeniello

    (15 ottobre 2014 - 07:44)

    La sfogliatella riccia và vieteta ai minori di diciotto anni poichè la sua forma può risultare larvatamente erotica e richiamare atti impuri,inoltre è altamente offensiva del genere femminile come senteziarono le femministe nei lontani anni 70!

  • michele

    (15 ottobre 2014 - 08:26)

    Non sarebbe meglio prendere atto che, oltre ai tantissimi pizzaioli seri, competenti ed onesti, esistono anche “pizzaioli” cialtroni ed incapaci e che è cosa “buona e giusta” sputtanarli, così come fa giustamente fatto Report?
    E poi, mi pare che la trasmissione ha mostrato anche la realtà delle ” finte” pizze “congelate” del Nord e, pare, che da quei territori non sono giunti le ridicole “assoluzioni” che un campanilismo inconcludente e colpevole continua a propinarci.

    • marcello

      (15 ottobre 2014 - 21:56)

      PIENAMENTE D’ACCORDO

  • rosa

    (1 novembre 2014 - 08:00)

    L’ironia è la migliore arma contro l’autodenigrazione di Iovene e del gruppo gabanelliano

I commenti sono chiusi.