Cercola (Na), Panificio Michelangelo. Cioè da Lello Bobb, la Mecca della pizza nel ruoto

Letture: 16486
Panificio Michelangelo. Il banco 2
Panificio Michelangelo. Il banco 2

Cercola (Na) Panificio Michelangelo Lello Bobb
Viale Michelangelo 27
Tel. 081.7333571

di Rocco Andrisani

Chi è stato almeno una volta al Panificio Michelangelo può certamente confermare quello sto per scrivere.
Questo è più di un semplice panificio, ci troviamo di fronte ad un vero e proprio punto di riferimento gastronomico, una tappa per ogni cultore della pizza al taglio, quasi un’attrazione turistica, in quel di Cercola.
Com’è stato possibile tutto questo? Innanzitutto un ottimo pane casereccio, poi loro, delle fantastiche pizze nel ruoto di cui ormai tutta la Campania parla, e giustamente.
Completano il quadro un ampio parcheggio e l’area picnic all’esterno del punto vendita.
Ciò che mi ha colpito appena varcata la soglia del tempio di Raffaele Ottaiano, che qui tutti conoscono come “Lello Bobb” è stata la lunga coda, nonostante fosse solo mezzogiorno di un venerdì qualunque.
Lo staff però è navigato, e con calma olimpica riesce a far defluire l’ingorgo abbastanza rapidamente.
Il banco non rimane mai vuoto, nonostante venga preso d’assalto con la stessa rapidità con cui Usain Bolt stabilisce i suo record.

Panificio Michelangelo. L'ingresso e la coda
Panificio Michelangelo. L’ingresso e la coda

E nel frattempo che aspetto, ne approfitto per osservare, mentre la pizza da miraggio stile “fata Morgana” si trasforma in realtà tra le mie mani.
Intravedo una signora, che con fare esperto, come in una catena di montaggio, stende rigorosamente con le mani, della conserva di pomodoro sulle pizze.
E’ un’emozione.
E’ la tradizione cafona che rivive e che si tramanda di generazione in generazione, per non scomparire.

Panificio Michelangelo. Il banco
Panificio Michelangelo. Il banco

I condimenti delle pizze sono i più disparati, ce n’è davvero per tutti i gusti.
Gourmet?
No grazie!
Le pizze tradizionali non mancano: la margherita, quella con pomodorini di montagna e la pizza di scarola sono sempre presenti, sempre bollenti ed in prima linea.
Poi la pizza con parmigiana di melanzane, quella con mais, panna e prosciutto cotto, la pizza con vellutata di zucca, salsiccia e mozzarella oppure quella con porchetta e patate.

Panificio Michelangelo. Le pizze
Panificio Michelangelo. Le pizze

L’impasto è con farina 00 mentre la lievitazione, neanche a dirlo, con lievito madre. La pizza è alta, ben alveolata grazie alla giusta idratazione, croccante e saporita.

Panificio Michelangelo. Alveolatura e struttura
Panificio Michelangelo. Alveolatura e struttura

L’ortolana è gustosissima, forse la migliore mai provata. Papaccelle e melanzane si fondono con il fior di latte e regalano un biglietto di sola andata per il Paradiso. Si sa, la pizza nel ruoto è buona anche fredda e addirittura il giorno dopo, ma mangiarla appena sfornata è sempre un’altra cosa.

Panificio Michelangelo. Pizza ortolana
Panificio Michelangelo. Pizza ortolana

La salsiccia e friarielli è fatta a regola d’arte. I friarielli, terrosi e amarognoli, sono sfritti al punto giusto e con la giusta quantità di peperoncino e sono protagonisti.

Panificio Michelangelo. Pizza salsiccia e friarielli
Panificio Michelangelo. Pizza salsiccia e friarielli
Panificio Michelangelo. Pizza salsiccia e friarielli. Dettagli
Panificio Michelangelo. Pizza salsiccia e friarielli. Dettagli

La salsiccia e patate non scherza, con la salsiccia “a punta di coltello” di ottima qualità e pepata al punto giusto, che in cottura rilascia tutti i suoi umori insaporendo in maniera indimenticabile le patate.

Panificio Michelangelo. Pizza salsiccia e patate
Panificio Michelangelo. Pizza salsiccia e patate

Uno dei must del Panificio Michelangelo è infine la “Pizza Gattò” (gateau per i più fini).

Panificio Michelangelo. Pizza gattò
Panificio Michelangelo. Pizza gattò

 

Non esagero se dico che non è paragonabile con le altre sorelle, sarà che il Gattò è uno dei miei piatti preferiti.
Sulla base c’è uno strato di prosciutto cotto, seguito da uno di mozzarella, poi il salame napoletano, sempre abbondante ed infine la purea di patate ed il pangrattato (artigianale, of course) creano una meraviglia per gli occhi e per il palato. Sarà anche super lipidica, ma non provarla è un reato!
Se volete vivere anche voi questa esperienza sensoriale, tutto ciò che dovete fare è recarvi qui.

Panificio Michelangelo. Il box per l'asporto
Panificio Michelangelo. Il box per l’asporto

Bob farà il resto, e state pur certi che non ve ne pentirete!

6 commenti

  • Carlo Forino

    (9 novembre 2015 - 20:24)

    Semplicemente divine

  • Redrock

    (9 novembre 2015 - 22:35)

    Complimenti x la recensione, aspetto le prossime.

  • Giusy

    (10 novembre 2015 - 09:28)

    SU PER LA TI VE !!!!!!!
    E vogliamo parlare del casatiello ?

  • adriana

    (10 novembre 2015 - 14:59)

    Una leccornia ogni pizza, da assidua frequentatrice posso solo dirmi fortunata di averlo vicino. Bravo Lello

  • Pino boccia

    (10 novembre 2015 - 22:04)

    Non credo che ci sia niente di meglio

  • Antonio Calabrese

    (30 dicembre 2015 - 10:19)

    Altrove può capitare di mangiare street food a questi livelli, ma mantenerne SEMPRE alto lo standard come in questo luogo è impossibile. E’ diventato un bisogno fisico gustare periodicamente queste squisitezze.

I commenti sono chiusi.