Guida ai ristoranti e le trattorie dentro e fuori le guide > l'Irpinia
1

Nusco, La Locanda di Bu

30 novembre 2012

Jenny Auriemma

di Marina Alaimo

La Locanda di Bu è proprio nel centro storico di Nusco fatto di vicoli e casette che disegnano un delizioso presepe. Siamo nell’alta Irpinia, terra di grandi vini e sapori forti che lo chef Antonio Pisaniello sa tradurre in piatti raffinati. Ad accoglierci è l’affascinante Jenny Auriemma, sommelier e moglie di Antonio.

La sala

E’ una donna che sa incantare nel raccontare con estrema grazia i sapori, i colori, le tradizioni della propria terra. Il legame tra i due e l’Irpinia è forte, sembra quasi tracciare un triangolo serrato e arroccato tra i vicoli del paese a difesa di un sogno ambizioso, quello di veder decollare questo territorio. E l’energia impiegata in questo progetto è tanta e si percepisce con chiarezza appena messo piede nella locanda ben pensata per trasmettere accoglienza ed intimità. La cucina è a vista, particolare divertente e rassicurante che mostra con trasparenza l’identità un po’ folle e un po’ eccentrica di Antonio.  I piatti tracciano un percorso strettamente legato ai prodotti di cui questo territorio è scrigno prezioso. I menù degustazione sono tre.

I grissini fatti in casa

Autunno Inverno proposto a 45 €: ricotta fritta di Montella con broccoli pomodoro e sopressa; Stoccafisso con patate e cucungi; Tortello di patate al tartufo; Maialino con la mela annurca; Tartufo di castagne.

Tortello di patate pasta all'uovo e tartufo

Pacchero rigato di Baronia con ragù di agnello

Maialino con mela limoncella olio alla vaniglia e pistacchi

 

Tartufo di castagne su crema di kaki

A Nusco la domenica prevede  5 portate a 40 €: Affettati e sottoli: Minestra e fagioli; Cecaluccoli al ragù; La carne e il sugo; Struffoli.

I sottoli della Locanda di Bu. Asparagi e carciofini

Toni fai tu, 7 portate  proposte a 65€ con profumi e sapori della nostra terra.

Antipasto: focaccia con cipolla di Montoro, ricotta fritta, purea di broccoli, acqua di pomodoro e sopressa di Venticano

Abbiamo mangiato non bene, ma benissimo. Indimenticabile il profumo ed il sapore della zuppa di cipolla ramata di Montoro con caciocavallo irpino, così come i tortelli di patate con tartufo. L’agnello è la carne più in uso qui in Irpinia ed il piatto  dedicatogli lo esalta con grande sicurezza: agnello dalla testa ai piedi con cips di patate, costoletta, pancia, coscia e soffritto.

Agnello dalla testa ai piedi e cips di patate

In alternativa il maialino proposto con le mele limoncelle, olio alla vaniglia e pistacchio. I formaggi sono quelli della Fattoria Rosabella a Montella di Roberto Mazzei, anche lui caparbiamente impegnato nel rilanciare con coerenza l’identità ed i sapori autentici dell’Irpinia.

I formaggi Fattoria Rosabella

Alleva circa 40 capi di brune alpine che in primavera ed estate si nutrono liberamente al pascolo. Così assaggiamo scamorze, caciocavalli irpini, trecce di mozzarella e ricotta da latte esclusivamente crudo.  Antonio e Jenny sono sicuramente riusciti nel proprio intento, ovvero quello di trasmettere la grande ricchezza di sapori irpini in un clima divertente e rilassato.

Il Fiano di Clelia Romano

 

Taurasi Nero Né de Il Cancelliere

Piccola pasticceria

 

Marròn glacè e nudi di cioccolato alle castagne di Montella di Vestuto

La Locanda di Bu è aperto a pranzo e cena dal giovedì alla domenica.

E’ in Vicolo dello Spagnuolo 1 Nusco (AV). Te. 0827 64619

www.lalocandadellospagnuolo.com  info@lalocandadibu.com

Un Commento a “Nusco, La Locanda di Bu”

  1. Jenny Auriemma scrive:

    Racconto di una piacevolissima giornata trascorsa insieme a Marina che non conoscevo bene e ho ascoperto essere una donna che fa il suo lavoro col cuore e con passione. Spero di portarla ancora in giro delle mie parti per farle assaggiare ancora un po’ di terra d’irpinia.!