Olimpiadi della Pizza. Con quella fritta non si scherza

Letture: 110
Pizza fritta. Non si scherza guagliù

di Tommaso Esposito

Non si scherza.
La giuria è severissima.
Lello Esposito, Antonio Tubelli e chi scrive.

Lello Esposito, Tommaso Esposito, Antonio Tubelli la giuria per fritta

Non si scherza proprio con la pizza fritta.

Pizza fritta la postazione di frittura

Un must.
Un cult.
Ogni qualvolta si decida di andare in una delle pizzerie storiche napoletane si deve assaggiarla.
Perché al pari della Margherita riassume tratti identitari della tavola napoletana.
Il friggitore una volta, in principio ora non più, affiancava il pizzaiolo.
Gli faceva da spalla, ma spesso era un comprimario.
Stessa pasta.
Stesso olio.
Stessa mano per riempirla.
Con ricotta.
Provola o fiordilatte.
Cicoli.
Salame.
Pepe.
Talvolta nu poco ‘e pummarola.
E poi via nell’olio.
Sorvegliata a vista.
Sgridata.
Battuta.
Girata.
Rigirata .
Fatta rigonfiare come il ventre di una gravida.
Levata.
Adagiata sul colatoio.
Poi sulla carta paglia.
Sventrata.
Odorata.
Infine divorata.
Famelicamente.
Questo il percorso.
Gara importante perciò questa della pizza fritta.
Non tutti l’hanno capito.

Pizza fritta . Non si scherza
Pizza fritta . Non si scherza

E si sono cimentati a prepararla .
Messa in gioco per gioco.
Ma  a che gioco giochiamo?
Niente pazzijèlle!
Cu ‘a pizza fritta nun se pazzèja.
E così soltanto uno, due su tanti son riusciti a farcela assaggiare.

Pizza fritta . Non si scherza

Un commento

  • Monica Piscitelli

    (8 luglio 2012 - 16:46)

    Divertente! Non si scherza davvero, anche perchè la pizza fritta è l’unica che se è sbagliata davvero è immangiabile. Non così per le altre, che si buttano giù comunque. Salvo poi passare una notte insonne. Tanti complimenti a Verace Pizza per le Olimpiadi. Aspettiamo il prossimo anno una manifestazione che cresca in proporzione con l’impegno che i pizzaioli stanno proferendo in questi ultimi anni in termini di studio e attenzione alla qualità.

I commenti sono chiusi.