Olio d’Oliva da cultivar Ravece: è nata una Dop. Irpinia Colline dell’Ufita Ravece

Letture: 117
la cultivar Ravece

Il Comitato Promotore DOP, gli olivicoltori, i frantoiani e tutti gli operatori del settore  salutano con viva soddisfazione l’arrivo definitivo dalla DOP “Irpinia –Colline dell’Ufita/Ravece”.

Un’iter  iniziato nel 2002 ad opera di coraggiosi imprenditori: Consorzio COPROVOLI con oltre 70 soci tra olivicoltori, frantoiani e Coop. Agricole,  Ass. AIPO, Frantoio Ciriaco PETRILLI, Oleificio FAM, Frantoio  IANNICIELLO VINCENZINA,  Frantoio FAMIGLIETTI, Oleificio BARBIERI, Azienda Agricola MINIERI; sostenuti dalle Istituzioni Regionali e Locali da Enti scientifici, siamo riusciti, commenta  il Presidente del Comitato  Michele Masuccio   a  superare  questo lungo  e  a  tratti  difficoltoso percorso; è una vittoria per il territorio  dell’Irpinia ed in particolare dell’Ufita, che sicuramente  avrà importanti ricadute  economiche, sociali ed ambientali.  

L'area della Dop Irpinia Colline dell'ufita Ravece

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale Europea (GUCE) del Regolamento UE n° 203/2010 della Commissione; recante l’iscrizione della DOP nel registro delle denominazioni d’origine protette si è dunque chiuso l’iter burocratico; ma per gli olivicoltori inizia la fase più impegnativa, far conoscere, presentare questo straordinario prodotto. Importanti iniziative le abbiamo già messe in campo in particolare  il  PIF Olivicolo-Oleario della Provincia di Avellino, am non basta bisogna perseguire altri investimenti capaci di far sviluppare definitivamente le potenzialità che questo comparto può offrire.

Il Presidente Masuccio ricorda che la DOP “Irpinia –Colline dell’Ufita/Ravece”  è  la Trentanovesima  in Italia ed la Quarta in Campania;  rappresenta  un’area geografica molto vasta  ben  38 comuni  ne fanno parte, tutti in provincia di Avellino, la maggior parte dei quali appartenenti all’area dell’Ufita. La superficie olivetata si aggira intorno ai 3.500 ettari, con oltre 9000 aziende produttrici. La produzione dell’olio è pari a circa 25.000 quintali all’anno che corrispondono a due terzi circa della produzione provinciale. Le aziende imbottigliatrici potenzialmente interessate alla produzione dell’olio Dop sono una sessantina. Il fatturato medio annuo è stimato in  2,7 milioni di euro.

Annunciamo, che una grande festa, a suggello dell’importante evento,  sarà organizzata  per  i  primi  di  Maggio nell’Ufita; a seguire  quella svoltasi a Bruxelles nei giorni scorsi organizzata dalla Comunità Montana dell’Ufita in collaborazione con gli uffici di rappresentanza  della Regione Campania;    inviteremo  esperti ed  operatori del settore, rappresentanti delle Istituzioni  Nazionali ed Europei, per confrontarci sugli sviluppi futuri.

Sede a Ariano Irpino
Via  Laprinia, 8
coprovoli@libero.it

Un commento

  • Lello Tornatore

    (12 marzo 2010 - 17:54)

    Finalmente!!! Ora tutto dovrebbe filare più…liscio per l’Irpinia.

I commenti sono chiusi.