Omaggio a Corrado D’Ambra | Ciro Cenatiempo

Letture: 145
Corrado D'Ambra, primo presidente del Movimento Turismo del Vino. Scomparso nel 2005
Corrado D’Ambra, primo presidente del Movimento Turismo del Vino. Scomparso nel 2005

di Ciro Cenatiempo*

I muri a secco, le «parracine», proteggono ancora vigneti, cantine e case: il tutto ricavato dal tufo verde locale, pietra malleabile e con qualità cromatiche che sembrano create per sposare il verde di una natura generosa. «Pietre, solo pietre cui il genio contadino ha saputo conferire una dignità tale da costruire un immenso museo all’aperto». Era questa la sfida di Corrado D’Ambra, l’architetto-vignaiolo di Ischia che ai segni culturali del territorio, a vigneti e a vino ha dedicato la vita.
Presidente del Movimento del Turismo del vino in Campania, fautore dei distretti enoturistici del Sud, Corrado D’Ambra si è spento la scorsa notte nella sua casa che domina il porto antico di Ischia, a 57 anni. Era convinto che le sue idee avrebbero superato i limiti dell’esistenza perché i figli, Michele, Rita, Angelo, avevano imparato la sua lezione d’impegno quotidiano nella terra. Dopo l’uscita, nel giugno 2000, dalla casa-madre, l’azienda D’Ambra, che aveva contribuito con lo zio Mario e il cugino Andrea a risollevare dalla crisi a metà anni ’80, Corrado aveva acquistato una cantina di inizio ’800.
All’ingresso aveva trovato incise le iniziali «C.D’A.» identiche alle sue: traccia del destino, primo passo per un nuovo vigneto. Una monorotaia per risalire i crinali del Montagnone e per rinnovare la spinta alla valorizzazione agricola puntando sulla modernizzazione senza distruzioni. La sfida si è sintetizzata nella nuova azienda, Il Giardino Mediterraneo, esempio di come il vino dovesse avere un valore di mercato partendo dai principi fondamentali: sole, clima, suolo, fattore umano. Un esempio lungimirante: la superficie a vite è in aumento in tutta l’isola.

*Giornalista e scrittore

Dal Mattino del 14 giugno 2005

Un commento

  • Ciro Mattera

    (13 giugno 2015 - 15:52)

    Che bello leggere “gli omaggi” fatti al grandissimo Corrado D’Ambra.
    Un Uomo a cui Ischia deve molto . Anche il mondo della ristorazione gli deve molto, infatti tantissimi anni fa fece ristorazione di alta qualità all’interno dell’azienda vitivinicola d’Ambra.
    Libera e Giovanni Iovine sono approdati ad Ischia grazie a Corrado che presentò loro questo progetto:” la Ristorazione Gourmet in Cantina” che con il tempo hanno adottato in molti in tutta Italia.
    Anche il Saturnino è ancora presente grazie a Corrado. Le chiacchierate fino a tarda notte davanti ad un bicchiere di buon vino fumando le sue sigarette a cui toglieva il filtro erano,per me,momenti preziosi,a cui ancora oggi penso con nostalgia. Nel 2002 mi prenota un tavolo per due (e che duo!!!!) Corrado insieme al Sig.Gianni Mura . Con quella serata decise la mia strada lavorativa coronata da quell’articolo su Repubblica che cambiò anche il seguito alla mia cucina.

I commenti sono chiusi.