Ora il Gambero Rosso fu Pierangelini si chiama La bella Bertolda

Letture: 250
Il nuovo titolare dell’ex-Gambero, un po’Stefano D’Orazio dei Pooh, un po’ Patrizio Oliva

di Leo Ciomei

The times they’re a-changin‘“ cantava Bob Dylan quasi 50 anni fa e l’argomento che trattava, non me ne vogliano i gastromaniaci all’ascolto, era più serio delle nostre dissertazioni culinarie…

Ma che i tempi stanno cambiando anche per la nostra passione è ormai un dato di fatto.  Tutti i maggiori blog, i quotidiani e settimanali cartacei oltre alle trasmissioni tv non fanno altro che magnificare le tavole low-cost, la riscoperta delle trattorie e del mangiare semplice a km. 0 e soprattutto lodare chi riesce a far buona cucina entro costi accettabili e fruibili dal famigerato ceto medio, tartassato dalla crisi.

L’appassionato che scrive queste poche righe, d’accordo con il fin troppo citato Nanni Moretti in Caro Diario (la minoranza, ecc..), non è per niente in linea con questa concezione della gastronomia.

Se togliamo la grande cucina dalle nostre chiacchiere è come eliminare per noi maschietti la Ferrari o la Jaguar dai nostri sogni automobilistici o le Jimmy Choo o la Kelly di Hermes per quelli femminili !

Tanto più che risparmiando qualcosa qua e là, a differenza delle supercar, riusciamo a farcela una cena  una volta tanto…

Lo ricordiamo così, seppia e sfumato

 

L’ufficio com’era, teatro di chiacchiere e memorie

Il trend è però quello per cui non mi stupisce più di tanto leggere sulla cronaca locale toscana la notizia del definitivo cambio di rotta per un ristorante che è stato forse il più importante e rappresentativo locale per l’alta gastronomia italiana del secolo passato: il Gambero Rosso a San Vincenzo (LI).

E’ notizia di questi giorni infatti l’ennesima riapertura, con un nuovo nome però, del tempio-laboratorio del grande Fulvio Pierangelini, ormai migrato verso più remunerative consulenze per il gruppo Forte Hotel.

Fulvio con l’immancabile grembiule a righe e il cashmere sulle spalle. L’altro deve essere uno sguattero..

Il nuovo locale, chiamato La bella Bertolda (omaggio artistico ad una modella dei pittori impressionisti, mi dicono), sarà però una trattoria “casereccia” senza voli pindarici e a prezzi popolari.  Il passaggio di mano è avvenuto fra Pierangelini e un suo caro amico del posto, il pittore Giampaolo Talani, che lascerà però la gestione del ristorante al figlio Martino e alla stretta collaboratrice Laura Farina che, memore delle sue passate esperienze ristorative alla Cervetta di Modena, ha pure dalla sua un cognome cuciniero che ispira pane e pasta !

Cosa ci aspettiamo da questa apertura ? Poco, purtroppo; un altro grande locale che lascia il posto a una trattoria. A meno che le mura del fu Gambero siano rimaste intrise di quella sapienza che ha inventato piatti indimenticabili (che non sto a ripetere per l’ennesima volta) e che fece sì che un giovane timido estimatore nei lontani anni “80 alla sua prima visita ripulisse alacremente col cucchiaio la scodella della mitica passatina di ceci (ai tempi ne veniva servita un bel piatto).

Le speranze di rivedere Pierangelini in una cucina sua sono perse per sempre?

5 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (24 giugno 2012 - 10:00)

    L’unico incontro che sono riuscito ad avere con Il Mito e’ stato uno scontro, in quel di Polesine Parmense, per via di una foto. Si e’ imbizzarrito e voleva menarmi( chissa’ poi perche’, stava con VizzAri mica Cecchi Paone). Negli anno 80 ero troppo povero per andare fino a S. Vincenzo, nei novanta ci ho tentato mille volte e non ci sono mai riuscito, idem nel 2000 fino alla chiusura. Pazienza, era destino. Ci ho messo piede solo quando ha riaperto la moglie per un anno e ci ho anche scritto sopra due righe, qui. Mi spiace per ciomei, che ci era affezionato. Fortunatamente leo non ha potuto vedere la foto sul Tirreno di ieri. Gli sarebbe venuto un coccolone. Il mondo cambia, oggi e’ il tempo di Bottura, domani chissa’.

  • Lello Tornatore

    (24 giugno 2012 - 11:59)

    Temo di dire una banalità, ma ormai è più che evidente, l’apertura di locali che servano come trampolino di lancio per la corsa dei grandi chef verso le consulenze è figlia dei nostri tempi…mi auguro che in futuro la cucina possa essere intesa in modo diverso!!!

  • Francesco Mondelli

    (25 giugno 2012 - 10:56)

    Definire sguattero il rampollo dei Savoia mi pare poco consono anche di fronte alla poco regale figura del noto personaggio.

  • consumazioneobbligatoria

    (25 giugno 2012 - 14:19)

    Un Pierangelini “ai fornelli” c’è ancora ed è bravissimo, andate al Bucaniere da Fulvietto, altro che nostalgia…

  • Veronica

    (8 luglio 2012 - 19:17)

    Non oso paragonare la bravura del Grande Pierangelini, ma concordo con l’ultimo commento.. In quel del Bucaniere si respira ancora l’aria di quella sapienza grazie alle mani del giovane chef, Lorenzo Lunghi, che per anni ha affiancato Fulvio Pierangelini, anni di insegnamenti che hanno portato i loro frutti… Materie eccellenti ed elaborazione intelligente dei piatti… Provare per credere!!!

I commenti sono chiusi.