Massimo Bottura| Il segreto sconosciuto in Italia per essere primo al mondo scoperto nella doppietta pranzo-cena

Letture: 12730
13770311_10208336423159646_6990068622556722491_n
Osteria Francescana, Massimo Bottura e Giuseppe Palmieri

di Albert Sapere

Un giocatore vince una singola partita, una squadra il campionato. Regola valida in tutti gli sport collettivi, ma anche nella ristorazione. L’Osteria Francescana oggi è questo: la squadra migliore del mondo. Lo dicono tutti gli expertizers, 3 stelle michelin, 20/20 sulla guida dell’Espresso, il primo posto nella 50 best restaurant. Praticamente un coro unanime nel posizionare il ristorante di Via Stella al vertice assoluto della ristorazione internazionale.

Il segreto del successo? Una grande squadra, da Takahiko Kondo a Davide di Fabio in cucina, da Giuseppe Palmieri, vero “metronomo” del ristorante per usare un termine calcistico, ad Andrea e Luca Garelli, Denis Bretta al fianco di Beppe fino a tutti gli altri. Si è protagonisti e comprimari allo stesso tempo, con un “Leader Maximo” che è il trascinatore.

Ripensando, con tanta attenzione, a quello che abbiamo mangiato in due gironi, pranzo e cena, senza dubbio direi che la cultura e l’ironia sono gli ingredienti preferiti di Massimo Bottura. Uomo squadra, capitano della nazionale italiana della gastronomia, perché il suo ruolo, per me, sarà sempre di più quello: proiettare la gastronomia italiana nel mondo. Pranzo e cena alla Francescana, nella stessa giornata, non è cosa da tutti i giorni e sicuramente lo ricorderò per sempre.

Scegliere il piatto del viaggio è quasi impossibile questa volta, tante emozioni gustative e tante suggestioni. Uno stile di cucina che abbraccia tecniche da tutto il mondo, senza pregiudizi o limitazioni, restando sempre perfettamente italiano. Uno stile che passa dall’emozione di “autumn in New York” dedicato a Billie Holiday, a “l’anguilla che voleva risalire il Po” omaggio al viaggio degli Estensi da Ferrara a Modena o, ancora, al gioco di un mago illusionista, che ti fa sembrare le lenticchie meglio del caviale – disarmante per lunghezza gustativa ed eleganza – passando per le “5 stagionature del parmigiano in consistenze e temperature diverse“, sempre emozionante rimangiarlo, come la prima volta. Innanzitutto perché il Parmigiano Reggiano è il mio formaggio preferito e trovare il suo gusto così intenso e pulito mi mette sempre di buon umore, poi perché questo piatto, per me, rappresenta l’idea che ho della ristorazione d’autore. Un solo ingrediente, tecniche diverse e tutte perfettamente eseguite, passando dalla grande scuola francese, fino all’avanguardia più spinta, mettendo il proprio territorio al centro del mondo. La tecnica, in questo piatto, è un mezzo per esaltare l’ingrediente, la concentrazione e la purezza del gusto il motivo di questo lavoro. Un grande piatto non è un momento estemporaneo e, per arrivarci, bisogna provare, affinare, riprovare, tanto che Massimo una volta mi disse: “Sono vent’anni che tutti i giorni provo sempre a migliorare questo piatto”. Se dovessi provare a trovare un abbinamento musicale a questo piatto, direi Blue in Green di Miles Davis.

Impossibile non menzionare “le tagliatelle post moderne”, i “super tortellini alla panna”, “la parte croccante della lasagna” o il “ricordo di panino alla mortadella”, in cui la tradizione viene guardata da lontano con uno sguardo critico, non per denigrarla ma per provare a migliorarla, in termini di leggerezza e purezza del gusto. Fino ad arrivare ai dolci e, in special modo, “ops mi è caduta la crostatina”, che resta il mio dolce preferito in assoluto, nella ristorazione.

In questo ristorante decidere di proporre un grande Sirah con l’agnello o di “sfoggiare” solo Gevrey Chambertin o Puligny Montrachet sarebbe la scelta più comoda che possa esistere. Giuseppe Palmieri, invece, con i suoi abbinamenti, prova a riscrivere tutto, soprattutto le convenzioni. Siamo passati da un liquore allo Yuzu alla Genziana, da un grande bianco di Borgogna ad un cocktail con l’acqua minerale senza mai annoiarci, anche qui con tanta cultura enologica ed ironia. Il paragone usato da Luciano qualche anno fa è più che mai attuale: Beppe è come il papà della sposa, con i suoi abbinamenti accompagna i piatti all’altare, per poi lasciargli la scena al momento opportuno.

Conclusione
“I limiti, come le paure, sono spesso soltanto illusioni”, così concludeva il discorso Michael Jeffrey Jordan, forse il più grande atleta di sempre, nel giorno del suo inserimento nella Hall of fame del Basket. A via Stella quel discorso lo devono aver proprio ascoltato.

 

13626371_10208336411279349_8725158332722544555_n
Osteria Francescana, aulla in carpione
13872933_10208336416679484_4135066397169269751_n
Osteria Francescana, omaggio alla Normandia
13782056_10208336412679384_895898817995654852_n
Osteria Francescana, ceviche in pannocchia tostata
13754355_10208336418479529_4901599099293339313_n
Osteria Francescana, salsa di rapa rossa, lenticchie cotte nel brodo di anguilla e colorate al nero
13686733_10208336417919515_4458622366902951695_n
Osteria Francescana, l’abbinamento di Beppe al piatto con lo Yuzu, davvero geniale.
13775755_10208336419559556_1816170509414081404_n
Osteria Francescana, omaggio al lago d’Iseo
13626645_10208336420319575_4018701029559997777_n
Osteria Francescana, la sogliola in tre versioni
13619956_10208336421399602_6202107947142481141_n
Osteria Francescana, autumn in New York
13781827_10208336421919615_6855510654227693554_n
Osteria Francescana, le 5 stagionature del parmigiano in consistenze e temperature diverse
13731689_10208336422599632_5674759475253190181_n
Osteria Francescana, la parte croccante della lasagna
13686788_10208353402704124_6816926046844798006_n
Osteria Francescana, i super tortellini alla panna
12472494_10208336425159696_7453862157518785989_n
Osteria Francescana, il croccantino di foie gras
13770314_10208336426319725_7505049183388593624_n
Osteria Francescana, ops crostatina in caduta
13775880_10208338773098393_1322510380307920653_n
Osteria Francescana, ricordo di un panino alla mortadella
13770309_10208338773498403_3343636954597236493_n
Osteria Francescana, l’anguilla che risale il Po
13873075_10208338773698408_4844404695759098962_n
Osteria Francescana, riso grigio e nero
13775830_10208338774338424_7409555203373602652_n
Osteria Francescana, merluzzo Mare Nostrum
13620155_10208338774698433_5808394871247972352_n
Osteria Francescana, porri e tartufo
13872702_10208338775098443_139136909664152541_n
Osteria Francescana, le tagliatelle “post moderne”
13770276_10208338776218471_7217867423098469411_n
Osteria Francescana, little pig
13614971_10208336425759711_7224473153813532927_n
Osteria Francescana, salad in bloom
13769333_10208338777538504_8633851128556325634_n
Osteria Francescana, yellow is bellow

 

Osteria Francescana

Via Stella, 22, 41121 Modena

Chiusa: Sabato a pranzo e domenica

Tel. 059.223912

www.osteriafrancescana.it

5 commenti

  • Giulia Cannada Bartoli

    (13 agosto 2016 - 15:09)

    Ti sarà costata una fortuna quest’esperienza per pochi al mondo Albert vuoi dirlo anche a noi? Molto bello e ricco di sensazioni gustative quasi tattili ma se un lettore volesse ripetere _ammesso che gli riesca_ la tua esperienza quanto gli costerebbe? …

  • Albert

    (13 agosto 2016 - 17:01)

    Ciao Giulia, i costi dei menù sono sul sito, tra l’altro resta uno dei tre stelle Michelin più economici che io conosca, a memoria ho mangiato in 34 tre stelle Michelin in questi 12 anni. Una cifra è una cifra, personale ritengo, perchè in queste foto non c’è tutto quello che abbiamo bevuto che farebbe lievitare di molto il costo finale.

  • giulia cannadabartoli

    (13 agosto 2016 - 23:19)

    grazie Albert io conosco i costi, magari i lettori no, per questo ho fatto la domanda :)

  • Daniele s

    (15 agosto 2016 - 08:54)

    Prezzi ridicoli, nel senso che si dovrebbero vergognare.
    Per quanto buono possa essere, non è un prezzo giustificato. Oltretutto, dopo aver speso 220€ per l’assaggio completo, devo spenderne altri 10€ per una pizza così saziarmi.
    Non dico di abbuffarmi, ma nemmeno di uscire con più fame di prima!
    Ho speso anche io per mangiare molto bene, ma, scusatemi, le cose ridicole le lascio volentieri agli altri.

  • Luciano Pignataro

    (16 agosto 2016 - 19:40)

    Daniele, mi hai illuminato, veramente un punto di vista originale. Complimenti

I commenti sono chiusi.