Ostuni, Ristorante Il Cielo e la cucina di Sebastiano Lombardi

Letture: 279
Il giovane chef pugliese Sebastiano Lombardi

Via Scipione Petrarolo, 7
Tel. 0831.305925
www.lasommita.it
Sempre aperto

Il Relais La Sommità è stato aperto da circa sette anni proprio alle spalle della Cattedrale della magica città bianca. Ma solo dalla scorsa estate il ristorante è stato occupato dalla brigata diretta dal giovane Sebastiano Lombardi e i risultati si sono visti attraverso l’espressione di una cucina gourmet saporita, decisa, giustamente creativa, dotata di ottima tecnica e di scuola.

La sala

L’ambiente è quello tipico delle masserie pugliesi, la sensazione di essere ospitati in edifici ancestrali nel quale la mano dell’uomo è il naturale proseguimento dell’ambiente naturale in cui sono collocate.

Il pane

Buona hotellerie, servizio collaudato e professionale, molto attento. Tanta clientela straniera. Tutta l’area sta godendo di un momento turistico molto interessante grazie allo sforzo imprenditoriale di alcune famiglie che rende finalmente possibile anche un tour gastronomico gourmet che integra le nuove realtà a quelle collaudate e storiche.

Il benvenuto

Bel divertimento piramidale con giochi di mare e di terra per salutare l’ospite.

La piramide scomposta

 

Il crudo e marinato di pesce

Siamo in Puglia, il crudo è un rito prima che la moda invadesse tutta l’Italia. Qui l’esposizione dei pesci è didattica e molto ben eseguita: scampetto battuto con cuore di pomodoro e stracciatella, tonno rosso con i cetrioli, menta e yoghurt, gambero rossi di Gallipoli con Kumquat e sedano croccante, allievi con passion fruit, germogli e brunoise di frutta, baccala marinato con insalatina di rinforzo.

Ancora il crudo

 

Il tonno

 

Le verdure

Altro antipasto sono le verdure cotte e crude in un bel gioco di consistenze velocizzate dal centrifugato di mela verde e lattuga di mare.

I pani

 

Rote Cavalieri con fave frescje alla menta, nasello, crema di burrata e bolle di sedano all'anice stellato.

 

Risotto acquerello con pomodoro leccino, rucola e carpaccio di palamita

Buone le due esecuzione di primo: pasta e riso sono ben cotti, saporiti, di buona freschezza.

La Triglia in crosta di frisella con ricotta e basilico, melanzane affumicate, porri e salsa albicocche

 

Zuppetta di pesce con il pescato del giorno, fragagli croccanti al limone, gnocchidi grano arso e intingolo alle alici

Bene le esecuzioni di pesce, il mare si sente e si approfondisce con giochi di erbe e affumicature molto interessanti.

Ancora la triglia

 

Piccola pasticceria

 

Piccola pasticceria

Una bella e completa esperienza. Il conto finale si aggira tra gli 80 e i 100 euro. Carta di vini non ancora all’altezza della cucina anche se il capitolo pugliese è ben compilato.

Foto di Marina Alaimo

Un commento

  • Giuseppe Minniti

    (14 giugno 2012 - 11:25)

    Sebastiano è molto bravo e sta facendo un ottimo lavoro… resta sempre il problema delle foto che mortificano tali belle preparazioni… :-(

I commenti sono chiusi.