Ostuni, ristorante Odissea di Anna Tasselli e l’Odissea di Lello Tornatore

Letture: 264
cor' e mammà...parte

di Lello Tornatore

Ore 6:00, ultimo controllo alle mie bombole di ossigeno irpino che azionerò non appena avrò messo ruota nel territorio di Candela, macchinetta fotografica…ce l’ho, qualche bottiglia buona…ce l’ho, i gioielli sono pronti, la pupa pure e…via si parte alla volta del Salento!!! E perchè? Ci dev’essere un buon motivo per “abbandonare” la mia Irpinia per quasi un giorno intero!!! Beh, genitori lo siamo quasi tutti, ed io ho i pargoli nell’età degli accompagnamenti compulsivi. Questa volta si tratta delle vacanze estive. Vanno in Grecia e si imbarcano a Brindisi.

gli uliveti ostunesi

 

da sx,Anna Tasselli e Flavia Pappalardo

E siccome l’esperienza collaborativa col Pigna mi ha segnato e mi segna tuttora, la sindrome dell’ottimizzazione mi insegue in ogni momento della giornata e della mia vita. Devo andare a Brindisi? Allora, arrivo lì, metto sulla nave i giovani, faccio rifornimento di frutti di mare al mercato del pesce di Brindisi, chiamo Anna Tasselli e approfittiamo per conoscerla di persona e per far godere della vista (ahivoi… noi anche del gusto) dei suoi splendidi piatti, tutto il cucuzzaro del blog di Pignataro!!!

entrata del ristorante
dal terrazzo del ristorante ...il mare

 

la caratteristica sala a volte pugliesi
Anna alle prese con l'apertura dei frutti di mare

 

Anna Tasselli, chef e titolare

Ed il cerchio si chiude…non è vero maestro? Seeeeè, figuratevi se è abbastanza per…il Pigna. Già me lo sento rimbrottare : “ma avresti anche potuto fare un salto a Salice Salentino, lì c’è la cantina tal dei tali che fa dei buonissimi vini, sarebbe stato utile sentirli e poi parlarne…” Ma come è, e come non è, fatto sta che la mia “Odissea” questa volta l’ho vissuta davvero!!! Sulla via del ritorno da Brindisi imbocco l’uscita Ostuni (venendo da Brindisi, la terza). Già dall’uscita si vede stagliarsi sulla collinetta un presepe bianco…le case sono tutte disposte a scalare sulle pendici del piccolo rilievo, di un bianco accecante nella calura del solleone pugliese, siamo a 37°!!! Nel breve tratto di strada che mi separa dalla “città bianca”, posso ammirare gli oliveti secolari che si perdono a vista d’occhio in contrasto con la terra rossagna tipica del Salento.

Ostuni, la città bianca

 

scorcio della città bianca vista dal giardino del ristorante

Ci siamo, giusto il tempo di fotografare la maestosa entrata e mi compare la “Penelope” del Ristorante Odissea, al secolo Anna Tasselli…Ci sorride, ma di un sorriso non formale, con una luce negli occhi che tradisce una grande gioia nel vederci. Entriamo, restiamo letteralmente stupiti dalla bellezza del posto, che trasuda storia dalle pareti.

Una volta (1200 d.c.) era sede di un monastero francescano ed ancor prima un frantoio ipogeo che viene chiuso nel 1100 d.c., quando a causa della costruzione di una nuova strada sovrastante la struttura, risultò impossibile continuare nella lavorazione delle olive.

la vecchia allocazione del frantoio

 

la credenza d'antan

Entrato nei possedimenti di famiglia nei primi del ‘900, il vecchio monastero fu ristrutturato da Anna e dal fratello verso la fine degli anni ’90 ed il ristorante prese corpo e fu aperto nel 2004. Conserva la struttura originaria con arricchimento di arredi tecnici in teck ed alcuni lampadari particolari che nonostante la loro semplicità rendono l’ambiente ricercato e singolare.

l'accesso alle cucine, dalla sala

 

l'angolo bar

Degni di nota anche gli esterni, che si concretizzano in un ampio giardino-agrumeto dove d’estate si può pranzare o cenare all’ombra degli aranci e un panoramicissimo terrazzo che allunga la vista sugli oliveti secolari, sino al mare. La cucina di Anna Tasselli, con il suo secondo Andrea Valente, è una cucina tipica e tradizionale ma nello stesso tempo d’innovazione.

vista del giardino, dal terrazzo
Anna in cucina con il suo secondo Andrea Valente

Anna, da autodidatta, ha coniugato materia prima d’eccellenza e di stagione, con la ricerca di accostamenti particolari in nuove ricette. Ci sediamo, garbatamente decliniamo l’invito per un aperitivo al bar, avevamo già adocchiato sul tavolo la bottiglia di Minutolo Rampone 2011 del “mago” Carparelli, e si apre un mondo di cruderie da far gongolare anche “un tipo dal palato d’amianto”, come sono stato definito da sedicenti “amici”…Si inizia dalle cozze tarantine, uno iodato ed un’aromaticità da sballo. E per fortuna che Lino c’è!!!

cozze gratinate ai pani assortiti

 

cruditè di cozze pelose e noci

 

crudo di cozze tarantine
Anna degusta l'ormai celeberrimo se non internazionale...Minutolo

 

il Minutolo di Lino Carparelli , vintage 2011
alcune etichette regionali

 

i vini extra-regione
ingresso alle cucine a sx, alla sala di fronte

Il Minutolo Fiano diventa un gigante, lotta testa a testa con quei sentori e con quei sapori…a seguire ci spariamo un’altra “spasella” di frutti di mare crudi : cozze pelose e noci…Ecchèvelodicoafare???

atto di amore per il Fiano di Avellino :-))

L’apoteosi della concentrazione del mare…si ma direste voi, e Anna che c’entra in questi piatti? Bella forza, è tutta materia prima!!! Eh no, e mica arrivano in cucina da sole queste bontà!!! La capacità di selezionare materia prima d’eccellenza vi pare niente? Eppoi, provate a farle voi le cozze gratinate ai pani assortiti con i profumi ed i sapori che abbiamo percepito noi!!!

i pani di produzione propria, sfornati quotidianamente

 

i pani, al canestrato pugliese, alle melanzane, alle fave

Spazzolate anche queste!!! E’ la volta di un’insalatina tiepida di gamberi su lattughino con noce e salsa Remolade( acciughe, capperi, cetrioli, senape di Dijon e maionese) e anche qui materia prima eccezionale, ma anche estrema perizia nella manipolazione e negli accostamenti… proseguiamo…Carpaccio di seppia a vapore con zucchina croccante e salsa agrumata.

insalatina tiepida di gamberi con noci e salsa remolade
gamberetti sgusciati, appena scottati
carpaccio di seppia al vapore su zucchina croccante speziata e dresing agrumato

Qui c’è anche la tecnica, infatti la seppia viene cotta a vapore a 100° per 20 minuti, e poi raffreddata e pastorizzata in sottovuoto. Risultato…molto papilloso!!! Ormai satolli, potremmo anche fermarci qui. E chè, un primo non lo proviamo? Fricelli al ragù di coda di rospo e pomodorino Fiaschetto di Torre Guaceto, presidio Slow Food.

fricelli al filetto di pescatrice e pomodorino del Salento

E qui troviamo la tradizione, (il fricello era il ferretto usato per la lavorazione della pasta), la ricerca della materia prima (la coda di rospo viene pescata nella zona di Torre Guaceto, a circa 15 km da Ostuni in una riserva naturale dove è permessa la pesca solo a poche barche) e la semplicità disarmante nel saper dosare nella giusta misura ingredienti d’eccellenza riuscendo a far sentire ogni sapore ben distinto nel piatto pur avendo un’amalgama di sapori che ben si accostano tra loro. A questo punto il Minutolo ha dato forfait e ci siamo dovuti orientare su qualcosa di più strutturato…Fiano di Avellino Pietracalda vintage 2007 dei Feudi di San Gregorio.

Fiano di Avellino Pietracalda 2007 feudi di San Gregorio

Adesso si che possiamo guardare la pescatrice, il suo ragù ed i fricelli, dritto negli occhi!!! Nonostante le sollecitazioni di Anna, ci fermiamo qui, riproponendoci per altre occasioni di usare con più parsimonia le mandibole, di piatto in piatto, e riuscire così a degustare tutte le prelibatezze che la terra di Puglia riesce ad offrirci.

momenti di...amicizia

Ultima missione, dopo essere riusciti a far ammettere ad Anna Tasselli la superiorità del Fiano di Avellino su ogni altro enoliquido ;-)), e prima di lasciare le terre di Puglia, rendere omaggio a sua maestà il re (l’abbiamo beccato nudo) di Radici Wines…Nicola Campanile!!!

Nicola Campanile, il re (nudo)... di Radici Wines

Via, presto, le bombole di ossigeno si stanno esaurendo…;-))

Via Francesco Vitale
Tel. 0831 334750  mob. 3490956520
www.ristoranteodissea.it
info@ristoranteodissea.it
Sempre aperto, chiuso il mercoledì
Ferie a ottobre

 

17 commenti

  • enricobotte

    (24 luglio 2012 - 16:26)

    non avrai consumato neanche un litro di quell’ossigeno irpino che ti sei portato dietro!
    sei stato in costate apnea enogastronomica…praticamente in assetto costante!

  • Mimmo Gagliardi

    (24 luglio 2012 - 17:00)

    Grande Anna!!!!! Ci vediamo a fine agosto!!!! :)

    • Anna

      (24 luglio 2012 - 21:00)

      Mimmo……..quando vieni……..sta’bufala me la porti o no?????;-) Grazie!

  • Marina Acino Ebbro.

    (24 luglio 2012 - 17:20)

    Il dottor Campanile nudo!!!! Sono anch’io nella splendida Città Bianca. E’ un luogo incantevole. E la sera è bellissimo andare al ristorante Odissea e godere dell’atmosfera intima e rilassante del suo giardino di agrumi bevendo qualche buon vino di Puglia. Ottima la scelta del Rampone. Potevi farti sentire sono a pochi metri.

    • Lello Tornatore

      (24 luglio 2012 - 21:48)

      …le bombole si stavano esaurendo…;-))

  • Ilaria

    (24 luglio 2012 - 17:29)

    wow Lello fuori dal territorio irpino!!!!! ODISSEA VERA!

  • Giuseppe Barretta

    (24 luglio 2012 - 17:31)

    Ho paura a girare per Ostuni, con Nicola in ….quelle vesti :-D

    • Nicola Campanile

      (24 luglio 2012 - 18:03)

      Barry hai ragione non se può guardà….ma la colpa è di chi pensa di fare scoop con certe oscenità…. ;))

  • Nicola Campanile

    (24 luglio 2012 - 17:40)

    vabbè… Lello… la prossima volta ti sequestro la maledetta macchinetta… va detto che per correre all’appuntamento fissato con te qualche minuto prima ho dimenticato la mia maglia in spiaggia :(
    …. :)

  • luciano pignataro

    (24 luglio 2012 - 18:41)

    Certo che Lello sta perdendo la purezza. Il vero irpino non compra mai niente dagli estranei che non conosce da almeno sette generazioni, in questa occasione avrebbe portato cozze e gamberi del fiume Sabato

  • Anna

    (24 luglio 2012 - 19:38)

    Che dire????? Grazie innanzituto caro Lello per avermi portato Flavia…valore aggiunto.Poi…..meglio io non avrei potuto scrivere.Se la mia capacita’ di trasmettere e’ questa……sono feice di essere .Bellissima descrizione…bella mangiata e bella bevuta.
    p.s RACCONTALA TUTTA……per far notare il Fiano D’avellin …mi hai “costretta” ad abbracciare la bottiglia ;-)

    • Ilaria

      (24 luglio 2012 - 21:20)

      non avevamo dubbi Anna :)!

  • Andrea "Pepe Carvalho" Pignataro

    (26 luglio 2012 - 18:42)

    Belle le foto del cibo, specie quelle del crudo! Temeraria la scelta di mangiare cozze tarantine (in particolare se allevate nel mar Piccolo), di questi tempi non sembrerebbe salutare…

    • Anna

      (31 luglio 2012 - 11:40)

      E’ il periodo piu’ buono per le cozze tarantine…….basta riconoscerle,abbatterle a -18° e consumarle fresche.Non di crudo di mare ne siamo ghiotti.Che poi siamo temerari..e’ un’altro discorso!! ;-)

  • lino

    (3 agosto 2012 - 12:47)

    Lello, come è nel tuo stile, foto merivigliose da far venire il languore allo stomaco…. ma come farai a farti perdonare un tuo passaggio da Locorotondo??? potevi portare le bombole di emergenza!!!!!

  • giovanni calamo

    (9 agosto 2012 - 23:30)

    belle foto ..bellissima descrizione…sono contentissimo di aver visto e letto tutto…ma mo’ m’e’ venuta fame…come facciooooooo ?????????

  • lucio

    (22 agosto 2012 - 10:20)

    Io e la mia compagna siamo stati all’ Odissea, lunedì 20 agosto, l’ ultima sera della nostra vacanza nella splendida zona del Salento brindisino, cui Ostuni appartiene.
    Fidandoci del blog di Luciano Pignataro di cui spesso abbiamo condiviso i giudizi abbiamo scelto l’ Odissea.
    L’ interno del ristorante così come il giardino sono molto belli.
    Siamo capitati in una serata particolare, e quindi tralasciando i dettagli di ciò che abbiamo mangiato e del servizio, vorrei sottolineare la grande passione ed impegno, più unici che rari, della titolare Anna Tasselli per il suo ristorante ed il suo lavoro!
    Ci proponiamo di essere di nuovo suoi ospiti in futuro per potere apprezzare al meglio la sua cucina sicuri che potremo confermare le ottime cose che abbiamo letto nelle due recensioni del blog di Luciano Pignataro

I commenti sono chiusi.