Paestum, Nettuno Beach

Letture: 118

Via Laura Mare
Tel. 0828.720009
www.nettunobeachpaestum.it
Sempre aperto

Fino a pochi mesi fa il posto era conosciuto con il nome di “Ristorante Il Tempio”, oggi, invece, ha cambiato nome ed è stato ripreso dalla famiglia Capo, la stessa che nel lontano 1966 aprì il locale con annessi la spiaggia, il bar ed il villaggio. Per raggiungere il locale è semplicissimo: avendo come punto di riferimento il semaforo della zona Laura di Paestum, si prende la via che porta al mare ed alla fine della strada, di fronte, troviamo la nostra meta. Dall’esterno, architettonicamente, è il caratteristico locale delle zone balneari: ampie vetrate, alcune ad arco, che affacciano sia sulla strada che sulla spiaggia. I colori che si notano di più sono il bianco tipico delle case mediterranee e l’azzurro marino. Il locale ha avuto dei cambiamenti importanti in tutto, sia nell’arredo che nel personale. All’interno, un ambiente molto luminoso ed elegante, mentre l’esterno offre uno spettacolo da favola: è una vera finestra sul Tirreno. è la sala ristorante più vicina al mare che esiste a Paestum, la più bella città della Magna Grecia. Il sole, il profumo del mare, la gente che prende il sole ed il leggero venticello fresco che arriva da lontano creano un’atmosfera unica. A riceverci abbiamo trovato Valerio e Monica Capo, fratello e sorella, che, avendo molto a cuore il locale ed il posto, hanno come obiettivo il raggiungimento di traguardi prestigiosi. La loro scuola dice tutt’altro: Valerio è un consulente di marketing che da anni lavora a Londra, mentre Monica ha da sempre aiutato il marito nella sua attività di commercialista. Sanno che non sarà facile, ma con la passione e la volontà che hanno, possono tranquillamente raggiungere il loro scopo. La scelta delle materie prime è curata direttamente dai titolari, nulla è lasciato al caso. Essi puntano soprattutto ad una ristorazione di qualità che possa essere, durante tutto l’anno, un punto di riferimento molto importante nel grande panorama della ristorazione pestana. Il loro primo “acquisto” importante è stato lo chef Vincenzo Menichino, battipagliese, che ha avuto altre esperienze in zona, il suo modo di preparare il pesce ha da tempo tantissimi estimatori. In sala, invece, troviamo Nunzio Mauro, un giovane che ha questo lavoro nel sangue. In occasione della nostra visita ci hanno fatto, naturalmente, accomodare in terrazza e ci siamo lasciati guidare nella scelta. Come inizio ci hanno servito dei fiori di zucca pastellati e farciti con ricotta di bufala insieme ad una bruschettina con alici marinate. A seguire del carpaccio di pesce spada con concassè di melanzane, crostini dorati e spinacini. Poi, ci servono un particolare secondo antipasto: pesce bandiera in foglia di fico su salsa emulsionata al limone e carote. Come primo, invece, ci hanno portato le linguine con campetti freschi e patelle, tornate ultimamente di moda nei nostri ristoranti di mare. Abbiamo continuato questa lunga e piacevole degustazione-colazione con una gustosa cernia preparata insieme ad olive e capperi, chiudendo in bellezza con un semifreddo con ricotta e amarena, anche quest’ultimo preparato dalle magiche mani dello chef Vincenzo. Come vino, abbiamo portato quelli che più ci erano piaciuti durante la degustazione di “Vini Buoni”, ma il locale offre un’ampia scelta di etichette campane e nazionali di cui anche alcune prestigiose come ad esempio il Montevetrano o alcuni importanti Taurasi. Per una serata, che non potrà che risultare interessante, al “Nettuno Beach” prevedete 30/35 euro a persona, vini esclusi.

Diodato Buonora

diodatobuonora.blog.tiscali.it