Paestum, Tenuta Capodifiume. Ristorante Le Trabe

Letture: 768
Le Trabe. Antonio e Raffaele Chiacchiaro

Via Capodifiume, 4

Tel. e fax 0828.724165 Aperto solo a cena, la domenica anche a pranzo.
www.letrabe.it
info@letrabe.it

 

 

Raffaele e Antonio Chiacchiaro sono due imprenditori figli di imprenditore. Del Sud. Giovani e un po’ atipici. Almeno al Sud. Infatti è raro trovarne con entusiasmo inesauribile, senza lamento greco a corredo della descrizione di ciò che hanno fatto. E, soprattutto, con la passione e la voglia di trasformare, migliorare, valorizzare quello che hanno già costruito. In una parola, di investire.

Le Trabe. La struttura dal ponte

Facendo due chiacchiere con Raffaele si viene coinvolti nell’aggiornamento personale, professionale e aziendale che dura ormai da quasi venti anni qui a Capodifiume: un parco naturale dove fino agli anni Ottanta c’era una centrale idroelettrica, una tenuta di circa 12 ettari lontana il giusto dal chiasso e dall’urbanizzazione della costa.

Le Trabe. Uno scorcio panoramico della tenuta

Un polmone di energia pulita, un’architettura del verde studiata e ricercata, l’attenzione consapevole ai materiali e all’ambiente. Senza fanatismi, con i piedi per terra, e, soprattutto, con una determinazione di ferro.

 

Le Trabe. Il fiume e le palme dal ponte
Le Trabe. Papere in libertà

Del progetto sul fronte ristorazione fa parte, da qualche mese, anche lo chef Peppe Stanzione, esperienze importanti alle spalle al Rossellini’s di Ravello e a Casa del nonno 13 dove ha incassato una stella Michelin.

Le Trabe. Lo chef Peppe Stanzione

Ora ha trovato casa qui, in tutti i sensi. Affinità di intenti con i proprietari, medesima volontà di trovare il giusto equilibrio – grazie anche ad una brigata di cucina di tutto rispetto – tra la banchettistica di alto livello (che da queste parti continua ad essere l’unico baluardo economico anti-crisi) e la sala gourmet.

Le Trabe. Dal tavolo, vista sulla sorgente d’acqua

Pochi coperti, nuovo tovagliato e hotellerie in arrivo, un tocco più aggiornato ed elegante agli arredi.

 

Le Trabe. Una delle sale con l’acqua che scorre sullo sfondo

In attesa della annunciata revolutionary road abbiamo provato il risultato, in cucina, della nuova ambientazione di Peppe Stanzione: un’altra campagna, un’altra Campania — anche se distante solo pochi chilometri dalla precedente. Questo è il regno della bufala (e per un rimarchevole ritardo non ancora del bufalo) e del carciofo. Il terreno è fertile, ricco, prezioso. Distese di verdure e ortaggi si alternano a pascoli di pecore e capre. Il mare è a due passi.

 

Le Trabe. Poltroncine per gli ospiti sull’acqua che scorre

Il benvenuto di Peppe, servito su un piatto a specchio, è quasi un invito a riflettere su quello che verrà: c’è il pesce crudo, il baccalà, il fritto, il caldo-freddo (anzi, freddissimo, con il ghiaccio di mozzarella). Divertente.

 

Le Trabe. Il benvenuto di Peppe Stanzione

A seguire, un primo antipasto ricco anche se alleggerito: un calamaretto ripieno di broccoli e provola con millepunti di verdurine croccanti, patate e salsa al nero di seppia. E poi un piatto bandiera della piana del Sele: il bufalo e la bufala, salumi e latticini. Un piccolo bocconcino di mozzarella in pancetta, molto speziato, del fiore di ricotta in un canestrello di pasta kataifi, un piccolo involtino di filetto con rucola selvatica.

 

Le Trabe. Bufalo e bufala

Tra i primi un classico intramontabile tricolore con paccheri Vicidomini ripieni di mozzarella, caviale di melanzane e spuma di ricotta affumicata con una scottata di pomodorini e basilico.

Le Trabe. I paccheri

E poi altri due primi piatti, ma marinari: tubettoni con ragù di patate e tartufi di mare, cenere di olive nere e olio al nero di seppia, cremosi e con un punto di cottura perfetto, anche se la sapidità fa un po’ torto al sapore del mare.

Le Trabe. Tubettoni con patate e tartufi di mare

Molto fresche, invece, grazie al profumo di arancio, le bavette grezze di primo grano con vongole e zucchine.

Le Trabe. Bavette con zucchine e vongole profumate all’arancio

Di consistenza e soddisfazione l’insalata tiepida di pesce e crostacei profumata allo scalogno e limone della costiera amalfitana. Sapori tutti riconoscibili, senza astrattismi, ma con diversi tentativi riusciti di dare la propria impronta al piatto. Nessuna smania di stupire ma concentrazione a tenere desti i sensi.

 

Le Trabe. Insalata tiepida di pesce e crostacei

In carta trovate inoltre tra gli antipasti: ricotta di bufala in camicia croccante su carpaccio di zucchine aglio e menta con dressing di pomodorini secchi; totanetto e patate con wafer ai semi di papavero; vellutata di fagioli di Controne, tempura di gamberi rossi e olio delle colline salernitane; tartara di pescato del giorno con stracciatella di bufala al limone e rucola selvatica.

Tra i primi: Calamarata Vicidomini con gamberi rossi, carciofi e pecorino campano;

Tra i secondi di pesce: cannelloni di spada con zucca arrostita e guazzetto di frutti di mare; scamponi del Tirreno scottati al lardo di nero casertano e carpaccio di carciofi.

I secondi di carne: tagliata di manzo al sale aromatico, insalatina di erbe e fiori euli, pomodorini secchi e pesto di noci; guanciale di manzo cotto a bassa temperatura con ristretto all’aglianico del Cilento e verdurine croccanti; filetto di manzo grigliato alle erbette selvatiche con spuma di patate.

 

Le Trabe. Il pane e i grissini

Si chiude con predessert e due dessert dello chef, entrambi di carattere: un tiramisu croccante al bicchiere e un semifreddo al gianduia in crosta di pepe e pistacchi.

 

Le Trabe. Tiramisu’ croccante al bicchiere
Le Trabe. Semifreddo in crosta di pepe e pistacchi

Classica ma ben eseguita anche la piccola pasticceria.

Le Trabe. La piccola pasticceria

Carta dei vini molto profonda in Campania, ampia a livello nazionale. Il tutto in un ambiente elegante, circondati dalla forza del verde e dell’acqua, con un servizio di grande professionalità e preparazione. Conto sui 45 euro.

 

Le Trabe. La macina.

8 commenti

  • enrico malgi

    (23 febbraio 2011 - 15:54)

    Ci sono stato alcune volte in passato ed ho mangiato veramente bene, circondato da un ambiente molto chic e suggestivo. Concordo sulla lista dei vini: ampia scelta e ottime bottiglie. Abbracci.

  • carmine

    (23 febbraio 2011 - 16:40)

    bisogna riconoscere che anche al sud si mangia bene ed i sapori non sono secondi a nessuno, vini compresi

  • giulio

    (23 febbraio 2011 - 17:05)

    volevo dirvi che la stella alla casa del nonno 13 non la presa peppe ma un certo crescenzo di sarno ma non nego la bravura di stanzione che subbentro a donato episcovo che la meritava tutto

    • francesco

      (23 febbraio 2011 - 19:42)

      è vero giulio, ti posso assicurare per ben tre volte sono stato a cena a casa del nonno 13 con lo chef crescenzo, di sicuro non ho mangiato male. sono ritornato più di una volta con i miei amici, ho trovato notevoli cambiamenti in maniera positiva e ad accogliermi è stato Peppe Stanzione .ti ricordo se sei assiduo lettore di luciano pignataro puoi gentilmente andare a leggere l’articolo dell’8 dicembre 2008.

    • silvestro

      (26 febbraio 2011 - 02:09)

      la stella sicuramente nn e stata presa da peppe stanzione a casa del nonno,ma dobbiamo anche a lui se a casa del nonno e arrivata qst stella……faccio i mie piu grandi auguri a peppe stanzione e qnd anche a me che ne faccio parte della sua brigata x un 2011 spumeggiante….FORZA PEPPE ;) SEI IN TUTTI NOI ;)

  • Vittoria

    (23 febbraio 2011 - 20:54)

    Sono stata spesso a mangiare alle Trabe (per un matrimonio e due comunioni) e devo dire che si mangia davvero bene, il locale è molto curato ed il posto è incantevole. Se a questo aggiungiamo la gentilezza e il “savoir faire” dei sig. Antonio e Raffaele, consiglio a tutti di farsi un giro alle Trabe! Saluti. Vittoria

  • Novella

    (24 febbraio 2011 - 17:20)

    Io ci sono stata al matrimonio di un amico ed è stato un ricevimento davvero piacevole!

  • fabio

    (29 marzo 2011 - 19:19)

    ambiente unico, accoglienza favolosa,cucina straripante…….ci sono ritornato dopo due anni ed ho trovato una rivoluzione in tutto.
    credo che questo posto sia davvero candidato ad un premio tipo diciamo “la stella”!!!!!continuate così bravi ragazzi….

I commenti sono chiusi.