Pagani, Il Bagatto

Letture: 471
Silvio Iaquinandi con Nunzia Gargano

di Nunzia Gargano

La ricercatezza dei piatti unita alla valorizzazione del territorio. È questa l’ultima iniziativa intrapresa dal ristorante “Il Bagatto” di Pagani. Complice la portata innovatrice di Silvio Iaquinandi, figlio del patron da tutti noto come don Franco, dopo più di vent’anni alla insegna della raffinatezza enogastronomica è arrivata la svolta. «In realtà, come più volte ho ribadito – chiarisce Silvio – i prodotti della nostra terra, l’Agro Nocerino-Sarnese, sono stati sempre utilizzati per le pietanze, però da quest’inverno abbiamo inserito i manicaretti che hanno sempre contraddistinto questo territorio prima noto come Campania Felix. Come al solito, gli animatori indiretti di questa svolta sono stati i clienti affezionati che, in più di un’occasione, ci hanno palesato la volontà di voler mangiare i piatti di una volta però cucinati da noi».

Com’è caratteristica di questa famiglia, dove il motto “il cliente ha sempre ragione” è il primo comandamento del ristoratore, i palati dei degustatori sono stati subito accontentati.

Così dall’inverno appena trascorso i più fortunati e informati, oltre ai tradizionali patè e al filetto al pepe verde per cui è noto “Il Bagatto”, possono mangiare secondo tradizione ma sempre in stile Iaquinandi.

Il Bagatto, pasta e fagioli con pancetta

 

Il Bagatto, scarpariello
Il Bagatto, patè
Il Bagatto, melanzane a funghetti

 

Il Bagatto, straccetti alla pizzaiola

 

Il Bagatto, tortino di ricotta con spiedino di carne di maiale e pancetta

Così chi decide per una cena alla scoperta dei sapori di una volta leggermente rivisitati, può essere accolto con un antipasto composto da uno spiedino di carne di maiale e pancetta al rosmarino e un tortino di ricotta al limone seguito da due classici primi piatti locali, il famosissimo scarpariello, inventato quarantacinque anni fa dai fratelli Principe e la pasta e fagioli con la pancetta. E per restare nel territorio sono degni di nota anche gli straccetti di carne alla pizzaiola. Dulcis in fundo, il fagottino caldo con crema gialla e mela annurca. Da non sottovalutare la cantina dove i migliori vini campani occupano un posto di rilievo.

Il Bagatto, fagottino con crema gialla e mela annurca

Che dire? Ristoratori come don Franco e Silvio confermano ancora una volta la convinzione dei promotori territoriali che, al di là delle mode e degli stereotipi, sono ancora convinti delle potenzialità di questo comprensorio.

 

 

Per info

Il Bagatto, via Termine Bianco, 40 – 84016 Pagani (Sa)

Tel. 081957686