Pagani, Sulle note del vino al Bagatto

Letture: 315
Ristorante Il Bagatto

di Nunzia Gargano

Sulle note del vino. Ha riscosso grande successo l’evento organizzato dal ristorante “Il Bagatto” di Pagani per celebrare il gemellaggio enogastromomico tra l’Umbria e il Trentino Alto-Adige nell’Agro Nocerino-Sarnese, organizzato giovedì 28 febbraio scorso.

La famiglia Iaquinandi prima con don Franco e oggi con Silvio (ingegnere che non ha saputo resistere all’attrazione dei profumi culinari) nel corso di circa trent’anni è riuscita a conquistarsi un posto importante  tra la ristorazione di qualità. Partito come un luogo di ritrovo per gli amanti della cucina francese, da qualche tempo ha deciso di aggiungere come protagonisti della propria cucina i prodotti tipici di questa zona, ubicata nell’ex Campania Felix. L’idea è da sposare, se si considera il luogo in cui “Il Bagatto” si innalza, la zona rurale di Pagani che, nonostante la cementificazione che ha investito anche le campagne, riesce a conservarsi quasi inalterata. In realtà, è stata sempre caratteristica di questa famiglia aderire, per quanto possibile, alla filosofia del chilometro zero.

«Già negli anni scorsi – ci spiega Silvio (il futuro del “Bagatto”, nonostante possa vantare ancora genitori non settantenni) – era nostra abitudine acquistare quanti più prodotti possibili direttamente dai contadini della zona».

Affidabilità, rigida selezione delle materie prime, cortesia, sono gli ingredienti indispensabili nella dispensa di casa Iaquinandi. «La cosa più importante che siamo riusciti a costruire – continua Silvio – è stato il rapporto di fiducia con i nostri clienti, una buona parte dei quali è costituita da quegli amici che amavano venire a cena da noi, prima che ci decidessimo ad aprire il ristorante».

È per questo motivo che anche una serata infrasettimanale come Sulle note del vino si è trasformata in un evento imperdibile. Durante la cena, a ogni pietanza è stato abbinato un vino dell’azienda Castello delle Regine.

i vini di Castello delle Regine

Il menu era da leccarsi i baffi. Gli ospiti hanno incominciato la degustazione con un aperitivo con frittelle di cavolo, flan di fave con guanciale, cartelletta con pecorino di Norcia e perla di tartufo nero con spumante delle “Regine extra day con metodo Charmat”.

aperitivo

È seguito l’antipasto con sformato di carciofi profumato alla noce moscata, impastoiata narnese con polenta e fagioli aromatizzati innaffiati da un “Rosso di Pordenovo Igt”.

antipasto

Come primo piatto, gli chef hanno preparato gnocchi ripieni di ricotta e speck dell’Alto Adige con scomposta di porcini accompagnati da un vino della selezione del fondatore “San Giovese Grosso Igt” e ancora il filetto di maialino bardato con lardo di colonnata su vellutata di grana e millefoglie di patate e melanzane e vino “Merlot Igt”; dulcis in fundo, il fagottino caldo con crema gialla e mele renette affiancato da un “Passito di San Giovese Grosso”.

gnocchi ripieni di ricotta e speck dell’Alto Adige con scomposta di porcini

 

filetto di maialino bardato con lardo di colonnata su vellutata di grana e millefoglie di patate e melanzane

 

fagottino caldo con crema gialla e mele renette

La soddisfazione del pubblico e degli organizzatori è stata tale che è stato dato appuntamento alla prossima serata.

 

Per info

Il Bagatto

via Termine Bianco, 40 – 84016 Pagani (Sa)

Tel. 081957686

Un commento

  • A.F.

    (16 marzo 2013 - 15:28)

    Serata ricca di sapori e sensazioni. Oltre della degustazione e delle portate ottimamente abbinate, abbiamo goduto dell’atmosfera creatasi tra gli ospiti grazie alla presenza di musica acustica. L’angolo realizzato per la degustazione di grappa e cioccolato ha creato un momento di vero relax fumando i sigari tra i divanetti allestiti nella sala vicino al camino.
    Da ripetersi. Complimenti al Direttore e allo staff

I commenti sono chiusi.