Pagus 2004 Solopaca bianco classico doc

Letture: 72

TORRE GAIA

Uva: trebbiano toscano, falanghina e malvasia di Candia
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Un bianco di buona struttura nel quale la malvasia gioca un ruolo decisivo nella ricchezza olfattiva, tanti fiori e frutta bianca mentre la falanghina regala struttura acida al bicchiere. Un blend classico nato nella nuova zona del Solopaca classico  che bene ha fatto questa azienda a riprendere e rilanciare.  In questa versione noi troviamo davvero tanta buona frutta ben coltivata, di buona intensità e persistenza e un impatto abbastanza morbido che avvolge in breve tutto il palato: contrariamente a quello che potrebbe far pensare il prezzo, non è affatto un vino banale, anzi: lo vediamo bene in tutti gli abbinamenti con le zuppe contadine e i legumi, le carni bianche e, grazie alla falanghina, anche sul pesce. Esecuzione in cui si vede la buona mano bianchista dell’enologo, al lavoro da ormai molte vendemmie in questa azienda diventata il fiore all’occhiello della viticoltura e dell’accoglienza sannita e campana.

Sede a Dugenta, via Bosco Cupo, 11. Tel. 0824.978172, fax 0824.978337. info@torre-gaia.com  www.torre-gaia.com. Enologo: Alberto Cecere. Ettari: 113 di cui 80 vitati. Bottiglie prodotte: 500.000. Vitigni: aglianico, sangiovese, barbera, piedirosso, merlot, montepulciano, asprinio, greco, falanghina, fiano, malvasia di Candia, trebbiano