Palermo, Trattoria Biondo

Letture: 321
Benedetto Biondo

Benedetto Biondo è quel che si dice un personaggio. Erede di una famiglia di ristoratori arrivati alla quinta generazione, tanto mestiere, sempre in equilibrio tra servizio e affabulazione. Appassionato della sua terra e soprattutto del suo mare. Prima di farvi accomodare al tavolo invita a visitare la sua cantina, dove colleziona bottiglie ma anche ceramiche molto belle, come quelle antiche recuperate per la base di un tavolo meraviglioso.

Benedetto Biondo presenta la cantina

Siamo a pochi metri dal Politeama, in pieno centro. Accanto, sempre in via Carducci ma in un altro locale, c’è la pizzeria con i tavoli apparecchiati fuori nella bella stagione.
L’ambiente si presenta con l’accoglienza tipica delle trattorie, con un ingresso colorato come un carretto siciliano,  e poi foto, vasi e piatti che riempiono le pareti delle sale. La cucina è a vista.

Trattoria Biondo, la cucina a vista

Trattoria Biondo, la sala

Qui si trovano i piatti tradizionali che nei secoli hanno mantenuto l’influenza araba, a cominciare dall’agrodolce ma anche la ricchezza e complessità della cucina dei monzù. Il tutto incorniciato da verdura e frutta a profusione, esposta e infilata in ogni piatto, esuberante ed esorbitante. La cucina siciliana custodita dal suolo vulcanico e dal sole onnipresente che trasformano gusto e colori. Qui anche il dolce può essere aggressivo, forte, senza mezze misure.
I bucatini con le sarde, i pinoli, le mandorle, l’uva passolina e il finocchietto sono di effetto e di sapore così come i tripolini all’acciuga rossa (le anciove, sono grosse e carnose: in questa ricetta diventano rosse con l’aggiunta di concentrato di pomodoro).

Trattoria Biondo, le anciove

Frittura di paranza ben eseguita, tonno e pesce spada con pomodorini, olive e capperi da manuale. Melanzane utilizzate ovunque in mille modi, e, più in generale tanti contorni da scegliere al buffet delle verdure: qui anche i vegetariani trovano il loro bel dafare.

Trattoria Biondo, l'angolo delle verdure

In carta trovate la misticanza di gamberi e scampi, i ravioli di cernia, il caciocavallo all’argentiera, dell’ottima bottarga, i tipici antipasti siciliani assortiti; i busiati con spada e tonno, gli agnolotti ai carciofi, fettucce agli scampi e gamberi ma anche piatti di carne come le pappardelle al cinghiale delle Madonie, lo stinco di maiale al forno. Il servizio, veloce, più che navigato e molto cortese segue l’ospite con la giusta attenzione.

Trattoria Biondo, spaghetti con scampi e gamberi

Trattoria Biondo, anche i piatti di carne sono un'esplosione di colore
Trattoria Biondo, i "cornetti" di pane: buonissimi

Cordialità, chiacchiere a profusione e un conto medio sui 50 euro. Uscirete con la sensazione di aver guadagnato un altro pezzo importante nella scoperta della città. Forse un’altra sfoglia della cipolla, per dirla con Roberto Alajmo.

Virginia Di Falco

Trattoria Biondo
Via G. Carducci, 15
Tel. 091.583662

Aperti a pranzo e a cena
Chiuso: il mercoledi
trattoriabiondo.pa@virgilio.it

7 commenti

  • Angelina Ballerina

    (19 settembre 2011 - 12:11)

    Non ho parole! Il piatto di spaghetti deve essere sublime………… si capisce! Anche le verdure e il resto hjanno un bell’aspetto. Mi impegno a provarlo!

  • monica

    (19 settembre 2011 - 13:55)

    ahhh…la cucina a vista in un ristorante è la cosa che apprezzo di più, dopo la qualità del cibo ovviamente. Che voglia di Sicilia!

  • Rita

    (19 settembre 2011 - 19:38)

    Faccia simpatica, capello pazzo, piatti invitanti…. quello spaghetto con scampi e gamberi è davvero stuzzicante!!!
    Mi riprometto di andarci prima che Biondo diventi canuto :-)))

  • tommaso esposito

    (19 settembre 2011 - 23:17)

    da passarci, vedo. Ma chissà quando potrò girare di qua.

  • Artura

    (20 settembre 2011 - 10:46)

    Il proprietario deve essere proprio un bel soggetto!!!!!!!!!! Sicuramente non passa inosservato, quindi se la sua trattoria si presenta come lui…………..e’ da provare a tutti i costi!!!!!!!!!!!!

  • tommaso

    (20 settembre 2011 - 15:05)

    pesce ottimo e piattoni a volontà, anche nel suo ristorante di Mondello. Tommy

  • marella

    (21 settembre 2011 - 15:31)

    il propietario è sicuramente estroso oltre che fantasioso, ma da quel che vedo il locale è un vero gioiello, la cura dei particlorari ,il buon gusto e l’amore per la ceramica isolana lo rendono unico e raro…
    I piatti? M’intrigano, pertanto Palermo arrivooooooooooooooooooooo.

I commenti sono chiusi.