Pallagrello bianco 2003 Terre del Volturno igt

Letture: 39

MASSERIA PICCIRILLO
Uva: pallagrello bianco
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

In questi anni strani dove la gente comincia a girare con il cellullare attaccato all’orecchio per dire e ascoltare sciocchezze il più rapidamente possibile, la salvezza può essere nella nascita e nella moltiplicazione di decine e decine di Deucalione e Pirra. Come Carmine e Claudia Piccirillo, meno di due ettari di terreno per produrre uve di qualità e fare un vino onesto e senza grilli per la testa: sogniamo un Mezzogiorno dove in ogni paese ci siano piccole aziende come queste, sentinelle dei cru del territorio con produzione minime capaci di sfuggire agli accaparratori. Forse è questo il nuovo livello produttivo da realizzare e incoraggiare, perché è un fenomeno spontaneo già in crescita: penso per esempio al Sentiero del Riccio di Giampaolo Mancini a Sicignano degli Alburni, ai vini di alcuni agriturismi come Le Favate ad Ascea di Antonio ed Elvira, Chiusulelle di Donatella a Ogliastro Cilento, Corbella di Giovanna a Cicerale, Il Gallo Verde di Rosario ad Altavilla. Piccole realtà, non fenomeni mediatici con vini introvabili perché pompati sulle guide, ma punti di riferimento vero, solidi e di qualità quando si visita il territorio. Ne servirebbe due, trecento in tutta la Campania per concludere bene e consolidare la rivoluzione agricola partita all’inizio degli anni ’90. Masseria Piccirillo, nomen omen, è una realtà di questo tipo, bisogna andare a Caiazzo per trovare il vino con sorprese di non poco conto in arrivo come un Pallagrello Nero 2003 provato in botte ove si conferma superiore al Casavecchia secondo il mio gusto. Quello bianco ormai è pronto, si sta elevando in bottiglia e sottolinea l’annata fortunata delle Colline Caiatine. Consigliamo di non portarlo troppo a lungo, perché la sua freschezza è destinata a scendere man mano che trascorrono i mesi secondo la sorte segnata di quasi tutti i bianchi dell’annata 2003. Lo beviamo sulla mozzarella di latte vaccino, le zuppette primaverili di fiorilli o piselli, le lagane con i ceci. Eccetera.

Sede a Caiazzo. Via Carpineto, 1
Tel. 0823.862886
Email: masseria.piccirillo@virgilio.i
Enologo: Carmine Piccirillo con la consulenza di Angelo Pizzi
Bottiglie: 12.000
Ettari: 2 di proprietà
Vitigni: pallagrello bianco e nero, casavecchia, aglianico e cabernet sauvignon