Palombaia 2005 Falanghina Sannio Doc

Letture: 60

CORTE NORMANNA

Uva: falanghina
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: legno e acciaio

Ancora una volta questa etichetta prodotta dai fratelli Gaetano e Alfredo Falluto mostra le belle sorprese a cui si vanno incontro quando la Falanghina prende strade interessanti. Del resto questa azienda sono anni ed anni che fa fermentare in legno  la falanghina per l’etichetta ‘Palombaia’. Anni ed anni di lavoro sempre sotto l’attenta regia in cantina di Roberto Mazzer. Risultato centrato anche con l’annata 2005, che proprio in questo momento inizia a cacciare fuori tutta la sua stoffa. Il colore è decisamente carico, avvolgente. Così come il ventaglio di profumi che emerge dal naso: frutta tropicale matura, note di miele, mandorla. In bocca colpisce soprattutto la calda mineralità che si accompagna ad una piacevolissima e sostenuta sapidità. A completare l’intrigante struttura di questo vino un marcato tenore alcolico, molto ben celato. Insomma un perfetto equilibrio, segnale di un vino pieno e avvolgente e mai stancante grazie alla notevole acidità di partenza che contraddistingue il vitigno. E’ questo il segnale di bella materia prima. E nei vigneti di Corte Normanna questo si è concretizzato anche quando parliamo di un’annata non del tutto perfetta:  questo grazie alla natura del terreno di queste spettacolari colline che degradano verso la sponda ovest del Calore e che offrono alle uve una bella esposizione ai raggi del sole. Un vino che porta dietro di se le emozioni di un territorio e di giovani e tenaci produttori. Ampie le possibilità di abbinamento anche se noi lo preferiamo su una bella zuppa con prodotti autunnali insaporita dai porcini raccolti nei boschi del Matese. 

Questa scheda è di Pasquale Carlo

Sede a Guardia Sanframondi – Contrada Sapenzie, 20 – Enologo: Roberto Mazzer – Ettari: 20 di proprietà – Bottiglie prodotte: 110.000 –  Vitigni: falanghina, greco, fiano, malvasia, trebbiano, agostinella, aglianico, sangiovese