Pane e aglio novello, ‘O ppane cu l’aglie

Letture: 173
Pane, aglio novello e olio

di Tommaso Esposito

Me ne frego di quello che pensano i neoberlusca e tutti i cavalieri.
A me piace l’aglio.

La coltivazione dell’aglio

E quello novello mi piace ancor di più.
Aprile è il tempo migliore per gustarlo e cantare con l’Ariosto:

“Il novo camerier tal cuoco inarre,
di pane et aglio uso a sfamarsi, poi
che riposte i fratelli avean le marre,
et egli a casa avea tornati i boi;
ch’or vòl fagiani, or tortorelle, or starne,
che sempre un cibo usar par che l’annoi.”

E poi fa bene alla salute, allontana i parassiti e pure il malocchio:

“Aglie! Fragaglie! Fattura ca no mmaglia”.

Una capa d'aglie nuviello contro il malocchio come antipasto

2 commenti

  • alberto capasso

    (11 aprile 2012 - 21:29)

    Nicola Arigliano mangiava tonnellate di aglio perché diceva che gli faceva bene…. puzzava che la puzza scendeva dal palco e riempiva le prime file dei teatri, ma ha cantato grande jazz fino a oltre 80 anni…

  • Arcangelo Dandini

    (18 aprile 2012 - 11:45)

    Ode all’aglio, d’accordissimo .

I commenti sono chiusi.