Pane e cipolle ramate di Montoro con pecorino Carmasciano

Letture: 134
Pane e cipolle ramate di Montoro, con anice stellato e pecorino Carmasciano

Questa è la ricetta a tema  fisso (profumo invitante) presentata da Mirko Balzano di Villa Assunta all’edizione 2013 del Premio Chef Emergente del Sud.
<<Ho scelto questo piatto perché  il profumo della cipolla è, secondo me, il profumo che ci accomuna, ci unisce ed è riconoscibile ad occhi chiusi!>>

 

 

Pane, cipolle e pecorino

Di
Ricetta raccolta da Giulia Cannada Bartoli

Ingredienti per 4 persone

  • 1kg di cipolle di Montoro
  • 6 uova
  • 200g burro
  • 200g pecorino Carmasciano
  • 250g pane raffermo
  • 4 fette sottili di lardo di maiale irpino
  • anice stellato e sale q.b.

Preparazione

Stufate le cipolle nel burro con l’aggiunta di un pizzico di sale. Quando hanno assunto un colore nocciola, lasciarle raffreddare; una volta fredde, sistemate le cipolle in un mixer dove le frullerete con l’aggiunta dei tuorli d’uovo ed il pecorino Carmasciano. A parte montate i bianchi a neve ed aggiungeteli nel composto che dovrà diventare una base ‘soufflè’; montate quindi il soufflè’ in una ‘cocotte’ di porcellana, mettendo come base il pane raffermo con una spolverata di anice stellato e, a coprire, il composto ottenuto precedentemente. Cuocete in forno non ventilato a 180° fino a farlo ‘soffiare’.
Decorate il piatto con un velo di lardo irpino appena scaldato.

Vini abbinati: Fiano di Avellino Filadoro

5 commenti

  • Lello Tornatore

    (12 giugno 2013 - 19:17)

    Io non dico niente, eh!!! ;-)))
    P.S. mamma che svenimento…

  • Mondelli Francesco

    (12 giugno 2013 - 19:38)

    Ero sinceramente preoccupato per l’assenza di Lello,ma noto con piacere che un forte odore di ramata lo ha fatto risvegliare:benvenuto tra noi!FM.

    • Lello Tornatore

      (13 giugno 2013 - 00:47)

      Allo stomaco…non si comanda!!! ;-))

  • Luisa Balzano

    (13 giugno 2013 - 06:01)

    Sicuramente squisita……ma…..il colesterolo?

  • francesco

    (13 giugno 2013 - 07:58)

    Ho mangiato questo piatto a Villa Assunta e pur nella sua essenzialità è un piatto che si fa ricordare con estremo piacere.Bravissimo Mirko.

I commenti sono chiusi.