Città e paesi da mangiare e bere
5

Parigi, bistrot Rino di Giovanni Passerini

28 marzo 2010

Giovanni Passerini tra il suo aiuto Simone (a destra) e il sommelier Pietro in sala

46, rue Trousseau
Tel. (0033) (0) 1 48069585
Chiuso il lunedì
www.rino-restaurant.com

Un ristorante italiano a Parigi? Naaaaaa. Ma, però, alt, un momento. Se lo segnala Marco Bolasco vale la pena di rifletterci un po’ sopra. Non vi pare?

Già, perché lui è un di quelle persone che dosano parola e scrittura e dunque quando si decidono a esternare vanno ascoltati con attenzione. La storia di questo posto la leggete nel suo blog: il giovane Giovanni Passerini parte da Uno e Bino a San Lorenzo a Roma per poi lavorare qui a Parigi a l’Arpege di Alain Passard e infine con Peter Nilsson alla Gazzetta. Dunque, non un ristorante italiano, ma un ristorante fatto da itaiani. Ben diverso.

Rino, un angolo della sala

Il locale è piccolo, gradevole, cucina e sala convivono, metà parigino e metà bolaschiano, che poi è quasi la stessa cosa essendo il professore Bolasco (padre) grande francofilo. In sala c’è Pietro, sommelier, che ha incrociato Giovanni in questa avventura.

L’atmosfera è estremamente informale, chi viene qui si fida anzitutto dei prodotti (Marco, una guida Slow di Parigi?) di sicura provenienza, biologici e soprattutto di qualità. Questa attenzione viene poi esaltata dalla tecnica di Giovanni che tende a semplificare didatticamente il piatto anziché a costruirlo.

Risotto dell'orto con bottarga
Questa ricetta mi ha piacevolmente colpito, con gli elementi in bella mostra al naso e nel palato: il risotto (a proposito di Italia) con i prodotti dell’orto (biologici) e la bottarga si è rivelato una piacevole sorpresa: sapori netti e distinti ma non scissi, ben assemblati in un finale molto efficace anche grazie alla spinta della bottarga.

Saint Jacques

Buono questo classico, qui proposto con il ravanello.

Ed ecco i due piatti principali

Animelle di agnello

La gallinella di mare

Entrambe ben accompagnate con indivia, patate rosse e rape. Un po’ Roma, un po’ Mare del Nord insomma.

La finanziera

Infine il dessert, fresco, molto italiano direi.

Questo bel locale, alle spalle della Bastiglia, ha una formula molto veloce a pranzo (due piatti a 18 euro, con il dessert 22) mentre per la cena è un po’ più impegnativo ma difficilmente potrete superare i 50 euro.
Vini che girano, con curiosità oltre i soliti nomi.
Insomma, l’avete capito: la dritta di Marco ci è piaciuta molto. E anche voi rimarrete sicuramente soddisfatti. Siete nell’unico circuito in cui l’Europa funziona davvero, lo scambio culturale delle tavole realizzato dalle giovani generazioni.

Guarda su Google Maps

5 Commenti a “Parigi, bistrot Rino di Giovanni Passerini”

  1. giancarlo maffi scrive:

    niente male, mi pare. mica tutti possono avere le dritte di bolasco..

    certo mi pare che ci sia una certa tendenza a seguire le orme del maffi, uno e due.( si lo so si chiama autoreferenzialita’. e alloraaaa? )

    comunque ti voglio vedere a seguirmi, pigna .

    settimana prossima vado a recensire un ristorante di PESHAWAR.

    vedi un po’ tu :-))))

  2. Lello Tornatore scrive:

    Non c’è niente da fare, Giancarlo, ormai “fai tendenza”, andassi pure a recensire le mense sottufficiali dell’esercito,…il Pigna ti seguirebbe pure lì…buona domenica delle Palme

  3. Vignadelmar scrive:

    Rino è un grande. Già dove lavorava prima aveva dato ampia dimostrazione delle sue crescenti capacità.
    E poi è uno bravo, in tutti i sensi.
    .
    La prossima volta in zona andrò sicuramente.
    .
    Ciao