Amici miei a Parigi-2. Paris, L’Atelier Etoile de Joel Robuchon sugli Champs-Elysées. Il ristorante è morto, viva il ristorante

Letture: 460
L’Atelier Etoile de Robuchon (le foto sono di Leo Ciomei)

A ciascuno il suo. Ciomei, Fiordelli, Maffi e Pignataro hanno girato e mangiato un paio di giorni a Parigi. Quattro racconti per quattro pasti pubblicati su Luciano Pignataro WineBlog e Consumazione Obbligatoria.
Ecco il secondo

Avenue des Champs-Elysèes, 133
Tel.01-4723.7575
www.joel-robuchon.net

Abbiamo fatto appena in tempo a provare Le Table, ora Robuchon ha chiuso con la concezione classica del ristorante, niente più camerieri ossequiosi che vi girano intorno, potete mangiare al bancone sul modello del sushi bar oppure sedervi in uno dei tavoli per un servizio più essenziale.

Personalmente non credo che il ristorante sia finito, la novità è che non è più l’unico posto dove poter godere dei piatti dell’alta ristorazione

Robuchon

Un po’ questa tendenza è stata determinata dalla crisi, un po’ dallo tsunami di giovani cuochi molto preparati che non sempre hanno i soldi o gli investitori per aprire un ristorante classico nel quale i costi sono sempre elevati, infine incide molto il ritmo della quotidianità sempre più veloce in città dove non c’è più tempo, e soprattutto voglia, di stare due o tre ore seduti.
In fondo il segreto dell’immortalità della pizza napoletana è proprio la risposta a questa esigenza.

 

Ritroviamo l’amico Antoine Hernandez, dalla Table all’Atelier

Il nuovo covo di Robuchon è a due passi dall’Arco di Trionfo, al piano interrato del Drugstore. Servizio preciso ma essenziale, hotellerie del quotidiano, cucina a vista per gli appassionati, atmosfera da night. Ed è qui che proviamo un po’ di piatti per fare il confronto con la compianta Table e l’altro Atelier a Port Royal.

Robuchon. Appetizer di parmigiano e tartufo

Avremmo preferito un secchio per questo piatto morbido e goloso. Qui come altrove l’influenza italiana, in questo caso emiliana, è evidente. La sensazione finale della breve trasferta parigina è che l’alleggerimento progressivo passa attraverso le contaminazioni sempre più marcate dei prodotti italiani e dello stile asiatico di presentazione. Al tempo stesso il piatto resta piantato Oltralpe, non c’è colonizzazione gastronomica, ma una fusion che continua a pensare francese.

 

Robuchon, le caviar

Un altro elemento di semplificazione è il nome dei piatti. Mentre noi italiani siamo fermi ad un barocco ornamentale spesso al limite del ridicolo, a Parigi si indica solo il prodotto principale portante e, in sotto titolo, una breve spiegazione
Qui abbiamo
LE CAVIAR
dans une dèlicate gelèe recouverte d’une onctuese créeme de chou-fleur
che in italiano sarebbe diventato

Caviale maggese dell’Alto Caspio con gelèe di Prosecco Cartizze 2005 in cupola di crema del cavolfiore di Tricarico raccolto da Nonna Giuseppina e gocce di sedano bianco del Lazio

A cheffì: questo stile non si porta più, abolitelo subito.

 

Robuchon, il pane

Semplicità anche nel pane: un solo tipo, buonissimo, come ovunque a Parigi.

Il rapporto tra caviale e cavolfiore è ben studiato da Robuchon da molto tempo: la prima volta lo beccai ad una presentazione di Bruno Paillard al Sain Regis a Roma una decina di anni fa.
Che dire: equilibrio perfetto, io poi sono goloso di creme e cremine e ne avrei caricato una batteria.

 

Robuchon, la langoustine

Arriva la tempura di scampo e salsetta di basilico: tutto perfetto, ma noi non adoriamo né la tempura nè i crostacei.

Robuchon, la Saint-Jacques

Il tema della Saint-Jacques è un po’ come sistemare il figlio scemo: ogni chef deve affrontare questa assoluta mancanza di sapore il cui contributo al piatto si riduce alla consistenza.
Ed ecco il piatto capolavoro della giornata, proprio il gioco sotto i denti è garantito dalla fregola sarda (i francesi ci studiano!) con una emulsione di aromi e agrumi che regala una spinta potentissima al piatto.
Applausi e unanimità di consensi da parte dei tre moschiettieri (io, Fiordelli e Ciomei e il guascone D’Artagnan alias Maffi).

Ancora un piatto di pesce, prima di passare alla linea carne/vino rosso che scandisce i tre tempi della degustazione francese.

Robuchon, il rombo
Robuchon, il filetto di rombo

Per gli italiani di costa, soprattutto siciliani, questo è davvero un piatto quotidiano, Robuchon lo ha copiato e ha inserito la spinta citrica necessaria. Ovviamente la differenza è nella materia prima, il rombo atlantico non ha nessuna possibilità di competere con quello, più salato, mediterraneo e per noi è solo un momento da relegare nell’Olimpo della curiosità.

Ora viene per me la parte sempre più difficile: la carne, che non amo, e il dolce, che mi lascia sostanzialmente indifferente.

Assaggio la quaglia perché non era bastata la scodella di puré fuori programma che ci siamo fatti dare per capire se è più buono quello di Robuchon o quello di Vizzarì.

Robuchon. La caille

Qui il delizioso pennuto è farcito di foie gras: torniamo in Francia e ricordiamo che questo piatto era in carta anche a La Table.

Robuchon, l’agneau de lait

A Parigi l’agnello è sempre presentato come lattante, ma a giudicare dal grasso che ho visto in giro delle due l’una: o sono agnelli bamboccioni o hanno mangiato al McDonalds’. Questo è essenziale ma qualsiasi romano o abruzzese lo giudicherebbe un banale scottadito.

Robuchon, Le veau

D’Artagnan prova infine il vitello.

Robuchon, Le foie gras de canard

Immancabile e ben eseguito il foie gras, fresco e tonico

Robuchon. Le parfum des iles

Molto leggero anche il dolce

CONSIDERAZIONI FINALI

L’esperienza da Robuchon è sicuramente appagante ed equilbrata nel prezzo: il menu degustazione costa 150 euro e comprende nove portate, ma ovviamente prendendo un paio di piatti ve la potete cavare con la metà o poco più.
La cucina è ormai ben conosciuta e credo ci sia poco da aggiungere: sicuramente non è una esperienza dalla quale si può prescindere quando si viaggia gastronomicamente in Francia.
C’è inoltre finalmente un motivo per tornare sugli Champs-Elysées, ormai avenue turistica senza se e senza ma.
Qui dove cento anni fa Marcel spandechiava per Albertine.

12 commenti

  • Raul Carvalho

    (1 marzo 2011 - 12:16)

    Bom dia caro,

    eu já visito o seu blog à bastante tempo e decidi fazer-lhe um pedido. Que coloca-se o meu link no seu blog. Acho interessante a maneira como escreve…
    Abraços
    http://vinho-umritmodevida.blogspot.com/

  • cristina galliti

    (1 marzo 2011 - 12:47)

    La revanche des Italiens!! Amici miei o moschettieri che dir si voglia, che bello leggervi :-)
    Cristina
    ps: cavoli e tartufi, li abbino da anni….che conferma!!

  • Luca Miraglia

    (1 marzo 2011 - 15:21)

    Lettura scarna ed essenziale, non orpellosa, come piace a me; unica mancanza, per me di rilievo, specialmente per avere un’idea completa del locale: e i vini??

    • luciano pignataro

      (1 marzo 2011 - 16:29)

      Eravamo a pranzo, reduci da Ducasse e pronti per la cena allo Chateubriand. Dunque questo aspetto lo abbiamo trascurato e per questo non l’ho menzionato
      Ovviamente la carta offre infinite possibilità. Noi abbiamo bevuto una coppa di Paillard, un legnoso e dimenticabile bianco catalano e un onesto Medoc della casa.

      • Piermario

        (1 marzo 2011 - 16:56)

        E allora aspettiamo a breve su questi schermi un resoconto della tappa allo Chateubriand, delusione dell’anno – per me – a Parigi…

        • giancarlo maffi

          (1 marzo 2011 - 17:20)

          a me è toccato l’onore e ,temo, anche l’onere. se la programmazione sarà confermata dovrebbe andare domani. le anticipo, a malincuore, che le aspettative erano alte e il risultato , dciamo cosi’, insoddisfacente.

          • Piermario

            (1 marzo 2011 - 18:02)

            Ah bé, se c’è il Maffi di mezzo, mi metto comodo e preparo i popcorn ;-)
            (anche se, ad onor del vero, da lettore, credo, attento devo riconoscere che si percepisce con chiarezza che il Maffi – e la cosa gli fa onore – è molto più contento quando può scriverne bene, di un posto)
            (e sempre di passaggio – anche sulla base dell’anticipazione fornita – rilevo che con il Maffi è difficile non essere d’accordo)
            A presto.

  • leo

    (1 marzo 2011 - 18:02)

    Confesso di essermi trovato molto bene chez Robuchon, non al livello di Ducasse della sera prima, sia chiaro. Ma il contesto è molto diverso e pure i prezzi…

    La caduta di stile, diciamo così, è stata la presentazione di quel rombo, di buona pezzatura ma, diciamolo, sotto tono rispetto ai pregevoli altri piatti (le Caviar, ommammamia !) Come scrive Luciano, un pesciotto simile lo possiamo trovare sulle nostre tavole la domenica a pranzo…

    Citazione per i bagni che ricordano un po’ quelli di Glass :-)

  • consumazioneobbligatoria

    (1 marzo 2011 - 18:30)

    per parte mia, se cimentarsi con la cappasanta è come sistemare il figlio scemo (grande Luciano!) quelle di Robuchon sono da presidenza del consiglio! E che dire della crema di foie gras sotto la spuma di Parmigiano? quasi una provocazione a Bottura… E devo ammettere che, anche se il servizio è informale, quando abbiamo chiesto di assaggiare la quaglia nessuno ha fatto un fiato nonostante la cucina fosse ripulita e lucidata

    • leo

      (1 marzo 2011 - 18:38)

      Si sta parlando di presidenza del consiglio, di sistemare il figlio scemo… niente niente quel rombo era una Trota cresciuta troppo ? :-)))

  • Giancarlo Maffi

    (1 marzo 2011 - 19:11)

    @ piermario: colto il segno: io detesto parlar male di un ristorante. Proprio mi devono tirare per i capelli. E io ne ho tanti di capelli, mica come certi blogger calvi e fascisti, ma non di idee, d’animo. Tra l’ altro capisci, piermario, che al di la’ di tutto uno e’ appassionato e va per godere, non per masochismo.

  • Monica Piscitelli

    (1 marzo 2011 - 23:55)

    Mi dispiace … ma atmosfera, locale e piatti:: per quello che ho visto, avrei preferito Ducasse a questo. E poi io tre ore a tavola o più ci voglio proprio stare.

I commenti sono chiusi.