Parisi sfida Maffi all’Enoteca Marcucci: le sue uova marce buone solo per le contestazioni alla Scala

Letture: 194
Paolo Parisi con l’avvocato Grammauta all’Enoteca Marcucci

Che sera , l’altra sera, all’Enoteca Marcucci di Pietrasanta. Si sono ritrovati faccia a faccia Parisi e Maffi, in compagnia di Giuseppe Grammauta, della moglie e dell’amica di famiglia Paola.

Secondo voci, Parisi, dopo la serata Krug, ha riacquistato sicurezza anche perché dopo la dipartita di Cortese da MB (Manuele Berti) pare ci sia stata una morìa di galline a casa Maffi.

“Le uova di Maffi – avrebbe affermato il famoso artigiano – sono totalmente marce. Altro che maionese, sono buone solo per chi va alla prima della Scala per contestare”.

 


Maffi non ha reagito, ha incassato.

Alla scena hanno assistito personaggi illustri, come il tennista russo Marat Safin che ha calcato la mano: “ma quale mozzarella, le galline devono bere latte di renna per fare belle uova gialle sode come il caucciù da usare come palline”.

 

Marat Safin con Grammauta


6 commenti

  • Tommaso Esposito

    (12 agosto 2010 - 18:55)

    Grande cazzata: le uova del Maffi sono le migliori al mondo. E sulla mozzarella che mangiano garantisco io.

  • Lello Tornatore

    (12 agosto 2010 - 20:24)

    Non lo so, sinceramente non lo so! Sto preparando una situazione conviviale alla fine della quale presenterò un dolce alla crema, forse pasticcera, forse no. A parte i sospetti sul mio fornitore di fiducia, che un tempo mi aveva assicurato di alimentare le sue galline esclusivamente a latte di bufala e Fiano di Avellino, ma ho scoperto che alterna il Fiano con lo Champagne di un certo Selosse e a me la cosa non va giù perchè la crema non è più consistente come una volta ma diventa moscia come la erre dei francesi. Mi trovo di fronte a un dilemma, da un lato vorrei continuare a dare credito al mio fornitore, raccomandatomi da persone estremamente serie e di legge, quali l’avv. Grammauta ed il notaio Tumbiolo, oltre naturalmente alle ampie e incondizionate garanzie che leggo offerte anche dall’ottimo Tommaso Esposito, dall’altro le ultime esperienze non è che siano state propriamente edificanti, per cui ho deciso di dargli un’ultima possibilità : insieme alla consegna delle uova mi dovrà portare almeno 1000 vuoti di Fiano di Avellino ad attestare l’uso di quel prodotto, oppure titolo equiPOLLEnte certificato dal notaio Tumbiolo in Lucca.

  • giancarlo maffi

    (12 agosto 2010 - 21:12)

    non si puo’ stare via una giornata in santa pace che subito ve ne approfittate. ma non vedete che PARISI NON E’ VERO. è UN FOTOMONTAGGIO come la pubblicità di sky con la ilaria d’amico modello cartellone. guardate la faccia schifata di grammauta !!!!

    IL GRANDE SAFIN invece è vero ed è stato gentilissimo.

    stendo un velo pietoso sul rapporto qualità / prezzo della serata :-((

    @tommaso : grazie . tu si che sei un amico, non come quel nullafacente di tornatore .

  • ENRICO MALGI

    (12 agosto 2010 - 21:16)

    @ Lello, a me il dolce che preparerai con quel tipo di uova non lo mangio, lo dico già adesso. A questo punto, non so se ci si può ancora fidare del Maffi… Abbracci.

  • Lello Tornatore

    (12 agosto 2010 - 22:30)

    Ti prego Enrico, diamogli un’altra possibilità! Può darsi che effettivamente le sue uova abbiano vissuto solo una contingenza critica : infatti il dolce preparato questa settimana è decisamente più consistente,non proprio come quello delle prime forniture, ma fa ben sperare per il futuro appuntamento… almeno così mi assicura il mio tecnico-pasticciere tuttofare, che mi garantisce sarà inflessibile nella valutazione di controllo-qualità all’accettazione merce. Perciò stai tranquillo il panel di degustatori ufficiali di uova, al primo sentore di PINOT NOIR, hanno disposizioni ferree di far partire l’ordine per la consegna espressa via elicottero delle famose uova di Parisi, che non saranno al Fiano, ma almeno non ci faranno cantare la marsigliese!!!

  • ENRICO MALGI

    (13 agosto 2010 - 07:49)

    Lello mi dispiace, ma io rimango della mia idea. Sono molto scettico a questo punto. Piuttosto ti voglio dire che non ho fatto in tempo a sviscerare la ricetta del babà di mia moglie sul post di Gaspare. Allora ho pensato che cercherò di convincerla a prepararlo per in nostro happening, va bene? Non prometto nulla, ma tenterò sicuramente e poi vedremo… Abbracci.

I commenti sono chiusi.