Parlano i Vignaioli a Bari il 19- e 20: venite a vedere quanto sono buoni i vini naturali!

Letture: 135
Parlano I Vignaioli

di Daniela Di Gruttola

Parlano i Vignaioli è un piccolo Salone indipendente di produttori, nato cinque anni fa, che viene organizzato in una città del Sud Italia.

La terza edizione si trasferisce a Bari, e la collaborazione con Massimo Lanini (Ristorante Le Giare – Bari), grandissimo divulgatore di vini naturali,  ha rianimato questo progetto nato da Cantina Giardino, Pino Savoia e Giusy Romano.
Due giorni di intenso confronto tra degustazioni, assaggi, dibattiti, opportunità di conoscere di persona e di ascoltare quei vignaioli-artigiani che conducono una  viticoltura pulita e rispettosa dell'ambiente, della materia prima e del consumatore.
Vini che arrivano in bottiglia da vigne gestite senza utilizzo di sistemici e senza aver avuto alcun contatto con prodotti enologici se non una minima dose di solforosa. O addirittura neanche quella.
Il mondo dei vini naturali è molto vivace, gli eventi sono diventati tantissimi, per la gran parte concentrati al Nord Italia e all'Estero.

Il mercato di queste cantine è altrettanto vivace e in crescita: non stupisce quindi che gli attacchi ai vini naturali si siano notevolmente intensificati.
Vale la pena di ricordare una delle vicende più clamorose dello scorso anno, riportata nel libro “Vini naturali d'Italia 2.0″ di Giovanni Bietti (pag. 18-19).
Nel Gennaio 2013 la rivista Gambero Rosso attacca il settore con un editoriale che si intitolava “Il tormentone dei vini naturali”; sullo stesso numero della rivista era presente un articolo dal titolo “Te lo do io il vino… naturale!” scritto da due noti giornalisti francesi.
Questi due articoli hanno scatenato una reazione importante quanto affascinante: duecento produttori hanno firmato una lettera (e tra questi ben 50 sono presenti a Parlano i Vignaioli il prossimo 19-20 gennaio a Bari).
Riportiamo qui sotto i tratti salienti della lettera di risposta dei produttori (ripresa dal libro di Bietti) ma è possibile su internet trovare le versioni integrali di tutta questa vicenda:

Siamo convinti che un atteggiamento critico sano e aperto debba essere quello del confronto, della volontà di capire un fenomeno in espansione esaminandone pregi e difetti (non pensiamo affatto di non averne) e informando il pubblico in modo obiettivo, invece di gridare a ogni piè sospinto le parole  “difettoso”, “volatile”, “ossidazione”. Appassionati e curiosi saranno poi liberi di scegliere: non vogliamo che vengano condotti per mano, ma semplicemente che gli si forniscano nel modo più chiaro e onesto gli strumenti adeguati per poi lasciarli liberi. Invece il tono dei pezzi sul numero di gennaio, lasciatecelo dire, è davvero aggressivo, come se il vino naturale e artigianale fosse una sorta di nemico da abbattere a ogni costo, non un'alternativa da conoscere e soprattutto da rispettare.
Noi crediamo, al contrario, che ci sia spazio per tutti, piccoli e grandi, naturali, biologici, biodinamici e convenzionali, a patto che il produttore lavori in modo etico e responsabile. Non pensiamo di avere la verità in tasca, ma abbiamo le nostre idee e ci piace difenderle e sostenerle visto che sono il frutto del nostro lavoro quotidiano.

Dunque Bari diventa un'occasione per questo confronto e lo fa con la partecipazione di alcune aziende il cui nome nel mondo del vino, non solo in quello del vino naturale, è storia.
Nomi che mettono in accordo tutte le linee di pensiero e che con grandissimo orgoglio per il Sud appassionato di vino, parleranno del loro lavoro quotidiano.

ECCO L'ELENCO AGGIORNATO

Trentino
Foradori

Veneto
Monteforche
Gatti

Friuli
Princic
Terpin
Radikon
La Castellada
Buscemi

Piemonte
Cappellano
Carussin
Rinaldi
Principiano
Tenuta Grillo
Trinchero
Cascina degli Ulivi
Bera
San Fereolo

Emilia Romagna
Podere Pradarolo
La Stoppa
Denavolo
Croci
Anguissola
Vino del Poggio
Maria Bortolotti

Liguria
Walter De Batté

Toscana
Busattina
Pacina
Colombaia
I Botri
La Porta di Vertine
Massavecchia
Amerighi
Carla Simonetti – Podere Trinci

Lazio
La Visciola

Abruzzo
Praesidium

Sardegna
Dettori
Panevino

Puglia
Guttarolo
Morella
Antica Enotria
Pichierri
Natalino del Prete

Campania
Cantina Giardino
Il Cancelliere
Monte di Grazia
Podere Veneri Vecchio

Calabria
'A Vita
L'Acino

Sicilia
Guccione Francesco
Marabino

Francia
Jardin du Vin
CO.VI.BIO

Voltumna Scarl (FI) –  Masiero (VI) – Società Agricola Nicoletta de Fermo s.s. (PE) Casa Wallace (AL) – Tenuta Selvadolce – VIGNETO SAN VITO SOCIETA' AGRICOLA S.S. (BO).
Les Caves Des Pyrène
Velier

Domenica 19 e lunedì 20 gennaio 2014
Bari – Hotel Rondò
Orari di apertura dalle 10,00 alle 19,00
Ingresso euro 10,00
www.parlanoivignaioli.it
Daniela 3346083409
Massimo 3280256168

6 commenti

  • Oreste Tombolini

    (11 gennaio 2014 - 12:56)

    Buon giorno
    sono un piccolo vitivinicultore il mio sito è http://www.brandisioilprimitivo.it. Dal 2007 ho ripreso la vecchia attività di famiglia dopo avere ereditato la cantina del mio nonno materno. Ho intrapreso questa attività applicando un disciplinare che partendo da un tipo di agricoltura diciamo biologica (solo piccole quantità di zolfo e quasi inesistenti di rame) sono ora approdato a un tipo di agricoltura che ho definito etico-naturale ho escluso cioè ogni prodotto chimico in vigna e ogni lavorazione della terra. Inoltre nella mia cantina sto conducendo delle sperimentazioni evitando l’impiego nel vino di ogni sostanza inclusa la solforosa. Mi piacerebbe essere a Bari il 19 e 20 e magari avere l’opportunità di presentare brevemente il mio disciplinare. Ho già pronta una presentazione in Power Point con i risultati ottenuti. È possibile?
    Saluti Oreste Tombolini
    3486019139

  • Giulio Cantatore

    (11 gennaio 2014 - 20:23)

    Devo sottolineare la bontà del Primitivo di Oreste Tombolini, davvero piccolo produttore affacciato da pochissimi anni sul mercato, ma ritrovo grande qualità ogni volta che stappo i suoi vini.

  • Arianna Greco

    (13 gennaio 2014 - 13:45)

    Spero di esserci! Interessante……

  • Enzo Pietrantonio

    (13 gennaio 2014 - 22:52)

    Caro Luciano, spero di rivederti a Bari.
    Al signor Tombolini suggerisco di contattare Massimo Lanini, co-organizzatore dell’evento e patron del ristorante “le giare” in Bari, location dell’evento.
    Può trovare il suo contatto su facebook.
    Arrivederci a Bari il 19 e 20 gennaio.

    • luciano pignataro

      (14 gennaio 2014 - 00:33)

      Certo caro Enzo
      sarà l’occasione per bere tanti buoni vini insieme

    • Oreste Tombolini

      (15 gennaio 2014 - 10:06)

      Grazie signor Pietrantonio, è quello che farò, me lo ha suggerito anche il signor Cantatore

I commenti sono chiusi.