Pastiera Day. Bocconcini di pastiera di Raffaele Pappalardo

Letture: 146
I bocconcini di pastiera di Raffaele Pappalardo

Ha trentatre anni e la sue doti maggiori sono creatività ed entusiasmo. Riservato e defilato, Raffaele Pappalardo, è cetarese doc, dai tanti sogni nel cassetto, e preferisce lavorare sodo, sperimentare, azzardare per proporsi e farsi conoscere attraverso piatti sempre nuovi.

Dopo una gratificante esperienza di due anni al «Conte Andrea», unica vetrina gourmet nel cuore della movida salernitana, all’inizio di marzo è approdato a Le Cinque Porte a Penta di Fisciano, a due passi dal capoluogo di provincia e a poche centinaia di metri dall’Università e dall’Ikea di Baronissi.

Preparazione Un dolce facile da replicare anche a casa, seguendo i consigli dello chef Pappalardo. Prima di tutto, bisogna cuocere a fuoco lento 70 grammi di zucchero, mezzo litro di latte e 300 grammi di grano cotto insieme ad una buccia di limone. A parte, in una terrina, montare tre uova intere con 80 grammi di zucchero e aggiungere 100 grammi di farina setacciata, mescolando bene. Quando l’impasto sarà omogeneo, aggiungere il latte amalgamato col grano e rimettere sul fuoco, mescolando fino a quando il tutto non diventa una crema omogenea e ben compatta. Lasciare raffreddare bene e aggiungere 300 gr di ricotta setacciata.

Nel frattempo, a parte, frullate nel mixer dieci biscotti secchi da latte e ottenere una polvere. Con il composto così ottenuto, preparate delle palline del diametro di tre centimetri; imprimerle prima nel tuorlo d’uovo (precedentemente sbattuto) e poi nella polvere di biscotti. Passare in padella con burro e spolverare di zucchero a velo fino a che non si ottiene una delicata crosticina. Servire su cioccolato sciolto e aromatizzato con fiori d’arancio. Decorare con foglie di menta e servire ben caldo.

Ricetta di Raffaele Pappalardo de Le Cinque Porte di Penta raccolta da Giovanna Fasanino

3 commenti

  • giancarlo maffi

    (3 aprile 2010 - 16:03)

    questa provo a farla…..

  • diodato buonora

    (4 aprile 2010 - 00:48)

    La classe è classe. Bravo Raffaele. Appena posso, questi bocconcini, verrò a gustarli alle Cinque Porte. Buona Pasqua.

  • raffaele bracale

    (4 aprile 2010 - 15:39)

    Se i complimenti li fa uno come me che ama le cose tradizionali, vuol dire che sono veramente meritati!
    Bravo Raffaele! Belle innovazioni!
    SERENA E SANTA PASQUA!

I commenti sono chiusi.