La pastiera napoletana di Pasqua veramente fatta in casa

Letture: 200
La pastiera napoletana di Pasqua

di Gaspare Pellecchia

Benedetti quei Greci che ce l’hanno tramandata!
Pastori lo erano, ma anche buongustai, tanto da creare un dolce che se non lo prepari non ti sembra Pasqua.
Grano cotto mischiato con ricotta di pecora e poi, col tempo, addolcito dai frutti caldi del Mediterraneo: aranci e cedri macerati nello zucchero.
Ma gli abitanti del mare non si accontentarono, vollero per questo dolce prendere i profumi del tempo, di quando viene la Pasqua e colsero i fiori d’arancio per ricavarne un olio profumato.
Tutta questa bontà di dio dove metterla? In una sfoglia morbida e croccante, che va bene per molti giorni per farti tenere la Pasqua nel cuore, ed essere più buono per un mese intero.

A me piace prepararla così, come da sempre si fa a casa mia, e mi piace tanto che te la voglio far cucinare. Per questo ti dò la mia ricetta

Mischia 500g. di ricotta con 500g. di zucchero (i gusti oggi sono cambiati, perciò ne metteremo un po’ meno, diciamo 450g.), e aggiungi 500g. di grano già cotto e riscaldato con 1 noce di burro e 200g di latte.

All’impasto unisci 5 uova intere, cannella, vainiglia, acqua di fior d’arancio, 250 grammi (o di più, a gusto) tra cedro e scorzetta d’arancio, un pizzico di sale e mescola bene.
—————
La versione salernitana prevede l’aggiunta di crema pasticcera, che puoi preparare con 45 g. di farina, 120 g. di zucchero, 3 uova, 1/2 l. di latte tiepido. Dopo averla fatta raffreddare aggiungila al composto.
—————
Per la pasta frolla esterna impasta velocemente: 300 g. di farina,150 g. di burro lasciato ammorbidire qualche ora (oppure 75 g. di sugna bianca + 75g. di burro),120 g. di zucchero,3 tuorli, 1 bianco d’uovo.


Metti la sfoglia in un bel ruoto imburrato e infarinato. versaci il composto e mettici sopra delle striscioline come fai per la crostata; inforna a 180°, dopo circa un’ora è pronta.

Lasciala raffreddare e mettila in un piatto da portata.

Siediti solo o in compagnia, taglia e mangia, poi respira e sentirai ritornare tutti i profumi di un tempo lontano, buongustai gli italiani, concordi?
Auguri.

3 commenti

  • marco

    (27 marzo 2015 - 17:23)

    mi chiedo come mai poi questi pastori greci non hanno più continuato a farla la pastiera!! poveri loro!!:)

    e cmq ……finalmente vedo la foto di una pastiera , appunto come recita il titolo, davvero fatta in casa!!!
    come la fa la nonna!! buonissima!!!:)

  • Andrea

    (21 marzo 2016 - 15:47)

    Quanta cannella? Quanta vaniglia? Ruoto da 24, o da 28?

  • Elio Manno

    (21 marzo 2016 - 19:35)

    la cottura mi sembra troppo breve, a 180° occorrono almeno 1 e 45 min. per ottenere cottura ottimale col classico colore “oro vecchio”

I commenti sono chiusi.