Patrimonio Unesco, l’Italia candida ufficialmente la pizza napoletana

Letture: 125
Pizza Unesco: la consegna delle firme
Pizza Unesco: la consegna delle firme

Via libera della Commissione italiana Unesco all’iscrizione della pizza nella lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. Lo rende noto la Coldiretti al termine di una intera giornata di mobilitazione nel sottolineare che la decisione è stata assunta dalla Commissione Italiana Unesco riunita a Roma sotto la presidenza del professore Giovanni Puglisi al quale erano state consegnate 300mila firme raccolte da parte della Coldiretti insieme all’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e alla fondazione UniVerde dell’ex ministro dell’Agricoltura Alfonso Pecoraro Scanio a sostegno della campagna lanciata sulla piattaforma Change.org.

“Il riconoscimento dell’Unesco ha un valore straordinario per l’Italia che è il Paese dove più radicata è la cultura alimentare e la pizza rappresenta un simbolo dell’identità nazionale”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che ”quando un prodotto diventa globalizzato il rischio è che se ne perda l’origine ed è proprio il caso dell’arte della pizza”.

Il riconoscimento dà valore ad una tradizione sostenibile, attenta alla naturalità, che parla di materie prime povere e d’ingegnosità umana, di genialità di donne e uomini che volevano trovare modi gustosi e sostanziosi per nutrire le proprie famiglie e la propria comunità.

Un commento

  • Fabrizio Guglielmi

    (26 marzo 2015 - 21:29)

    Benissimo,
    era ora che fosse riconosciuto questo grande prodotto “nostro”
    Ad maiora
    Fabrizio Guglielmi

I commenti sono chiusi.