Peppino Tinari e Vittorio Fusari: il maiale secondo noi a Villa Maiella

Letture: 103

Seconda edizione della maialata a Villa Maiella con tanti amici, produttori, nel cuore dell’Abruzzo ferito.

Angela Tinari con Vittorio Fusari in cucina

Nelle immagini il menu: un polpettina di benvenuto, la zuppa di cotiche e lenticchie (ottima l’idea dell’olio all’arancio), gli gnocchi di patate con la ventresca, il tortello di prosciutto in brodo affumicato, la casseuola, il nero in tradizione e la crema rovesciata alle mandorle.
Cena semplice, di sapori incrociati fra Nord e Sud, abbinata ai vini abbruzzesi: Trebbiano Vigna di Capestrano 2007 Valle Reale, Trebbiano Anima 2007 di Marramiero, Montepulciano Chronicon 2005 di Zaccagnini, Montepulciano Althea 2005 di Tiberio, il Montepulciano Marina Cvetic 2005 Masciarelli e il Plasir Passito Bianco 2008 di Zaccagnini.
Tanti amici, tra cui ‘o mastro Antonio Paolini, Fabio Turchetti, Alessandro Bocchetti, Roberto De Viti, Massimo Di Cinzio. Ho ritrovato persino il mio ex vicedirettore Gigi Vicinanza che oggi dirige Il Centro e, della serie quanto è piccolo il mondo: Patrizia, moglie di Vittorio, mamma del piccolo capobrigata della serata, Giacomo, mia compagna di liceo.
Chiuse le danze ufficiali con i saluti, si è aperto il capitolo vino, chiuso alle tre e mezza di notte.

Cheval Blanc 1996 e Mascarello 1990 in magnum

Cheval Blanc 1996 e Trebbiamo Valentini 1996, una magnum di Mascarello del 1990, splendido Turriga 1994, preceduti da bolle e chiusi con bolle.
La splendida famiglia Tinari ha dato il meglio di se con i salumi presentati dal figlio Arcangelo che alleva personalmente il nero, il servizio coordinato dall’altro figlio Pascal che ha lavorato per un anno e mezzo da Santini. E proprio Giovanni, il figlio di Antonio, si è presentato con una grande mortadella insieme alla fidanzata Valentina, nuova regina della sala al Pescatore.
Ecco, una di quelle serate in cui sarebbe bello poter fermare il nostro correre. Il valore dell’amicizia, che sempre si coniuga con la professionalità.

Villa Maiella
Guardagrele (Ch)
Via del 7 dolori
www.villamaiella.it

Un commento

  • Simone e Zeta

    (9 febbraio 2010 - 21:36)

    …Mi hai fatto tornare in mente un piatto, a base carne di maiale, cucinato da Vittorio alla Dispensa-Pane e Vini (adro) da applausi….Quindi anche tu dovrai aver goduto tanto!!

I commenti sono chiusi.