Piedirosso 2004 Campi Flegrei doc

Letture: 77

IL QUARTO MIGLIO

Uva: piedirosso
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

L’altra sera da Euridice, il winebar di Peppe Vigilante al Vomero dove presto riprenderò i miei corsi di iniziazione al vino, una sorpresa da Quarto. Il Quarto Miglio, perchè Quarto deriva il suo nome, apprendo, dal fatto di essere il quarto miglio da Pozzuoli. Falanghina, Piedirosso ed Aglianico. I primi due coltivati a piede franco in vigneti di proprietà, l’aglianico proveniente dall’agro Taurasino. Quest’ultimo affinato per due mesi in barriques nonostante mi è sembrato aver sopportato bene il legno al naso dove quasi avrei detto promettente mi è, invece, sembrato scollegato e più scomposto al palato lasciandomi più di qualche perplessità. La Falanghina mi è parsa schiacciata aromaticamente da una presenza avvertibile di solforosa ed un acidità non brillante che la sapidità non mi è sembrata in grado di riequilibrare a dovere. La mia preferenza è, dunque, caduta sul Piedirosso, che nella sua semplicità mi ha riconciliato con un buon bicchiere di vino (servito a temperetaura fresca) in abbinamento a delle ottime mozzarelle di bufala (in versione bocconcini, anche alla panna e treccia) e salumi nostrani. Un frutto croccante e speziato sostenuto da un’acidità che lo rende un ottimo vino da tutto pasto da bere su una pasta e fagioli oppure una classica salsiccia e friarelli.

Questa scheda è di Fabio Cimmino

Sede a Quarto. Via Cesare Pavese. Tel  e ffax 081762427. info@ilquartomiglio.it www.ilquartomiglio.it Enologo:  Maurizio De Simone. Vitigni: piedirosso, aglianico e falanghina.