Pier Giorgio Parini e Christian Puglisi sono i due italiani tra i dieci migliori giovani chef europei per il Wall Street Journal. Ma c’è anche un ristorante italiano a Londra, I Trulli

Letture: 89
Pier Giorgio Parini

Wall Street Journal ha pubblicato la top ten dei migliori giovani chef in Europa e due di loro sono italiani.
Pier Giorgio Parini, il “re delle erbe” di Torriana vicino a Rimini, è radicato fermamente nella tradizione dei prodotti della terra che reinventa e combina nel suo locale Il Povero Diavolo.

Christian Puglisi

L’altro però, il messinese Christian Puglisi, se ne è andato. A soli 28 anni, dopo aver lavorato al leggendario El Bulli per la stagione 2006 e poi come sottocuoco da Noma a Copenaghen, Puglisi è rimasto in Danimarca dove, solo due mesi fa, ha aperto il suo primo ristorante, Relae.
«C’è del talento che può solo migliorare», ha decretato Bruce Palling, critico gastronomico del Wall Street Journal Europe, del 28enne chef siciliano. Parini e Puglisi sono entrati nella lista dei «dieci futuri grandi» compilata sulla base di molti assaggi da Palling: quasi tutti«under 30», oltre ai due italiani, la lista comprende tre francesi, uno svedese, uno spagnolo e tre inglesi.

Uno dei quali, Tim Siadatan, ha appena aperto nel quartiere di Islington a Londra i Trulli: «Il miglior italiano della capitale britannica quanto a rapporto prezzo/qualita», scrive il Wall Street Journal. Sadiatan ha 28 anni: è un ex teenager disoccupato “preso a cuore” dal celebrity chef James Oliver per il suo gastro-programma tv. Il resto è storia.


Le altre giovani promesse della ristorazione britannica sono Stevie Parle, 25 anni di The Dock Kitchen

Brett Graham

e l’australiano Brett Graham del Ledbury a Londra che si è appena guadagnato la seconda stella Michelin e le visite dei ‘mostri sacri Ferran Adrià e Alain Ducasse incuriositi del suo fagiano con le prugne cotto nel tè lapsang souchong, una delle specialità della casa.


In Francia i nuovi divi della ristorazione sono Alexandre Gauthier, che ha riconquistato la stella Michelin per il ristorante di famiglia nel nord del Paese

Mathieu Rostaning Taydard a Lione

e Greg Marchand a Parigi.

Inigo Pena

In Spagna al Narru di San Sebastian il venticinquenne Inigo Pena si è guadagnato il titolo di miglior giovane chef nel Paese col maggior tasso pro capite di innovatori culinari

 mentre in Svezia il Faviken di Magnus Nillsson (nella foto con Massimo Bottura), che ha appena 27 anni, viene segnalato come forse «il più straordinario ristorante d’Europa» nel cuore di una tenuta da 8.500 ettari grazie alla quale può permettersi di usare solo prodotti achilometro zero. (ANSA).

3 commenti

  • silvia cardelli

    (10 novembre 2010 - 23:19)

    Ce ne fosse uno con la toque…

  • gianni revello

    (11 novembre 2010 - 00:29)

    Magnus Nilsson lo si può vedere, in compagnia di un bel numero di grandi cuochi su: http://www.theworlds50best.com/tag/cook-it-raw
    Nella foto assieme a Massimo Bottura e Andrea Petrini c’è invece Petter Nilsson de La Gazzetta di Parigi.

    Per Christian Puglisi faccio un copia incolla:
    Born in 1982 in Messina, Italy. Arrived in Denmark in 1989. Attended the Cooking School in Copenhagen and have been working in Le Petit Bofinger and Restaurant Taillevent in Paris. Røgeriet, Hansens Køkken og Bar, Søren K, Restuarant Oliva in Denmark and was most recently at El Bulli in Spain and the souschef at Restaurant Noma for 2 1/2 year.

    Ho conosciuto Christian Puglisi nel 2008 al Noma e l’ho visto lavorare. Non ho dubbi sul suo futuro. Ho già letto qualcosa della sua cucina al Relae, aperto da pochissimo. Una cucina che tra l’altro non è affatto la copia di quella del Noma. Un amico va tra poco a Copenhagen (Noma, Relae ecc), mi racconterà.

  • revolutionary Auto Forex Trading FREE

    (10 dicembre 2010 - 06:52)

    Davvero, come la progettazione grafica e la navigazione del sito, piacevole alla vista e buoni contenuti. altri siti sono semplicemente troppo traboccante aggiunge

I commenti sono chiusi.