A proposito, la mangiate la pizza ai 5 cereali della Buitoni?

Letture: 2892
uitoni pizza cinque cereali
Buitoni pizza cinque cereali

Pizza ai cinque cereali Buitoni. Proprio vero, la grande industria attacca quello che non può replicare. Lo fa con mezzi legali facendo lobby a Strasburgo inventandosi sia norme di sicurezza i cui costi un piccolo artigiano non può sostenere sia imponendo modelli di semplificazione produttiva.  Fanno pressione per dichiarare fuorilegge le tradizioni, ad esempio la richiesta di abolire i forni a legna per pane e pizza.

Ecco perché mi è venuto da sorridere vedendo lo spot della pizza ai 5 cereali della Buitoni. Il cerchio che si chiude, prima una campagna forsennata contro la pizza napoletana, unico modello di artigianalità diffusa a carattere territoriale in espansione, poi gli attacchi alla farina 00, una delle eccellenze italiane perché ottenuta, nel nostro paese, senza procedimenti chimici, infine l’imposizione del modello biscottato a spicchi.

Conclusione: una bella pizza croccante come recita la reclame, ai cinque cereali per salvarsi la pelle.

Tanto una pizza napoletana ben idratata, con impasto elastico, olio, pomodori e latticini di qualità non sarà mai replicabile a livello industriale.
Pensi sempre, a proposito di un altro prodotto messo all’indice per un periodo, cioè la mozzarella, che le uniche sequestrate in Italia perché blu erano di una grande azienda alimentare.

Ed è curiosa la storia, che dalla politica può essere traslata alla gastronomia, di come la porta alle multinazionali alla fine sia sempre aperta dall’estremismo, la malattia infantile del consumismo:-)

Magnatevi la 5 cereali Buitoni, io sono un troglodita e morirò mangiando la margherita di Ciro Oliva e la marinara di Vuolo, ma anche la cosacca dei Salvo e la pizza fritta della Masardona. Rigorosamente con farina 00 please, altrimenti non è pizza, ma focaccia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>