Roma, da Zazà. Pizza al taglio bio a Sant’Eustachio

Letture: 1005
Zaza, insegna
Zaza’ a sant’Eustachio, l’insegna

di Virginia Di Falco

Zazà a Roma è una piccola pizzeria al taglio che si trova in una posizione a dir poco privilegiata. Siamo infatti in piazza Sant’Eustachio, a due passi dall’omonima basilica, di fronte ad uno dei caffè più (giustamente) famosi della capitale.

Basilica di Sant'Eustachio
Basilica di Sant’Eustachio

Il locale è davvero un buco: un banco mignon con davanti delle cassette in legno con frutti in vendita, e uno staff altrettanto mignon, con il pizzaiolo, che impasta e inforna a vista, e a servire, una giovane ragazza che taglia e riscalda i tranci.
Fuori qualche tavolo sotto l’ombrellone, per godersi la pizza e la piazza: ci si serve da soli con il vassoio, quindi non si paga nulla. Sempre all’ingresso un contenitore con le bottiglie d’acqua che hanno il logo della pizzeria: unico accenno al fatto che si tratta di un piccolo franchising (hanno un’altra sede in via Cina). Servizio dunque molto sciolto ed informale. Qui si fermano tanto i clienti abituali quanto i turisti.

Zaza, pomodorini e melanzane
Zaza’, pomodorini e melanzane

Le pizze hanno in verità una bella faccia, le teglie si svuotano e si riempiono nuovamente alla velocità della luce. La lievitazione è di quelle lunghe (fino a 72 ore) e i prodotti usati vengono dichiarati biologici.
All’assaggio la pizza risulta leggera e saporita, e dopo aver mangiato, si apprezza che il condimento non disturba né il palato né la digestione. La base è piuttosto croccante, non eccessivamente unta, e quasi tutti gli ingredienti hanno un sapore netto e distinto.

Zaza, caprese
Zaza’, caprese
Zaza, ricotta e funghi
Zaza’, ricotta e funghi

Buona, ad esempio, la rossa con melanzane e pomodorini oppure la caprese, con pomodori, rucola e mozzarella di bufala.

Zaza', caprese
Zaza’, caprese

Un po’ pasticciata quella con ricotta e funghi champignon, dove forse si potrebbe evitare la crema tartufata: ma qui, davvero, è solo questione di gusti. Nella media la margherita.

Zaza', la margherita
Zaza’, la margherita

Non si fa ricordare, invece il supplì: la frittura è ben eseguita e riso e pomodoro sono discreti, ma all’interno non abbiamo trovato traccia di mozzarella.

Per chiudere, una nota di merito sul rapporto qualità prezzo. Un listino in formato gigante esposto all’ingresso dà al cliente l’idea della spesa in maniera chiara e corretta. Con 10-12 euro un paio di persone fanno almeno tre o quattro assaggi più che soddisfacenti. Si va infatti dai 10 euro al chilo della pizza bianca, ai 15 della margherita, fino ai 18 delle ripiene e 25 delle pizze “speciali”.

Zaza', i prezzi
Zaza’, i prezzi

Costi tutto sommato contenuti, soprattutto se rapportati da un lato, ad una qualità dei prodotti più che discreta, e dall’altro, ai prezzi non certo economici e spesso truffaldini di molti bar e paninerie del centro (non dimenticate che siete a due passi dal Pantheon).

Con il valore aggiunto di poter chiudere un lunch veloce con un frutto biologico in vendita al banco oppure, con un caffè più che speciale, nello storico caffè di fronte. Il che non è poco.

Zaza', la frutta in vendita al banco
Zaza’, la frutta in vendita al banco

ZAZA’
Piazza Sant’Eustachio, 49
Tel. 06 6880 1357
Aperto tutti i giorni, dalle 9:00 alle 23:00
www.pizzazaza.it

 

2 commenti

  • friariello

    (8 ottobre 2016 - 15:56)

    Gabanelli verrà…….

  • Virginia

    (10 ottobre 2016 - 10:56)

    e chi se ne frega, se posso. :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>