Pizza Procida, l’ultima creazione di Enzo Coccia

Letture: 3649
Pizza Procida
Pizza Procida

L’idea della Pizza Procidana nasce dalla lettura del libro di Vincenzo Corrado del 1781 dal titolo “Dal cibo pitagorico ovvero erbaceo per uso de’ nobili e de’ letterati”. Vincenzo Corrado, grande uomo di cultura e gastronomo, nel libro parla dei pomodori ed in particolare di alcuni pomodori cotti alla brace. L’ho chiamata Pizza Procidana perché in estate i pescatori dell’ isola, fuori le loro case, sono soliti cuocere i pomodori sulla brace e li poggiano poi su fette di pane croccante e caldo e conditi con un filo d’olio. Questo è stato lo spunto per la Pizza Procidana, una pizza semplice ma dal sapore gustoso.

su www.mysocialrecipe.com

Pizza Procida

Di

Ingredienti per Per 4 persone persone

  • Preparazione dell'impasto (per forno elettrico o a gas)
  • 1 lt di acqua
  • 55 g di sale marino
  • 5 g di lievito di birra
  • 2 cl. di olio extravergine d'oliva
  • 5 g di zucchero
  • 1700/1800 Kg di farina
  • 10/12 ore di lievitazione a temperatura ambiente.
  • Per la farcitura (per una teglia):
  • 15-18 pomodorini a grappolo o datterini
  • 80 g di scamorza
  • n.1 spicchio d'aglio novello o privato del germoglio
  • Un pizzico di origano
  • Qualche foglia di prezzemolo
  • Qualche foglia di basilico
  • Olio extra vergine di oliva di ottima qualità
  • Sale marino

Preparazione

Versate un litro d'acqua (a 8-12°C) in una zuppiera circolare, sciogliete il sale marino, successivamente stemperate 5 g di lievito di birra, aggiungete lo zucchero, l'olio e il 30% della farina rispetto alla quantità complessiva prevista, cominciate ad impastare e versate gradualmente il resto della farina fino al raggiungimento della consistenza desiderata, definita punto di pasta. Tale operazione deve durare 20 minuti fino a che non otterrete un'unica massa compatta. L' impasto deve presentarsi non appiccicoso e "liscio" al tatto, morbido ed elastico. Coprite l'impasto, senza estrarlo dalla zuppiera, con un panno umido. Lasciare lievitare per 10/12 ore a temperatura di 22-25°C.
Estraete dalla zuppiera l'impasto, dividetelo in 4 con una spatola in modo da poter preparare quattro pizze in quattro teglie diverse, iniziate a stenderlo facendo pressione con i polpastrelli. Oleate la teglia e riponete l'impasto su di essa, lasciatelo riposare per ulteriori dieci minuti. Accendete il forno sulla posizione grill medio.
Tagliate i pomodorini a metà. Metteteli su un foglio di carta forno, irrorateli con un filo di olio e cuoceteli per qualche minuto fino ad ottenere una colorazione che possiamo definire "alla brace".
Tagliate la scamorza a listarelle e l'aglio a fettine sottili. Tagliate il prezzemolo ed il basilico.
Preriscaldate il forno a 250°C.
Irrorate la pasta con un filo di olio e infornate per circa 15 minuti.
Successivamente distribuite sulla pizza la scamorza e i pomodorini, cospargete di aglio e origano e infornate per altri 5 minuti: la pizza deve essere croccante e dorata, la scamorza filante e i pomodorini scottati.
Dopo aver sfornato la pizza, distribuitevi il prezzemolo e il basilico e completate con un filo di olio.
Tempo di preparazione: 20 minuti

Un commento

  • luca

    (6 febbraio 2017 - 21:03)

    Bellissima.! Perché ha il sapore dell’antico e anche per la forma e i colori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>