Pizzeria Lievito 72 a Trani: la nuova pizza pugliese

Letture: 891
Lievito 72, Andrea Giordano
Lievito 72, Andrea Giordano

di Gianni Ferramosca

Che la pizza, in Puglia, non abbia mai generato una vera e propria “scuola pugliese” (magari come quella napoletana o romana) è ormai un dato di fatto che riguarda solo il passato. Da qualche anno, infatti, in questa regione è possibile assistere sempre più di frequente, ad un vero e proprio approccio “tutto pugliese” nei confronti della storica preparazione popolare. Uno degli esempi più esaltanti di questo nuovo corso, riguarda senza alcun dubbio, la Pizzeria “Lievito 72” di Trani, di proprietà del giovane e talentuoso pizzaiolo Andrea Giordano.

Non è certo un caso, che a soli due anni dall’apertura, questa pizzeria sia riuscita ad attirare su di sé, le attenzioni di un pubblico sempre più vasto, capace di cogliere in questa proposta, il segno distintivo della propria identità culturale e gastronomica.

Pizzeria Lievito 72, l'interno
Pizzeria Lievito 72, l’interno

Qui, tutto quello che finisce sulla pizza è frutto di una capillare ed attenta ricerca legata alla qualità delle materie prime, nonché alla tipicità della più ortodossa tradizione pugliese. Tutto il resto, ovvero l’impasto di base, è la naturale conseguenza di una sensibilità maturata all’interno di una famiglia, quella di Andrea Giordano, che da sette generazioni non ha mai smesso di produrre pane e monumentali facacce pugliesi. “Ci sono nato in questo mondo, mio padre e mio fratello portano ancora avanti il forno di famiglia”.

Lievito 72, l'impasto
Lievito 72, l’impasto

 

Lievito 72, l'impasto
Lievito 72, l’impasto

Tuttavia, a sorprendere di più, è quell’atteggiamento di assoluta libertà mostrato da Andrea durante il proprio lavoro. Un sentimento questo, cosi simile a quello iscritto nel dna dei veri talenti pugliesi (vedi anche: Antonio Cassano e Checco Zalone), i quali, una volta acquisiti tutti i segreti del proprio mestiere attraverso la pratica quotidiana, improvvisamente, li dissipano tutti, superandoli con un sorprendente successo. In questo caso, quello che ne deriva è un prodotto fortemente caratterizzato da uno straordinario effetto sorpresa e da una piacevole e divertente ventata di modernità.

Lievito 72, impasto al nero di seppia, pomodoro biologico e burrata
Lievito 72, impasto al nero di seppia, pomodoro biologico e burrata

Nel tempo, questo suo personale approccio al lavoro, lo ha spinto lontano dai cliché e dai luoghi comuni, una condizione questa, che lo ha obbligato a mettere a punto un suo personalissimo tipo d’impasto. Il risultato è un ibrido, un impasto a metà strada tra la pizza napoletana e quella romana, dentro il quale sono concentrate le migliori caratteristiche delle due strutture. La pasta, preparata con farine macinate a pietra e lievito madre, viene lasciata maturare per almeno 72 ore prima di essere utilizzata, tutto ciò per ottenere una pizza incredibilmente leggera ed altamente digeribile. E lo è davvero.

Qui a Lievito 72, anche la pizza assume una forma diversa, diventando rettangolare, cosi come molti degli ingredienti che la caratterizzano, che, anziché passare dalla cottura, vengono adagiati “a crudo” sulla pizza, una volta ultimata la cottura in forno con il solo pomodoro.

Lievito 72, mozzarella di bufala pugliese, il pomodoro biologico di Agricola Paglione e cime di rapa
Lievito 72, mozzarella di bufala pugliese, il pomodoro biologico di Agricola Paglione e cime di rapa

In questo modo, la burrata di Andria, i gamberi viola di Gallipoli e tutte le altre eccellenze pugliesi, compreso lo straordinario olio extravergine d’oliva prodotto in questa regione, diventano i protagonisti di un esperienza territoriale unica ed irripetibile altrove. Solo lavorandola cosi, afferma Andrea Giordano, la pizza garantisce al palato quella trasparenza e quella profondità dei sapori, degna della migliore tradizione gastronomica pugliese.

Lievito 72, la pizza con gamberi viola di Gallipoli e tartare di verdure pugliesi
Lievito 72, la pizza con gamberi viola di Gallipoli e tartare di verdure pugliesi

 

Lievito 72, l'olio extravergine d'oliva aggiunto dopo cottura
Lievito 72, l’olio extravergine d’oliva aggiunto dopo cottura

Anche il menu non risparmia sorprese, infatti è composto da un elenco di sole dieci pizze, che variano di stagione in stagione, assicurando cosi, una materia prima sempre freschissima e soprattutto locale.

Trani, Pizzeria Lievito 72, il menu
Trani, Pizzeria Lievito 72, il menu

 

Lievito 72, la preparazione della pizza  con la rifinitura degli ingredienti all'uscita del forno
Lievito 72, la preparazione della pizza con la rifinitura degli ingredienti all’uscita del forno

Non mancano le cime di rapa, i funghi cardoncelli, le mandorle fresche e i carciofi, ma anche, l’ottimo pescato di stagione e le diverse lavorazioni di formaggi, che qui in Puglia, si susseguono durante tutto l’anno.

Lievito 72, momenti della preparazione della pizza
Lievito 72, momenti della preparazione della pizza

 

Lievito 72, la pizza margherita durante la preparazione
Lievito 72, la pizza margherita durante la preparazione

 

Lievito 72, pizza margherita
Lievito 72, pizza margherita

 

Lievito 72, la pizza margherita con pomodoro biologico
Lievito 72, la pizza margherita con pomodoro biologico

Senza subire mai nessuna influenza o moda, Andrea Giordano è stato capace di crearsi una sua chiara e precisa identità, o forse, semplicemente è riuscito a non tradire quella che già possedeva, visto che la maggior parte dei prodotti proviene dalla sua città d’origine, dove ancora vive ed opera la sua famiglia, come lo straordinario pomodoro utilizzato sulla pizza, prodotto in bio, da Agricola Paglione di Lucera (fg).

Lievito 72, il Duoma di Lucera
Lievito 72, il Duoma di Lucera

 

Pizzeria Lievito 72

Via Ciardi 29/31

76125 Trani (Ba)

Tel. 388.4346166

 

Un commento

  • Roberto

    (25 febbraio 2016 - 19:11)

    Complimenti, verrò presto a provare le pizze tranesi….se buone come quelle napoletane! Vi manca l’acqua del Serino, ma potrete rimediare con l’abbinamento giusto: la Gazza Nera delle cantine Santa Lucia!

I commenti sono chiusi.