Pontecagnano, Pasticceria Ornella

Letture: 94

Via Garibaldi, 3
Tel. 089.201023


Meringa di nocciole e un impasto misterioso di ricotta di bufala, panna e fichi. Premiata alla Bit di Milano 2004, si chiama Picentia ed è una torta tutta Doc. Il dessert offerto agli inviati della stampa e delle televisioni nazionali al seguito del giro d’Italia che fa sosta nei Picentini. Con le mani immerse in strepitose creme o farine, nel suo laboratorio dolciario di Pontecagnano Faiano Ornella Petrosino prepara crostate, gelati e marmellate di mela annurca igp, dolcetti di pasta di mandorle preparati con mandorle di Bari. Produzioni di punta che sbarcano nelle enoteche dell’Emilia Romagna attraverso il Consorzio dei Degustatori di Bologna per essere abbinate ai vini doc campani. Di lei si è già accorta la stampa nazionale e il mensile Dove la celebra nell’ultimo numero di aprile in un servizio sulla costiera amalfitana e cilentana. <La nostra è una piccola impresa a conduzione familiare – racconta con umiltà Ornella – che nasce nella prima metà del ‘900. Di tanti anni di sperimentazione ho ereditato le ricette e i metodi autentici della lavorazione artigianale. Mi sono solo divertita a rinnovare qualche ingrediente>.


Nel ’99, con l’apertura della sede che affaccia sulla piazzetta Garibaldi nel borgo antico di Faiano, la pasticceria ha intrapreso un progetto gastronomico strettamente territoriale e di rivisitazione dei prodotti tipici, riconosciuti con marchio europeo. La torta Picentia è presente su tutti i banchetti delle grandi occasioni istituzionali. Le segreterie dei sindaci della provincia di Salerno, dal basso Cilento e spesso addirittura dalla Calabria, si prenotano con largo anticipo per non rimanere a bocca asciutta. Il rischio di desiderare una Picentia e non poterla avere c’è, ed è la garanzia che a prepararla siano state mani nude: <abbiamo deciso di non imbatterci nella rete delle esportazioni internazionali – spiega il marito di Ornella che la affianca nel lavoro – perché un circuito del genere ci imporrebbe una produzione industriale che altererebbe inevitabilmente il risultato>. Il successo della Picentia è cominciato con la Borsa del Turismo di Paestum quando gli espositori delle altre regioni d’Italia hanno avuto modo di scoprirla con un semplice assaggio, in occasione della sua presentazione. Ma Ornella da anni si sveglia ogni mattina alle 5 per girare la chiave del laboratorio solo a mezzanotte e lasciarsi alle spalle il profumo dello zucchero lavorato.


Questa scheda è di Diletta de Sio