Portobello a Modena, il primo supermercato dove si spende senza soldi

Letture: 121
Il logo di Portobello

Un supermercato dove si comprano cibo e generi di prima necessità pagando non in euro, ma in ore di volontariato. È il ‘Portobello market’, l’emporio sociale anti-crisi che aprirà i battenti domani alle 18 in via Divisione Acqui 81 a Modena. A prima vista, ‘Portobellò non è molto diverso da un normale supermarket: gli spazi e gli arredi ricordano infatti un tradizionale punto vendita, con la scelta di prodotti sugli scaffali (prime necessità, alimentari, igiene personale). La differenza è nel prezzo, che non è indicato in euro ma in punti.

Ogni famiglia che vi potrà accedere per un tempo limitato e su segnalazione dei servizi sociali del Comune in base al reddito e al numero dei componenti del nucleo, sarà dotata di un quantitativo di punti mensile caricati sulla tessera del codice fiscale, con la quale è possibile ‘fare la spesà.

Ogni utente di ‘Portobellò parteciperà, quindi, ad un colloquio di orientamento al volontariato con personale specializzato del Centro di servizio per il volontariato di Modena e potrà così conoscere le associazioni del territorio, scoprendo quella più adatta alle sue disponibilità. In cambio dell’aiuto materiale offerto dal market, potrà quindi partecipare ad attività di volontariato che si svolgono nel territorio modenese, anche presso lo stesso Portobello, se necessario.

Un commento

  • COMAROLI CARLO

    (1 luglio 2013 - 18:45)

    LUNICA COSA GIUSTA VI AUGURO MOLTO BENE CHE DIO VI AIUTI COSA CHE DOVEVA FARE IL GOVERNO MA CHE NON FARA MAI CHE DIO VI BENEDICA NELLA VOSTRA MISSIONE

I commenti sono chiusi.