La Sicilia di Radici del Sud 2013

Letture: 115
l'Oliver Wine House di Palermo dove è avvenuta la consegna degli attestati – foto tratta da www.oliverwinehouse.it

di Roberta Ambrosi

Un'atmosfera orgogliosa e fiera delle propria terra quella vissuta presso il locale Oliver Wine house di Palermo giorno 15 Ottobre 2013 alle ore 19, dove ha avuto luogo la consegna degli attestati di riconoscimento alle 13 aziende siciliane vincitrici di “Radici del Sud 2013;“...è il marchio che raccoglie le attività di promozione del territorio ideate da Associazione Propapilla che nasce nel 2006 …” lo definisce così lo stesso ideatore Nicola Campanile, che aggiunge “…Radici del Sud punta sull'inscindibile binomio territori e produzioni, consapevole che la salvaguardia delle tipicità locali rafforza il senso di appartenenza e contribuisce a consolidare la necessaria piattaforma culturale tesa a fare squadra in direzione di uno sviluppo complessivo della regione Puglia e di tutto il Sud…”

In molti i partecipanti tra cui: Filippo Di Matteo (Sindaco di Monreale), Nicola Campanile ( ideatore di Radici Wine),  Francesca Tamburello e Guido Falgares (organizzatori dell'evento); ma protagoniste dell'evento sono proprio le cantine vincitrici con i loro rappresentanti.

Una serata all'insegna della qualità ed eccellenza dei vini Siciliani.

Ad aprire la serata sono intervenuti gli organizzatori, che dopo aver radunato i partecipanti in sala, hanno consegnato ai vincitori i loro meritati premi spiegando cantina per cantina la motivazione del premio con l'ausilio degli stessi.

“Varie le aziende, vari i territori di produzione ma eguale passione e ricercatezza nella produzione dei loro vini”; E' questa l'essenza della serata!

Un evento che raduna le più rinomate ed apprezzate – a livello nazionale ed internazionale – cantine Siciliane che puntano alla tipicità ed alla salvaguardia dei loro prodotti che si esprimono con un fortissimo senso di appartenenza alla propria terra.

Quattro le categorie dei vini premiati;

1) Categoria vini bianchi Catarratto:

1° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Terre di ginestra 2012 IGP Terre siciliane Siciliane Calatrasi San Cipirello (PA)

2° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Chara 2012 IGP  Terre siciliane Feudo Disisa Grisì Monreale (PA)

1° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Motivì 2012 Patria vini Torre Palino Castiglione di Sicilia (CT)

2° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Casalj Sicilia DOC 2012 Rapitala' Camporeale (PA)

2° Categoria vini rosati da vitigni autoctoni Sicilia:

2° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Rosa Nera Eloro Rosato (da Nero D'avola) DOC 2012 Marabino Noto (SR)

1° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Millemetri Rosato (da Nerello Mascalese) Etna DOC 2011 Feudo Cavaliere S.Maria Licodia (CT)

3° Categoria vini rossi Nerello Mascalese:

1° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Ghiaia Nera IGT Sicilia 2010 Tasca

D' Almerita Baglio dei Regaleali

2° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Don Blasco IGT  2009 Feudo Cavaliere S.Maria Licodia

1° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Martinella Etna Rosso DOP 2010 Vivera  Linguaglossa (CT)

2° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Eruzione 1614 IGT Sicilia 2011 Planeta Castiglione di Sicilia (CT)

4° Categoria Nero D'Avola:

1° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Nero D'Avola IGP 2011 Principe di Corleone Corleone (PA)

2° PREMIO GIURIA NAZIONALE: Nero D'Avola Sicilia DOC 2012 Cantine Barbera Menfi (AG)

1° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Niuru IGP Sicilia 2010 Verovini Paceco (TP)

2° PREMIO GIURIA INTERNAZIONALE: Don Luca DOC Contessa Entellina 2011 Entellano (PA)

Dopo la consegna degli  attestati di riconoscimento, i presenti, con grande entusiasmo, hanno potuto degustare i vini premiati,  il tutto accompagnato da sfizioserie siciliane  preparate dalla proprietaria  del locale suddetto Francesca Bacile.

Un momento conviviale  che unisce i degustatori e i rappresentanti delle prestigiose cantine vincitrici che, minuziosamente,  si prestano al chiarimento di tutte le loro domande specifiche.

Grandissimo successo per Planeta con il suo “giovane” Eruzione 1614 Carricante 2012, un vino che esprime in pieno le qualità come la freschezza , data dalla coltivazione in altitudine, la sapidità e la mineralità proprie dello stesso vitigno.

Ed ancora l'azienda Patria, di Castiglione di Sicilia, con  il suo “Motivì”, un catarratto lucido dai vigneti della contrada Patria di Monreale, che ha vinto il 1° premio della giuria internazionale nella categoria Vini Bianchi da Vitigni autoctoni (Catarratto) e  che  utilizza lieviti indigeni amorevolmente selezionati, coltivati e moltiplicati dal Dott. Daniele Oliva, direttore del laboratorio di Microbiologia dell'Istituto Regionale della Vite e dell'Olio. Grande vino  che ha incuriosito ed entusiasmato i partecipanti.

Sorprendente anche il Millimetri rosato Etna Doc 2011 di Feudo Cavalieri della provincia di Catania, anch'esso vincitore della sua categoria. Questi un vino non comune 100% Nerello Mascalese, vitigno presente in azienda già dal 1880 e mai reimpiantato, che esprime incredibili sensazioni di freschezza e di ottima struttura, nonché di fine qualità e complessità olfattiva.

Insomma, una serata carica di “Sicilianità” che non delude gli astanti ma che li rende assolutamente partecipi del grande successo dei vini della propria terra.