Poularde de la Bresse a la Royale con tartufo bianco d’Alba. Dove? Da Mauro Colagreco? (prima parte)

Letture: 99

 

Pollastra de La Bresse, salsa Royale di foie gras des Landes, tartufo bianco d'Alba, radici e scalogni confit.

– del Guardiano del Faro –

Accidenti! Ma sarebbe come se Nadia Santini si mettesse a sferificare la zucca e azotare il brasato?

 

Mauro Colagreco, dal 2006 al Mirazur di Menton

Ma no, nessuna sorpresa, volendo andare a leggere con attenzione lo “storico” dello chef argentino di passaporto italiano più celebrato di Francia , divo in Sud America e magari anche  consulente in Giappone troveremo queste basi classiche tracciate di netto nel suo solco di esperienza, diciamo solco di esperienza, ma più pragmaticamente potremmo dire  che in quelle 12 stelle suddivise in quattro filosofie di cucine accumulate e assorbite, e che facevano di nome Bernard Loiseau, Guy Martin, Alain Ducasse e Alain Passard devono avergli fatto un discreto mazzo che però gli permette ancora  oggi , a distanza di anni, di tirar fuori una cosa così dal portabagagli della cinquecento targata Imperia normalmente sovraccarica di pomodori , zucchine e quando va bene una cassettina di moscardini.

Qualche critico malinconico starà ancora ad etichettarlo  l’italiano dalla parte sbagliata, infatti fosse di qua immagino che le valutazioni di  una trentina di Espressi over diciassette   si raffredderebbero di due o tre gradi , invece rimanendo di là  son cz suoi, però di là il confronto è vero, poi se sei bravo di là diventi veramente mondiale e non solo campioncino regionale, ma essendo mondiale non puoi anche essere radicalmente regionale  e quindi anche questa poularde non è come quella che fu da Loiseau o quella che è da Chapel o Blanc, non è da vingt-sur-vingt perché manca quella abitudine e quella attitudine naturale, ma è solo un gradino sotto, per un senso del profumo, una sensibilità  storica, un senso improprio perché sei fuori casa, un senso che non puoi avere se non ci sei nato dentro, e quindi benissimo così, hai già fatto una cosa da lacrime. Lacrime fusion, con le materie prime che si accavallano in un percorso tracciato tra Borgogna, Lande e Piemonte.

Vieux Menton dalla strada panoramica di Super Garavan

Le cose cambiano ed i profili emergono gradatamente,  sono frutti che maturano come le nespole, perchè partono da profondità lontane ed hanno bisogno di riposo e di sedimentazione, quindi se il tuo primo maestro francese è stato il Bernard suicida e hai quindi deciso di cambiare aria ma se poi ti capita magari un manager, un edonista e un alcolista che fai ?  E’ tutta roba buona da vedere se hai l’ occhio svelto,  subito da mettere nel cassetto quel che sembra interessate , e  decidedere poi in seguito se e cosa farne. Cosa farne? Farne un chef intelligente, moderno, che sa stare al mondo, con basi classiche, con tecniche modernissime, capace di far di conto e vendersi bene, anche con un certo stile.

Le rocce dei Balzi Rossi che sovrastano le jardin potager del Mirazur.

Per ora le signatures  sembravano essere les legumes, oui les legumes , specialmente quelli dimenticati, dimenticati anche dove si raccolgono, e per molti anche come si coltivano , e allora piantiamoli,   anche qui, dove sembra impervio il rilievo dei Balzi Rossi, appena due giri di curve al di sopra del  Pavillon Blanc Colagreco,  l’Argentin à Garavan, appena venti curve sopra il mare, ma la prospettiva cambia totalmente se le verdure te le coltivi e non le vai a comprare ai mercatini di quelle  parti. Sarebbe facile farsi tradire dal docile clima che invita più al far niente che a produrre idee, invece così hai il meglio ogni stagione ed al miglior prezzo, al primo prezzo, e qui non è il solito orticello regolamentare ostentato per moda, questo non lo vede nessuno e se non sai dov’è non sei neanche obbligato a sapere le origini degli splendidi vegetali che arriveranno nel piatto.

Sono più buone se te le sei coltivate da solo, le verdure, le idee, le amicizie, la clientela.

Lo chef , consulenza al tavolo ...

La piccola pesca e i fondi di cassetta, le parti dimenticate degli animali, i cereali di mezzo mondo, i profumi in fusione mondiale, senza far casino, uno o due per volta, le incisività accorpate, le acidità abbigliate di grassezza provenzale, la gestione facile e istintiva del buon food cost, la gestione difficile del personale, cambiato come le calze, sono felice che non mi hai mai voluto, questi vini e questi bicchieri che non accontentano mai nessuno, ma poi cosa sentono le mie orecchie “  sommelier, Selosse Rosè, et après Chevalier Montrachet Domaine Leflaive quatre-vingt-seize merci ” Allora hai capito anche questo, vedi che la maturità non si improvvisa, il tempo è proprio indispensabile.

Le dolcezze, che finezza in queste dolcezze, profumi e zuccheri, cremosità e dolcezza, ti stai divertendo alle spalle degli acidi ?

Certo che si ! Si vede che hai capito come gira il mondo, Menton è per un parigino come Villa San Giovanni per un milanese, ti devi abituare a lavorare con questi indigeni, ognuno ha i suoi, e con quelli devi confrontarti tutti i giorni, i parigini e i milanesi arrivano una volta l’anno sull’onda lunga del n°35 mondiale ai fornelli, e magari ti fanno più danni che darti soddisfazione e guadagno se non sono targati Omnivore o Gault Millau, quindi gestire con più oculatezza certe acidità, perché questi qui, li vedi come sono, questi amano certamente i sapori netti e appuntiti, ma una cremina gliela devi far almeno intuire, e il dolce deve tornare ad essere dolce,  se no non capiscono dove si trovano, per loro il Mirazur è una piccola gloria locale a cui affezionarsi.

 

La testa oggi è qui, domani in Spagna, dopodomani in Brasile, poi gli States, l’Argentina, il Giappone.

Ho capito che hai capito, personalità si, ma con quella faccia furba da “ àngel con la cara sucia” come Sivori, dove vai ci metti del tuo ma con un occhio di attenzione nei confronti verso chi da a te da mangiare e non l’inverso.

La sala è al completo

Sai che aveva ragione quel tuo collega  dall’altra parte della Riviera ? Aveva capito che a te non serve avere una carta dei piatti, perché tu hai già tutto in mente, tutte le combinazioni possibili per arrivare ad una giusta soluzione , potresti farne quaranta diversi ad ogni servizio o su misura per ogni cliente se la brigata ti assecondasse, e alla fine vedo che anche il cliente ha capito e si fida al punto di non domandarsi neanche cosa significhi scrivere una riga inutile piuttosto di una descrizione delle entrate,  un “Pour commencer” va bene lo stesso,  anche se seguito da un criptico  : Clorofilla, oppure Terra, oppure Acqua. Fine degli antipasti. Capito zero, oppure tutto, perché la sala è al completo anche a pranzo, mentre di là de la frontiere il -y- a personne à table a midi negli stellati.

Stare in piedi in questo pavillon non è stato facile, la deriva è verso il quinto anno, oggi si chiude per l’inverno, ci si rivede in primavera per il Mirazur anno quinto, la tavola più frizzante della Costa Azzurra, non bastasse, anche il miglior rapporto qualità prezzo della Costa Azzurra.

Ci ho provato a prenderti di sorpresa stavolta, in giro si dicono tante cose, compreso che lo chef non sempre è al piano, cosa non più fondamentale se l’organizzazione è consolidata, però ho almeno tentato, rischiando di rimanere fuori a causa della Non prenotazione e confidando sul fatto che ancora una volta tutto il personale era diverso dall’ultima, e così è stato.

Un coperto, comanda semplice, menù intermedio e bottiglia di bollicine, piuttosto anonimo direi, oppure puzzava di Michelin questo atteggiamento ? Nel dubbio però un professionista, anche a locale pieno l’ho butta un’occhio in sala,  non sta tutto il giorno con la testa sulla padella, può anche uscire un momento a rendersi conto chi c’è nel suo ristorante , così, per scrupolo, e quindi la sorpresa, premiata con questa Poularde Royale al tartufo bianco.

 gdf

– seguirà una seconda parte con i piatti serviti nel menù del penultimo servizio del Mirazur 2010 –

16 commenti

  • Fabrizio

    (25 ottobre 2010 - 11:13)

    E’ un vero peccato che la roccia della falesia dei balzi rossi non sia adatta per l’arrampicata.

  • giancarlo maffi

    (25 ottobre 2010 - 11:44)

    Di quando “lavoravi” alla Michelin non dico nulla. Certo che se dovessi valutare le tue ironie guidaiole dalla tua collaborazione con il modello unico barbaresi perderei buona parte dell’immensa stima che ho per te:-)

  • beppe

    (25 ottobre 2010 - 11:55)

    CHE PIATTO SIGNORI !!!
    Dove lo troviamo un piatto cosìin Piemonte???
    A che ore servite il menù completo? L’appetito non manca :-))
    Grazie e many manycompliments.
    Ragazzi che piatto!

  • roberto

    (25 ottobre 2010 - 12:20)

    Le falesie dei Balzi Rossi no e le rocce de la Turbie invece si, pochi chilometri è già ci manca sempre qualche cosa …
    Il modello Unico è molto carina :-) sei di buon umore vedo oggi…
    Il secondo tempo del film non so a che ora esce… sentiamo Luciano ? Luciano!!! a che ora esce?
    Un piatto così in Piemonte lo vedrei bene nelle mani di Davide Scabin , uno che con Colagreco se la gioca , se no c’è un Barbaglini valdostano che sulle salse royale non glielo mena nessuno.

    • giancarlo maffi

      (25 ottobre 2010 - 12:52)

      “non glielo mena nessuno” ? Fiijijiju…

      • roberto

        (25 ottobre 2010 - 13:13)

        non ho capito, ma secondo te una certa oca royale in tre stelle italico chi la faceva materialmente ??

        • alberto cauzzi

          (25 ottobre 2010 - 13:23)

          Ma non era proprio maffi che diceva che Colagreco era da Ospizio ? :-)
          Graaaaaannnndeeee Mauro …

          P.S. Ci stanno almeno un paio di chef in grado di fare questo piatto oltre a Scabin, un sta ad Alba :-) l’altro a Torriana … ma questa è un’altra storia :-)

          • giancarlo maffi

            (25 ottobre 2010 - 15:09)

            Ma io mica ho fatto i complimenti al colagreco qui. E’ che tu quando senti mentone ci infili sempre torriana e anche quell’altro non mi ricordo piu’ Veneto. Stai attento che a forza di teascinar cordate poi si spezzano :)

          • velavale

            (25 ottobre 2010 - 18:42)

            se piergiorgio ascolta
            io mi prenoto!!!!

        • giancarlo maffi

          (26 ottobre 2010 - 09:36)

          Posso sapere fino a che ora capisci le battute? :-)

  • giancarlo maffi

    (25 ottobre 2010 - 15:25)

    E comunque voi due ex ( e magari futuri soci … Chi lo sa ? ) mentite sapendo di mentina. Il tartufo bianco con quel piatto e’ un inutile spreco.

    • alberto cauzzi

      (25 ottobre 2010 - 17:34)

      Sei forte Giancà … :-: :-)

      • roberto

        (25 ottobre 2010 - 19:36)

        Lo adoro quando fa così il geloso

  • Angelo

    (26 ottobre 2010 - 09:02)

    Proposto proprio ieri sera, dal suo sous chef. Peccato che lui non sia riuscito a venire…

I commenti sono chiusi.