Premio Montana alla ricerca alimentare: vince un gruppo di ricerca della federico II di Napoli

Letture: 102

Il riconoscimento, del valore complessivo di 150.000 euro, è stato assegnato ex aequo a un gruppo di ricerca dell’Università di Napoli “Federico II” e a una ricercatrice dell’Università di Bologna.

Menzioni speciali, del valore di 10.000 Euro cadauna, sono state conferite a due gruppi di ricerca rispettivamente delle Università di Pavia e di Napoli “Federico II”.

È stato assegnato oggi a Roma il “Premio Montana alla Ricerca Alimentare” (giunto quest’anno alla quarta edizione), istituito nel 2006 da Montana Alimentari con l’obiettivo di sostenere giovani ricercatori italiani, incoraggiare la ricerca scientifica sull’alimentazione e superare gli attuali confini delle conoscenze in questo campo.

Il riconoscimento di questa edizione, pari a un valore complessivo di 150.000 Euro, è stato suddiviso in due macro-aree tematiche: Scienza degli Alimenti (Area tecnologia, sicurezza e qualità degli alimenti) e Scienza dell’Alimentazione (Area salute, dieta e nutrizione umana).

La Giuria ha assegnato il medesimo punteggio alle due ricerche risultate migliori nell’ambito di ciascuna delle due aree tematiche, assegnando 75.000 euro a ciascuna ricerca.

Il premio per l’Area Scienza dell’alimentazione è stato assegnato a Paola Piombino e Danilo Ercolini, dell’Università di Napoli “Federico II” per la ricerca “Obesità e percezione sensoriale: il ruolo della composizione della saliva e individuazione di alimenti dotati di potere appagante”.

Il premio per l’Area Scienza degli alimenti è andato alla ricercatrice Ester Grilli del DIMORFIPA dell’Università di Bologna, che ha realizzato una ricerca dal titolo “Molecole a lento rilascio intestinale per il controllo dei food-borne pathogens nella filiera carne e latte”.

Le ricerche vincitrici sono state selezionate da una Giuria scientifica indipendente, presieduta dal Prof. Carlo Cannella, Ordinario di Scienza dell’Alimentazione Università “La Sapienza” di Roma e Presidente INRAN – Ist. Naz. Di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, che ha selezionato oltre 150 ricerche provenienti da università e centri di eccellenza di tutta Italia. Gli altri componenti della Giuria sono il Prof. Paolo Aureli (Dirigente di ricerca Istituto Superiore di Sanità) il Prof. Giulio Testolin (Nutrizionista dell’Università degli Studi di Milano), il Prof. Stefano Cinotti (Direttore Generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna), il prof. Fulvio Marzatico, Docente presso la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università degli Studi di Pavia, il Dott. Loris Zaghini (Direttore Area Igiene Alimenti di Origine Animale dell’ASL di Mantova),  e il Dott. Paolo Berselli (Presidente di Salumi d’Emilia s.r.l. e Direttore Operativo di Montana Alimentari S.p.A).

Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato il Cav. Luigi Cremonini, Presidente dell’omonimo Gruppo, e il Dott. Giorgio Pedrazzi, Presidente di Montana Alimentari.

I criteri attraverso i quali si è arrivati alla determinazione dei vincitori sono l’originalità della ricerca e il suo carattere innovativo, l’applicabilità del risultato della ricerca, la qualità della metodologia scientifica adottata e la vicinanza della ricerca alle esigenze concrete del consumatore.

La Giuria inoltre ha attribuito due menzioni speciali straordinarie per un valore di 10.000 Euro ciascuna ad altri due gruppi di ricerca: Adria Innocenza Buongiorno, Manuela Verri e Daniela Buonocore dell’Università di Pavia, per la ricerca “Nuove strategie per prevenire e combattere la sarcopenia: importanza di una corretta alimentazione”, per l’Area Scienza dell’Alimentazione; e Concetta Valeria Giosafatto, Lucia Sorrentino, Angela Rossi, Giovanna Marquez e Marilena Esposito, dell’Università di Napoli “Federico II”, per la ricerca “L’enzima transglutaminasi come strumento biotecnologico per la preparazione di film edibili da utilizzare nel packaging attivo” per l’Area Scienza degli Alimenti.

“Siamo particolarmente soddisfatti – ha detto Giorgio Pedrazzi, AD di Montana Alimentari – per l’eccellente livello delle ricerche pervenute per questa edizione del Premio. Vorrei ringraziare i tanti ricercatori che hanno partecipato alle prime edizioni, con un totale di oltre 270 ricerche, dalle 20 della prima edizione alle 150 di quest’anno. Ci auguriamo che il Premio Montana possa diventare nei prossimi anni sempre più importante ed essere un aiuto concreto alla ricerca sull’alimentazione in Italia”.

Come di consuetudine, anche questa edizione del Premio è stata accompagnata da un grande Maestro dell’arte contemporanea: ai vincitori è stata donata un’opera di Marco Lodola, uno degli artisti italiani più interessanti del momento.

Il bando della Quinta edizione del Premio Montana sarà disponibile sul sito www.montanafood.it dal mese di luglio.

Montana Alimentari S.p.A., società controllata dal Gruppo Cremonini e dal gruppo brasiliano JBS, è tra i leader nel settore della produzione, commercializzazione e distribuzione di elaborati carne, salumi, snack, gastronomia pronta e carni in scatola, con oltre 230 prodotti. La struttura produttiva è composta da 5 stabilimenti specializzati per tipo di produzione, con una attenzione particolare alle aree di prodotti DOP e IGP negli stabilimenti di Busseto (Culatello DOP, Coppa di Parma IGP, Salame Felino IGP, Mortadella IGP) e Sondrio (Bresaola IGP). Nello stabilimento di Paliano (Frosinone) sono prodotti Prosciutti Cotti, mentre a Gazoldo degli Ippoliti (Mantova), piattaforma logistica dell’azienda, avviene la produzione di affettati, insieme a quella di panini e tramezzini. Infine, a Rieti, si produce la storica carne in scatola Montana.

Roma, 23 giugno 2010

Contatti:

Luca Macario

Ufficio stampa Gruppo Cremonini

luca.macario@cremonini.com