Prima tranche dell’International Wine Challenge 2016 a Londra: ecco gli italiani

Letture: 177
International Wine Challenge 2016, chairmen a lavoro
International Wine Challenge 2016, chairmen a lavoro

di Chiara Giorleo

Fino a 14.000 vini in concorso.

Una cinquantina i Paesi da cui i vini provengono.

33 edizioni, inclusa quella in corso (2016).

A volte i numeri sono noiosi, ma pochi dati rendono bene l’idea di una realtà come quella dello storico concorso londinese dove si dichiarano sufficientemente “neutrali” data la propria limitata tradizione rispetto alla produzione di vino.

L’International Wine Challenge (IWC) è considerato tra i più meticolosi dato il complesso meccanismo che prevede più degustazioni dello stesso vino prima che questo venga escluso, considerato “raccomandabile” o valevole di medaglia (oro/argento/bronzo): quindi degustato da diversi panel di degustazione e in diversi momenti, fino al giudizio finale lasciato ai 5 chairmen, i “Presidenti”, di esperienza internazionale.

International Wine Challenge 2016, campioni
International Wine Challenge 2016, campioni

Inoltre, Chris Ashton, alla direzione dei lavori, sottolinea che si tratta di una scelta ben precisa quella di non raggruppare i panel per specializzazione su un vino o un determinato territorio: “oggi i produttori stanno sperimentando e questo può funzionare soprattutto sul mercato inglese ma se sei specializzato il rischio è di essere troppo rigidamente legato ad un’idea o un gusto a cui si è abituati”. Tipicità a parte naturalmente. Sono nei panel di assaggio dall’edizione 2015 e proprio quest’anno, mi sono capitati anche dei vini italiani, in particolare del Sud (Calabria, Puglia, Campania) ed ho avuto modo di verificare che questi vini, tra tutti i membri internazionali del mio gruppo, sono stati apprezzati per la riconoscibilità: un risultato molto importante al di là di punteggi e classifiche.

International Wine Challenge 2016, degustazioni in corso
International Wine Challenge 2016, degustazioni in corso

Il fine del concorso è la massima obiettività possibile che ha portato anche alla scelta di non indicare nemmeno le fasce di prezzo nelle schede sintetiche dei campioni sottoposti ai membri della giuria. Una questione spesso discussa come delicata perché da un lato costituisce un facile condizionamento, dall’altro può aiutare a giudicare il vino per quello che è nel suo segmento.

Non solo: sono previste 2 tranche di degustazione l’anno (una a Novembre e una ad Aprile) per consentire ai produttori di sottoporre i vini rispetto alle esigenze di mercato o produzione.

Ebbene, la prima tranche, tenutasi a Novembre, si è conclusa. Sono stati pubblicati i risultati da considerare, chiaramente, parziali in attesa della seconda tornata, occasione in cui saranno annunciati anche i trofei (premio a cui concorrono gli ori!).

“Exciting results” dichiarano da Londra considerando che l’Australia, al momento, risulta essere prima in classifica per numero di ori soprattutto grazie ai rossi (Shiraz in particolare), battendo la Francia che -però- resta in testa per numero totale di medaglie (295 tra oro, argento e bronzo). Champagne e Borgogna sono sempre protagoniste ma la sorpresa è stata suscitata dal successo dei Gewurztraminer d’Alsazia. Notevole il numero di medaglie della Nuova Zelanda che vede protagonisti anche vini di star della TV o del cinema che hanno investito nel settore, come Sam Neil di Jurassic Park. Niente male Spagna e Sud Africa; inoltre, continua a crescere il successo dell’Inghilterra soprattutto con le bollicine.

International Wine Challenge 2016, campioni
International Wine Challenge 2016, campioni

Cosa accade in Italia?

L’Italia si posiziona con un numero considerevole di medaglie: 172 in totale di cui 8 medaglie d’oro, 52 d’argento, 112 di bronzo. Al top ci sono ancora i vini delle regioni più note. Innanzitutto la Toscana con 5 medaglie d’oro tra le quali anche un Vin santo prodotto dalla catena Marks & Spencer. Segue l’Amarone, ma a questi si affianca un rosso sardo, il Cagnulari.

Cambia leggermente la situazione se guardiamo alle medaglie d’argento, non tanto per numero ma per varietà di vini; queste cadono un po’ su tutta la penisola: in Campania si aggiudica la medaglia un Taurasi, quello di Bellaria, in Calabria un noto Cirò, quello dell’azienda Iuzzolini; 2 rossi tra cui un Primitivo di Manduria per la Puglia e ben otto medaglie d’argento in Sicilia così come nelle Marche che già l’anno scorso si era distinta con un ottimo risultato.

Ma siamo solo a metà della corsa, dobbiamo solo attendere qualche mese per avere il quadro completo. Potrebbero esserci delle sorprese come spesso capita, so di diversi produttori italiani che parteciperanno alla seconda tranche. Intanto trovate di seguito la lista delle medaglie d’oro e d’argento tutte italiane.

MEDAGLIE D’ORO (8):

1.      Terraria, 2011 di villa pinciana (Toscana) – Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot

2.      Bàcco Isola dei Nuraghi Cagnulari, 2014 di Società Agricola Siddura (Sardegna) -Cagnulari

3.      Amarone della Valpolicella Riserva Famiglia Pasqua, 2006 di Pasqua Vigneti E Cantine (Veneto) – Corvina, Rondinella, Oseleta

4.      Marks & Spencer Da Vinci Vin Santo, 2008 di Cantine Leonardo da Vinci (Toscana) –  Trebbiano

5.      Amarone della Valpolicella Classico, 2012 di ETTORE RIGHETTI (Veneto) – Corvina, Rondinella, Croatina

6.      Brunello di Montalcino “Orbitali”, 2010 di Sensi Vigne E Vini (Toscana) – Sangiovese Grosso

7.      Brunello Di Montalcino La Togata, 2011 di La Togata Sas (Toscana) – Sangiovese Grosso

8.      Seconda Stella A Destra, 2011 di Vini Italiani Da Sogno (Toscana) – Sangiovese Grosso

 

MEDAGLIE D’ARGENTO (52):

1.      Barolo Le Coste, 2010, di Amalia Cascina In Langa (Piemonte) – Nebbiolo

2.      Borgo Della Civette Extra Dry, NV, di Fratelli Martini Secondo Luigi (Veneto) –  Glera

3.      Amarone Classico Della Valpolicela, 2011, di Tenute Ugolini (Veneto) – Corvina

4.      Asda Extra Special Barbera d’Asti, 2013 di Araldica (Piemonte) –  Barbera Sarda

5.      Amarone della Valpolicella Classico Villa Borghetti, 2012 di Villa Borghetti Pasqua (Veneto) – Corvina, Rondinella, Negrara

6.      Ascheri Langhe Arneis, 2014 di Ascheri (Piemonte) – Arneis

7.      Brut Cuvée N°4 Millesimato, 2011 di Societa’ Agricola Bersi Serlini (Lombardia) – Chardonnay

8.      Bovale, 2013 di Cantina di Mogoro – Il Nuraghe (Sardinia, Italy) – Bovale

9.      Brunello Di Montalcino Togata Dei Togati, 2011 di La Togata (Toscana) – Sangiovese

10.   Amarone Massimago, 2011 di Massimago (Veneto) – Corvina, Corvinone, Rondinella

11.   Franciacorta Noble Cuvée Brut, NV di Ca’d’Or (Lombardia) – Chardonnay, Pinot Nero

12.   Concerto Reggiano Lambrusco, 2014 di Medici Ermete & Figli (Emilia Romagna) – Lambrusco Salamino

13.   Chianti Classico Gran Selezione District Z, 2011 di Villa Mangiacane (Toscana) – Sangiovese, Merlot

14.   Col di Corte Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore, 2014 di Col di Corte (Marche) – Verdicchio

15.   Fòla – Cannonau di Sardegna, 2013 di Società Agricola Siddura (Sardegna) – Cannonau

16.   Cosima Sangiovese Primitivo Puglia, 2014 di  Torrevento (Puglia) – Sangiovese, Primitivo

17.   Crebesco Toscana Rosso, 2012 di AZIENDA AGRICOLA VALENTINI (Toscana) –  Sangiovese, Merlot, Syrah

18.   Corte Brà Amarone della Valpolicella Classico, 2009 di Casa Vinicola Sartori (Veneto) – Corvina, Corvinone, Rondinella

19.   Carillon, 2011 di Vini Italiani Da Sogno (Toscana) – Sangiovese

20.   Carillon Rosso Di Montalcino, 2014 di Vini Italiani Da Sogno (Toscana) – Sangiovese

21.   Franciacorta Pas Dosé Millesimato, 2008 di Ca’d’Or (Lombardia) – Chardonnay, Pinot Noir

22.   Maradea Riserva, 2011 di Tenuta Iuzzolini Soc. Agricola (Calabria) – Gaglioppo

23.   Massucco Nebbiolo d’Alba Trono, 2013 di MASSUCCO AZIENDA AGRICOLA F.LLI (Piemonte) – Nebbiolo

24.   Mhuri, 2013 di Villa Mangiacane (Toscana) – Sangiovese

25.   Jera Verdicchio di Matelica, 2011 di Borgo Paglianetto (Marche) – Verdicchio

26.   Liberti Marsala Superiore, NV di Florio (Sicilia) – Grillo, Inzolia, Catarratto

27.   La Rediviva, 2014 di Monte Schiavo (Marche) – Lacrima Di Morro D’alba

28.   Luccio Lugana Classico, 2014 di Tenuta Roveglia (Lombardia) – Trebbiano Di Lugana

29.   L’Amarone, 2012 di LA COLLINA DEI CILIEGI (Veneto) – Corvina, Corvinone, Rondinella

30.   Marsala Superiore Riserva Vito Curatolo Arini, NV di Baglio Curatolo Arini 1875 (Sicilia) – Grillo, Inzolia, Catarratto

31.   Rosso Veneto Neropasso, 2013 di Mabis (Veneto) – Corvinone, Corvina, Cabernet Sauvignon

32.   Roggio del Filare, 2012 di Velenosi (Marche) – Montepulciano, Sangiovese

33.   Querciantica Lacrima Superiore, 2014 di Velenosi (Marche) – Lacrima Di Morro D’alba

34.   Morrisons Signature Fiano, 2014 di Cantine Settesoli (Sicilia) – Fiano

35.   Passito Rekalbesi, 2014 di Tenute Poma (Sicilia) – Zibibbo

36.   Motuproprio Toscana, 2011 di Bertani Domains (Toscana) – Sangiovese

37.   Novacorte Montepulciano d’abruzzo Dop, 2014 di  Domus Vini (Abruzzo) – Montepulciano

38.   San Michele di Poggio L’Apparita, 2011 di Società Agricola L’Apparita (Toscana) – Sangiovese, Merlot, Syrah

39.   Pecorino, 2015 di Consorzio Cooperative Riunite d’Abruzzo – Citra (Abruzzo) – Pecorino

40.   Settesoli Seligo Sicilia, 2013 di Cantine Settesoli (Sicilia) – Nero d’Avola

41.   Taurasi, 2009 di Società Agricola Bellaria (Campania) – Aglianico

42.   Spèra Vermentino di Gallura, 2014 di Società Agricola Siddura (Sardegna) – Vermentino

43.   Valpolicella Classico Superiore, 2012 di Tenute Ugolini (Veneto) – Corvina, Oseleta

44.   The Wine Society Barbera d’Asti, 2013 di Araldica (Piemonte) –  Barbera Sarda

45.   Verdicchio di Matelica “Meridia”, 2012 di Cantine Belisario (Marche) – Verdicchio

46.   Verdicchio Di Matelica, 2014 di La Monacesca (Marche) – Verdicchio

47.   Verdicchio di Matelica Riserva Mirum, 2013 di La Monacesca (Marche) – Verdicchio

48.   Talò Primitivo di Manduria, 2013 di Cantine San Marzano (Puglia) – Primitivo

49.   Tripudium, 2013 di Carlo Pellegrino & C. (Sicilia) – Nero d’Avola, Cabernet Sauvignon

50.   Tesco The Winemaker Collection Orvieto Classico, 2014 di Fratelli Martini Secondo Luigi (Umbria) –  Grechetto

51.   Villa Angela Pecorino Offida, 2014 di Velenosi (Marche) – Pecorino

52.   Zibibbo Rekalbesi, 2014 di Tenute Poma (Sicilia) – Zibibbo

4 commenti

  • Giancarlo

    (10 dicembre 2015 - 07:27)

    la cosa strana è che la maggior parte delle cantine vincitrici non mi sembrano molto conosciute (ma forse è solo mia ignoranza).
    come mai le grandi cantine italiane non vi partecipano?

  • chiara giorleo

    (10 dicembre 2015 - 13:28)

    è vero Giancarlo, questo può accade perchè i concorsi (con eventuali medaglie) costituiscono un importante strumento di promozione-comunicazione quindi, in linea di massima, partecipano più facilmente aziende meno grandi o meno note. Non a caso, ancora più in generale, c’è una notevole presenza del “nuovo mondo” che vuole farsi sempre più spazio…

  • Nicola

    (11 dicembre 2015 - 11:41)

    Ci sono tanti “colossi” che pagano per partecipare, male che vada un bollino sulla bottiglia lo si porta a casa. Non é vero che partecipano aziende meno grandi anzi… andate a vedere la produzione di molte di queste, …da paura!

  • chiara giorleo

    (19 gennaio 2016 - 13:29)

    Caro Nicola, tutte le aziende pagano per partecipare come in ogni concorso ma i bollini “non sono in vendita”! ;)
    Per il resto si faceva una considerazione generale…

I commenti sono chiusi.