Primitivo di Manduria Acini Spargoli Dop 2011 | Voto 87/100

Letture: 383
Primitivo di Manduria Doc Acini Spargoli 2011 Antico Palmento

Antico Palmento
Uva: primitivo
Fascia di prezzo: 24,00 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 30/35

Il comprensorio vitivinicolo tarantino esprime sempre grandi vini col suo primitivo di Manduria. Ed anche le piccole aziende concorrono allo sviluppo ed alla promozione di questo ottimo vino con prodotti estremamente interessanti.

L’azienda vinicola Antico Palmento di Manduria coltiva soltanto primitivo su due ettari vitati di proprietà e pochi altri a conduzione, allevati col classico sistema ad alberello. Il proprietario Bruno Garofano, dopo aver trascorso quasi quarant’anni con l’incarico di consulente enologico presso aziende locali, ha deciso di mettere a disposizione dei tre figli Mariangela, Paolo e Gabriele la sua esperienza e competenza. Ha così provveduto all’acquisto di un antico palmento, che è stato poi ristrutturato ed adattato come cantina per la vinificazione e la conservazione dei vini.

Due sole etichette prodotte fino adesso: Acini Spargoli Primitivo di Manduria Doc 2011 e La Dolce Vita Primitivo di Manduria Doc Dolce Naturale 2009. Per la mia degustazione ho preso in esame il primo vino che ho trovato molto interessante e che è stato in concorso all’ultima edizione di Radici del Sud. Acciaio, legno piccolo e vetro per la maturazione e quindici gradi di alcolicità.

Controetichetta Primitivo di Manduria Acini Spargoli Doc 2011 Antico Palmento

Classico colore rubino vivo e lucente. Profilo aromatico massimamente intrigante, laddove vengono evocate in primis rimembranze odorose fruttatamente boisé e poi in appresso rigurgiti di prugna e di marasca. Al naso salgono anche accattivanti profumazioni tostate, speziate, mentolate, erbacee, di caffè e di liquirizia. In bocca il registro gustativo rileva subito inusitate sensazioni appaganti di rotondità e di morbidezza, senza connotazioni allappanti come ci si può aspettare da un vino simile. Certo l’elevato tasso alcolometrico sulla lingua si sente, eccome! Ma direi che non disturba più di tanto, perché la nota calda è controbilanciata da una spalla acida che rinfresca la bocca. In più il vino denota anche eleganza, equilibrio, complessità e croccantezza ed esprime poi suadenze ancora fruttate e floreali. Davvero un vino eccellente da abbinare a piatti sostanziosi a base di carne e di formaggi stagionati. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Manduria (Ta) – Via Fabrizi, 20/a – Cell. 360 264707
lanticopalmento@yahoo.it www.cantineanticopalmento.com
Enologo: Bruno Garofano – Ettari vitati: 2
Bottiglie prodotte: 8.000 – Vitigno: primitivo