Primum Taurasi Docg 2008 | Voto 88/100

Letture: 140
Primum Taurasi Docg 2008 Guastaferro

Guastaferro Raffaele
Uva: aglianico
Fascia di prezzo: 24,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 27/30 – Non omologazione 30/35

Chi acquista una bottiglia di vino, anche se non è un esperto, vuole andare sul sicuro e sincerarsi soprattutto di due cose, al di là del prezzo, la bontà del prodotto e l’affidabilità dell’azienda produttrice. Ecco, in un’ipotetica classifica l’Azienda Agricola Guastaferro Raffaele di Taurasi in questo contesto si posizionerebbe sicuramente bene. Perché costantemente da anni Raffaele riesce a stupire tutti con l’alta qualità dei suoi eccellenti vini, che sono molto apprezzati dai consumatori e che, cosa di non poco conto, fanno incetta di copiosi premi ovunque.

Prendendo spunto dalla prestigiosa manifestazione di Radici del Sud, l’azienda Guastaferro l’anno scorso ha conseguito un primo ed un secondo posto con il Primum Taurasi; e poi ha ottenuto la prima posizione con l’Aglianico Memini. Quest’anno ha replicato con il gradino più alto sempre con l’Aglianico, decretato dalla giuria nazionale, e si è assicurata la seconda piazza con il Taurasi Primum Docg 2008 da parte della stessa giuria.

Il Taurasi Primum 2008 è stato sottoposto alla solita trafila di maturazione tra acciaio, legno e vetro per qualche anno come da disciplinare. Il tasso alcolometrico arriva a toccare i quattordici gradi e mezzo.

Controetichetta Primum Taurasi Docg 2008 Guastaferro

Il naso rileva subito un appeal aromatico sottoboscoso, intrecciato a prugna, amarena, violetta, fieno, grafite, cenere, liquirizia, tabacco, cioccolato, goudron ed effetti empireumatici. Non fanno mancare poi la loro marcata presenza tocchi speziati di noce moscata, chiodi di garofano, pepe nero e vaniglia. L’impatto del sorso sulla lingua è giustamente tannico, caldo, austero, opulento, grintoso, potente, corposo e maestoso, ma è anche fresco, succoso, equilibrato, armonico, voluminoso, sapido, minerale, fine e polposo. Finale persistente e lievemente fumé.

Ennesima conferma di un vino straordinario che durerà ancora per moltissimo tempo, prodotto da un’azienda leader. Da associare a gnocchi alla sorrentina, capretto arrosto, provolone del Monaco e pecorino stagionato. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Taurasi (Av) – Via Gramsci, 2
Tel. e Fax 0825 39244 – Cell. 334 1551543
info@guastaferro.it www.guastaferro.it
Enologo: Antoine Gaita
Ettari vitati: 10
Bottiglie prodotte: 40.000
Vitigni: aglianico, fiano e greco