Produttori di vino in Cina: il diario di Paola Mustilli

Letture: 139
Foto di gruppo

di Paola Mustilli

Siamo di nuovo protagonisti della missione Sannio in Cina, grazie ad un progetto di promozione internazionale nei paesi terzi, finanziato da Confagricoltura Benevento con  Andrea Postiglione Presidente e cofinanziato dalla Comunità Europea e dalla Regione Campania.

I miei compagni di viaggio:
Nicola Matarazzo, Direttore del Consorzio Samnium; Domizio Pigna, Cantina Guardiense; Antonio Razzano, Vigne Sannite; Alfredo Di Leone, Vinicola del Titerno; Rita Pessina, Cantina del Taburno; Carmine Fusco, Cantina Il Poggio; Michele Del Vecchio, Vinicola Del Vecchio; Antonio Di Cicco, Terra di Briganti;  Manfredi Pascarella, direttore Confagricoltura Benevento; Ida Savoia, consulente Confagricoltura; Salvatore Cuoci, Regione Campania.

Dopo 12 ore di volo allietate da film in cinese con sottotitoli in inglese, atterriamo a  Shanghai  e ci lanciamo subito alla scoperta della citta’ che da sola ospita un terzo della popolazione italiana !!  Ci aspetta il nostro partner Yijia, originale cinese de Roma ! Il senso di appartenenza alla patria e’ ancora molto forte, si sceglie per cena un ristorante italiano di un simpatico ragazzo pugliese che ci ha deliziato con una cucina molto delicata

Già al  primo incontro con gli operatori ci si rende conto degli effetti della riforma economica lanciata dal compagno Deng Xiaoping , la Cina e’ in piena espansione economica , la corsa all’occidentalizzazione e’ sfrenata, il desiderio di beni materiali e di status symbol e’ forte , bere vino e’ un modello, quello francese prima di tutto, quello italiano segue a ruota, lo Stato sostiene le imprese private anche nel business del vino, nascono centri espositivi e piattaforme commerciali con estensioni infinite che supportano a 360 gradi le società di importazione e distribuzione , dallo sdoganamento dei vini alla logistica, dal marketing  alla partecipazione alle centinaia di fiere che con cadenza quasi settimanale si organizzano in tutte le città della Cina !

Iniziamo gli incontri di degustazione;  sono mentalizzata alla maniera occidentale sulla scaletta: vini bianchi, rossi leggeri, rossi corposi e in finale vini dolci, vado in crisi quando vedo iniziare gli assaggi con il passito e poi il rosso corposo ed infine il bianco !! Sudo e cerco di mettere ordine gentilmente spiegando la sequenza, ma niente da fare, allora mi lascio andare, “forse si deve partire da qui per poi cambiare le cose “, mi dico speranzosa!

Cena con gli operatori economici al ristorante cinese: effettivamente con l’ anatra glassata o il maialino in crosta dolce il passito ci sta bene ! Con la medusa fritta una falanghina e’ ok, il bello viene sul campe’, quando ti invitano a brindare e si deve bere in un sorso solo tutto il contenuto del bicchiere …fino all’ ultima goccia!!

Maialino in crosta dolce

La cena finisce così, dal bicchiere si passa alla bottiglia, si beve direttamente a canna!

In Cina i ristoranti di un certo livello hanno sale private, il più in voga ne ha 44, un palazzo di  cinque piani, marmo dovunque, ogni sala  con il nome di una città del mondo, tutte arredate in tema, con tanto di tappeti, divani, poltrone, e megaschermo digitale.

Uno dei piatti degustati

Le cucine a vista ed un acquario da fare invidia alla Stazione Zoologica Anton Dohrn con specie di pesci e frutti di mare degni del migliore ristorante di Napoli, unica differenza le tartarughe ahime !! E serpenti in gabbia (meno male) sigh!!

La cena, con il solito tavolo girevole questa volta dotato di motore autonomo. Soluzione confortevole soprattutto perché eviti di ungerti le  mani quando diventa sporco di sughi vari a causa dell’ inesperienza occidentale nell’utilizzo delle bacchette! In linea con la tradizione cinese inizia un primo brindisi del proprietario del ristorante di cui siamo ospiti. A differenza dei nostri, il padrone di casa si alza e inizia a fare il giro del tavolo brindando personalmente con ciascun commensale gridando campe’, poi  si beve fino all’ ultima goccia e si gira il bicchiere! Eravamo in 14, comincio a preoccuparmi per i miei compagni di viaggio maschi a cui toccherà lo stesso giro!

Chiusura in bellezza  con evidente stato allegria collettiva!

Si incontrano tanti italiani, dallo chef gourmet dell’albergo di lusso al professionista , ciascuno con una storia da raccontare, si percepisce un senso di nostalgia per il proprio Paese, si coglie la frase “chef, grazie di averci fatto sentire un po’ a casa nostra stasera “.

Arriva il momento di partire, come dopo ogni viaggio resta la certezza di lasciare qualcosa di noi nel luogo che ci ha ospitato e di esserci arricchiti di esperienze uniche.

Fantastico il gruppo, insieme nella grande Cina abbiamo imparato ad essere uniti nel rispetto delle differenze.

5 commenti

  • Maura

    (19 giugno 2012 - 14:12)

    Si , bel racconto, ma i buyer hanno acquistato? E per quanto riguarda i i prezzi dei vini , e’ vero che i cinesi vogliono spendere poco? E quanto?

    • paola

      (19 giugno 2012 - 15:04)

      qualcuno ha acquistato, qualcuno no, c’e’ spazio per tutti i prezzi e qualita’

  • giancarlo

    (19 giugno 2012 - 16:15)

    l’irpinia quanno se move ????

  • Maura

    (19 giugno 2012 - 20:31)

    Quando presenteranno un progetto che vada incontro ai numeri delle piccole e micro aziende, perche’ di piccoli numeri parliamo in Irpinia, ci sarebbero volute troppe micro aziende per fare il numero minimo di ettolitri previsti dalla misura, e a quel punto sarebbe stata piccola la torta da spartire in tanti! Infondo il 50 x 100 lo deve investire l’azienda , ma se si va in troppi , il gioco non vale la candela! Non e’ l’Irpinia che non si muove , sono le misure che devono adattarsi ai numeri dell’Irpinia. Speriamo che l’anno prossimo si presentino occasioni migliori . Maura

  • giancarlo

    (20 giugno 2012 - 16:08)

    e chiaro grazie maura

I commenti sono chiusi.